POLITICO: BIDEN CONTINUA A IGNORARE L’EUROPA. È ORA CHE I LEADER DELL’UE CAPISCANO IL MESSAGGIO

POLITICO, testata liberal americana tradizionalmente vicina alle amministrazioni democratiche, ammette apertamente che gli USA stanno sfruttando la guerra in Ucraina per allontanare l’Europa dall’energia russa mentre combattono la loro vera guerra a distanza contro la Cina. Biden persegue esattamente gli stessi obiettivi di Trump, ma con molta più astuzia: ti dice ciò che vuoi sentirti dire, poi ti lascia da solo nel momento del bisogno. L’Europa si scopre oggi “contusa e confusa”, tradita e abbandonata da quello che ritenevano un alleato, che approvado l’Inflation Reduction Act infliggerà all’Europa un durissimo colpo. Con nove mesi di ritardo, i mainstream certificano oggi quello che l’uomo della strada ha intuito da almeno nove mesi.

Titolo originale: Biden keeps ignoring Europe. It’s time EU leaders got the message, Nicholas Vinocur, 25/11/2022, Politico


L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato un utile spauracchio per l’Europa. Il suo successore, Joe Biden, si sta rivelando molto più complicato: un amico che dice tutte le cose giuste, ma poi ti lascia nei guai quando conta.

Dal ritiro a sorpresa di Washington dall’Afghanistan allo scoppio della controversia transatlantica sulla vendita di sottomarini all’Australia (AUKUS) fino, ora, al crescente battibecco sull’Inflation Reduction Act (di seguito IRA), che offre incentivi fiscali e sussidi alle imprese ecologiche statunitensi, l’amministrazione Biden ha, per l’ennesima volta, colto l’Europa alla sprovvista.

Ad ogni nuova offesa percepita, gli europei esprimono shock, frustrazione e sgomento: come può Washington non consultare i suoi alleati o, quanto meno, informarli dei suoi piani? Nel frattempo, la risposta americana è sempre una variante di: “Siamo terribilmente desolati, non ci abbiamo nemmeno pensato”.

La dinamica di fondo è quella di una educata indifferenza. Nonostante il rinnovato impegno di Washington nei confronti della NATO e il massiccio esborso di armi e fondi per aiutare l’Ucraina a difendersi dalla Russia, gli Stati Uniti rimangono fermamente concentrati su quella che i più percepiscono come la loro principale sfida esistenziale: la Cina.

In questa equazione, l’Europa viene spesso dopo. Il problema è che su questa sponda dell’Atlantico molti non sono riusciti a recepire il messaggio (o a trarre conclusioni su cosa significhi per il futuro del blocco), preferendo piuttosto recitare un copione di indignazione e rimostranza.

Un esempio attuale è la vivace discussione transatlantica sull’IRA di Biden.

Per mesi in preparazione, scrupolosamente elaborata a Capitol Hill, questa legge rappresenta il massimo sforzo bipartisan compiuto finora da Washington per decarbonizzare la sua economia e prepararsi al disaccoppiamento dalla Cina. Il disegno di legge prevede 369 miliardi di dollari per programmi energetici e climatici, inclusi miliardi di sussidi finanziati dai contribuenti per la produzione di veicoli elettrici negli Stati Uniti.

Si dà il caso che questo rappresenti un potenziale disastro per l’Europa.

Contusa e confusa

Nel mezzo di una crisi energetica che ha visto gran parte dell’economia dell’Unione Europea guardare nell’abisso, il presidente francese Emmanuel Macron ha capeggiato l’accusa contro l’IRA di Biden, accusando Washington di mantenere un “doppio standard” su energia e commercio. Ha chiesto all’Europa di rispondere allo stesso modo lanciando il proprio piano di sussidi, provocando una visita del rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai a una riunione dei ministri del commercio dell’UE a Praga il 31 ottobre.

Ma piuttosto che cercare di blandirli con concessioni, Tai li ha invitati a salire sul treno cinese, offrendo loro sussidi, che non è quello che gli europei volevano sentire.

Secondo un diplomatico dell’UE che ha parlato con POLITICO in vista di una riunione dei ministri del commercio venerdì, i membri del blocco sperano ancora che Biden rimanderà l’IRA al Congresso per il ridimensionamento, una prospettiva che secondo i funzionari statunitensi è probabile quanto l’annullamento del giorno del Ringraziamento.

Il risultato è che l’Europa è ora tornata in un territorio familiare: contusa, confusa e in cerca di una risposta, mentre non riesce a formulare la propria strategia coesa per competere con la Cina. E invece di ricevere solidarietà da Washington in tempo di guerra, sentono che gli Stati Uniti si sono manovrati in una posizione perfetta per risucchiare investimenti dall’Europa.

I contorni di una risposta dell’UE all’IRA hanno iniziato a prendere forma all’inizio di questa settimana, quando Parigi e Berlino – solo di recente tornate a parlare dopo un litigio – hanno chiesto congiuntamente un piano dell’UE per sovvenzionare le industrie nazionali.

Ma quel piano è probabilmente lontano settimane, persino mesi, dal diventare realtà. E anche se tutti i 27 paesi dell’UE riuscissero a raggiungere un accordo, i loro leader avrebbero difficoltà a iniettarvi tanto denaro quanto Washington ha stanziato, poiché la maggior parte dei paesi dell’UE sta ancora urlando di dolore per l’elevato prezzo del gas – gran parte del quale ora viene importato dai terminali di gas naturale liquido in Texas.

Ancora una volta, l’America di Biden si prende cura dei propri interessi mentre l’UE è rimasta a lamentarsi per segnali mancati, sentimenti feriti e pratiche sleali.

La tragedia per l’Europa è che ciò sta accadendo in un momento in cui le relazioni transatlantiche dovrebbero essere ai massimi storici. L’elezione di Biden, seguita dalla guerra in Ucraina e dal massiccio investimento di Washington per sostenere il fianco orientale della NATO, doveva segnare il ritorno decisivo degli Stati Uniti nella sfera europea.

Ma ciò che gli europei stanno scoprendo è che la guerra in Ucraina è solo un aspetto del più ampio duello strategico degli Stati Uniti con la Cina, che avrà sempre la precedenza sugli interessi dell’UE.

Questo era vero sotto Trump e rimane vero sotto il suo successore. È solo che il messaggio viene consegnato in uno stile diverso.

A lungo andare, la cortese indifferenza di Biden potrebbe rivelarsi più mortale.

Condividi!

1 thought on “POLITICO: BIDEN CONTINUA A IGNORARE L’EUROPA. È ORA CHE I LEADER DELL’UE CAPISCANO IL MESSAGGIO

  1. È inutile sperare nella solidarietà degli stati uniti. Come sempre producono zizzania per finire con una guerra, poi rispondono con
    “armiamoci e partite”. Un giochino che svolgono egregiamente da oltre un secolo. Chi ancora non ha capito, parta volontario. Io no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *