IL 22 AGOSTO IN SUDAFRICA I BRICS DISCUTERANNO DI MONETA COMUNE

0

Il gruppo di nazioni dei BRICS discuterà della fattibilità dell’introduzione di una moneta comune, secondo il ministro degli Esteri del Sudafrica, che si prepara a ospitare un vertice dei leader del blocco. Ma la strada è in salita.

Fonte: Bloomberg


Gli aumenti dei tassi di interesse statunitensi e i conflitti geopolitici hanno fatto salire il valore della valuta americana e di tutte le materie prime in essa prezzate, a scapito della maggior parte dei mercati emergenti. Ciò ha stimolato la richiesta di alternative all’utilizzo del biglietto verde come valuta commerciale globale.

Una delle opzioni è che il blocco BRICS – che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica – adotti una propria unità. La questione sarà probabilmente all’ordine del giorno di una riunione dei capi di stato delle nazioni a Johannesburg il 22 agosto. “È una questione che dobbiamo discutere e discutere adeguatamente”, ha dichiarato martedì il ministro sudafricano per le relazioni e la cooperazione internazionale Naledi Pandor in un’intervista a Città del Capo. Ha detto , senza cercare di anticipare le discussioni, “non credo che dovremmo sempre dare per scontato che l’idea funzionerà, perché l’economia è molto difficile e devi avere riguardo per tutti i paesi, specialmente in una situazione di bassa crescita quando sei emergere dalle crisi”.

I BRICS rappresentano oltre il 40% della popolazione mondiale e quasi un terzo della produzione economica globale, rendendolo uno dei blocchi economici più importanti del mondo. Diverse altre nazioni, tra cui l’Arabia Saudita e l’Iran, hanno espresso interesse ad unirsi ai suoi ranghi.

La discussione su una valuta comune per il blocco è stata sollevata dai BRICS e da altre nazioni che si chiedono perché non possono usare le proprie valute in luogo del dollaro USA per commerciare, ha detto la Pandor. Qualsiasi mossa verso la creazione di un’unica forma di corso legale stimolerebbe altri dibattiti sulla creazione di un’unica banca centrale e su dove sarebbe situata, ha affermato il governatore della South African Reserve Bank Lesetja Kganyago. “Non so come potremmo parlare di una valuta emessa da un blocco di paesi che si trovano in posizioni geografiche diverse perché le valute sono di natura nazionale”, ha detto mercoledì a Johannesburg. “Affinché l’area dell’euro arrivasse a questo, hanno dovuto stabilire un trattato in cui tutti gli altri paesi dovevano cedere le loro valute”.

Le nazioni BRICS hanno superato le economie del G7 nel 2020 in base alla misura della parità del potere d’acquisto e lo scorso anno erano più grandi del 4%. L’FMI prevede che tale divario si amplierà ulteriormente in questo decennio, anche se il G7 mantiene il suo vantaggio se misurato utilizzando i tassi di cambio di mercato.

Telegram | Portale | Ultim'ora | Twitter | Instagram | Truth Social | Odysee

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *