GLI USA MINACCIANO DI FAR SALTARE TSMC IN CASO DI INVASIONE CINESE DI TAIWAN

1

Il deputato DEM Seth Moulton ha recentemente minacciato di far saltare TSMC, la più grande società di semiconduttori al mondo, in caso di invasione cinese di Taiwan. Benché formalmente alleata degli USA, l’isola non l’ha presa benissimo. A conferma di come la vera partita tra USA e Cina su Taiwan si giochi sui semiconduttori.

Fonte: Tom’s Hardware


Lunedì, il ministro della Difesa nazionale di Taiwan, Chiu Kuo-cheng , ha rilasciato una dichiarazione sull’integrità territoriale della nazione. Secondo Taiwan News, il ministro taiwanese ha affermato che le forze armate dell’isola non tollereranno alcun tentativo degli Stati Uniti di distruggere TSMC in caso di guerra con la Cina. Che tra Taiwan e Cina vi sia un’accesa guerra di parole è qualcosa a cui siamo abituati, ma Taiwan e gli Stati Uniti sono amici per la pelle. E allora, che cosa sta succedendo?

Le tensioni geopolitiche tra Stati Uniti, Taiwan e Cina sono fondamentalmente confuse con vari principi, comprensioni, ambiguità e politiche che significano cose diverse per le diverse parti. Siamo abituati a vedere Stati Uniti e Taiwan come alleati, ma forse una recente affermazione del membro del Congresso degli Stati Uniti Seth Moulton è andata troppo oltre.

Parlando in tema di politica americana sui semiconduttori e Cina, Moulton ha detto recentemente ai partecipanti alla conferenza politica che “gli Stati Uniti dovrebbero chiarire ai cinesi che, se invadono Taiwan, faremo saltare in aria TSMC”. Parlare apertamente di questi temi non sembra cosa particolarmente gradita a Taiwan, come ha chiarito la dichiarazione del ministro della Difesa Chiu in risposta alle domande dei media taiwanesi lunedì.

Il ministro taiwanese ha chiarito ai giornalisti che le forze armate sono responsabili della difesa di Taiwan (e della sua popolazione, dei materiali e delle risorse strategiche) da qualsiasi aggressione, indipendentemente dalla fonte. “Se vogliono bombardare questo o quello”, le forze armate non lo tollereranno, ha affermato Chiu.

Il membro del Congresso degli Stati Uniti Seth Moulton è un ex ufficiale del Corpo dei Marines e membro del Partito Democratico, ed è importante ricordare che i suoi commenti sulla distruzione delle fabbriche di chip di TSMC a Taiwan non sono privi di precedenti.

L’anno scorso abbiamo riferito di come il presidente di TSMC, Mark Liu, abbia detto agli intervistatori che “Nessuno può controllare TSMC con la forza”, aggiungendo: “Se fai un’azione di forza manu militari o un’invasione, renderai inutilizzabili le fabbriche TSMC”. Ma non sarebbero necessari neppure esplosivi, secondo Liu, poiché le avanzate operazioni di TSMC semplicemente si sgretolerebbero nella misura in cui le sue connessioni in tempo reale con il mondo esterno svanissero. Tuttavia, dovremmo ricordare che le motivazioni della Cina non dovrebbero essere misurate rispetto alla razionalità aziendale. Al contrario, le sue politiche potrebbero essere abbellite da un leader in cerca di gloria, destino, un’eredità e così via.

Allo stesso modo, nell’ottobre dello scorso anno, abbiamo riportato una dichiarazione del direttore generale dell’Ufficio per la sicurezza nazionale di Taiwan, Chen Ming-Tong. Chen ha detto ai legislatori taiwanesi che TSMC avrebbe dovuto sostanzialmente chiudere senza i contributi di ASML o di altri fornitori stranieri. “Anche se la Cina si impossessasse della gallina d’oro, non sarebbe in grado di deporre uova d’oro”, ha riassunto il capo della Sicurezza nazionale.

Si spera che le situazioni qui menzionate non arrivino mai a concretizzarsi e che le attuali politiche riguardanti la distruzione (o la difesa) di strutture strategicamente importanti come TSMC non vengano mai messe in atto.

Telegram | Portale | Ultim'ora | Twitter | Instagram | Truth Social | Odysee

Condividi!

1 thought on “GLI USA MINACCIANO DI FAR SALTARE TSMC IN CASO DI INVASIONE CINESE DI TAIWAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *