LA GUERRA IN UCRAINA HA MESSO IN LUCE UNA VULNERABILITÀ AMERICANA CRITICA

“Quello che sta succedendo in Russia potrebbe succedere a noi”, mi ha detto Gilman Louie. È l’amministratore delegato dell’America’s Frontier Fund (AFF), un fondo di investimento strategico senza scopo di lucro. Louie e i suoi colleghi, un gruppo di imprenditori, investitori, scienziati e professionisti della difesa che include l’ex CEO di IBM Samuel Palmisano e l’ex consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster, credono che rafforzare la catena di approvvigionamento americana sia la sfida più grande per la nostra difesa nazionale , e che richiede una trasformazione generazionale della struttura degli incentivi intorno alla produzione americana. Dal boom tecnologico degli anni ’90, le aziende americane hanno goduto di una redditività significativa sfruttando un sistema in cui l’innovazione può avvenire in patria mentre la produzione avviene all’estero. Nell’Asia orientale, dove la gestione di una fabbrica costa dal 30 al 50% in meno rispetto agli Stati Uniti, questo è stato non solo un vantaggio economico ma intellettuale. La Cina, in particolare, beneficia da tempo del suo accesso alle tecnologie sviluppate negli Stati Uniti.

Rafforzare la catena di approvvigionamento della nazione è la sfida più grande per la difesa nazionale.

Di Elliot Ackerman 14/06/2022 originale per The Atlantic in inglese

Nel 1939, quando l’America stava uscendo dalle pene della Grande Depressione, il nostro esercito si classificava al 19° posto al mondo, dietro al Portogallo e solo leggermente davanti alla Bulgaria. Poteva radunare solo 174.000 soldati, sparsi tra tre divisioni e mezzo. Sei anni dopo, l’esercito americano aveva mobilitato più di 8 milioni di uomini distribuiti in 92 divisioni. Questa espansione senza precedenti avvenne sotto la guida del capo di stato maggiore dell’esercito, il generale George C. Marshall. Il 1 settembre 1945, in una relazione presentata al segretario alla guerra, Marshall avvertì che nella prossima pace, “una nazione ricca che depone le armi come abbiamo fatto dopo ogni guerra nella nostra storia, corteggerà il disastro”. Sebbene presto si sia verificata una smobilitazione, la guerra di Corea ha rimobilitato l’esercito statunitense cinque anni dopo, mettendolo a un livello che in gran parte è sopravvissuto durante la Guerra Fredda.

Come la fine della seconda guerra mondiale, la fine della guerra fredda ha portato a un dividendo di pace. Sebbene i militari si siano contratti in modo incrementale, la smobilitazione si è rivelata limitata poiché la nazione sembrava ascoltare l’avvertimento di Marshall, con un’importante eccezione. Quando gli Stati Uniti entrarono nell’era del dopo Guerra Fredda, i sistemi di innovazione e produzione che avevano sostenuto i militari attraverso un approccio globale alla difesa nazionale iniziarono ad atrofizzarsi.

Gli anni ’90 hanno portato l’era della globalizzazione, del boom tecnologico e delle filosofie di gestione che abbracciavano la produzione offshore a basso costo, creando una catena di approvvigionamento globale redditizia ma fragile, che non aveva più in mente la sicurezza nazionale. Sebbene gli Stati Uniti mantenessero un esercito robusto e mobilitato , avevano smobilitato la propria base manifatturiera. Negli ultimi due anni, le carenze legate alla pandemia hanno portato consapevolezza delle debolezze nella nostra catena di approvvigionamento, mentre l’invasione russa dell’Ucraina ha mostrato i pericoli di essere economicamente vincolati a uno stato autoritario.

Finora in Ucraina, una catena di approvvigionamento globalizzata si è dimostrata uno scudo che il mondo libero ha sollevato contro l’aggressione russa. Vladimir Putin ha sottovalutato sia la sua vulnerabilità economica che la capacità della NATO di unirsi e sfruttare quella vulnerabilità. Ma i problemi della Russia dovrebbero mettere in guardia non solo gli autocrati di latta del mondo, ma anche le grandi democrazie, come gli Stati Uniti, che sono ugualmente vulnerabili alla guerra economica. Se la Cina dovesse invadere Taiwan, la domanda non sarebbe quali sanzioni le democrazie liberali del mondo dovrebbero imporre alla Cina, ma chi starebbe sanzionando. I cinesi hanno un’enorme influenza economica sull’Occidente e potrebbero facilmente sanzionarci.

Al Congresso, un crescente consenso bipartisan riconosce che la nostra catena di approvvigionamento è un problema, e in nessun altro luogo più che nella produzione di semiconduttori. L’anno scorso, 104 aziende in tutto il mondo hanno raccolto 3,3 miliardi di dollari per produrre semiconduttori. Quindici di quelle società erano americane. Settanta erano cinesi e rappresentavano l’80% del finanziamento. L’amministrazione Biden sta attualmente cercando di ottenere finanziamenti per la creazione di incentivi utili per la produzione di semiconduttori “CHIPS for America Act”, un disegno di legge approvato sotto l’amministrazione Trump che da allora non è stato finanziato. CHIPS consentirebbe alle aziende statunitensi di richiedere al Dipartimento del Commercio sovvenzioni fino a 3 miliardi di dollari per creare impianti di fabbricazione di semiconduttori. La Cina ha già dichiarato l’autosufficienza nella produzione di semiconduttori una priorità nazionale. Le tecnologie strategiche come l’intelligenza artificiale e l’informatica quantistica, per non parlare delle tecnologie militari già in campo, si basano su semiconduttori avanzati. Oggi, le principali aziende statunitensi come Amazon, Apple, e Google si affidano a Taiwan per la produzione del 90% dei loro semiconduttori. La Russia, che attualmente sta affrontando una carenza di semiconduttori a causa delle sanzioni, ha fatto ricorso all’approvvigionamento di chip per computer da elettrodomestici come frigoriferi per i suoi tank. Il paese ha anche fatto ricorso all’estrazione di carri armati T-62 vintage dalla naftalina, perché questi modelli più vecchi non richiedono semiconduttori.

“Quello che sta succedendo in Russia potrebbe succedere a noi”, mi ha detto Gilman Louie. È l’amministratore delegato dell’America’s Frontier Fund (AFF), un fondo di investimento strategico senza scopo di lucro. Louie e i suoi colleghi, un gruppo di imprenditori, investitori, scienziati e professionisti della difesa che include l’ex CEO di IBM Samuel Palmisano e l’ex consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster, credono che rafforzare la catena di approvvigionamento americana sia la sfida più grande per la nostra difesa nazionale , e che richiede una trasformazione generazionale della struttura degli incentivi intorno alla produzione americana. Dal boom tecnologico degli anni ’90, le aziende americane hanno goduto di una redditività significativa sfruttando un sistema in cui l’innovazione può avvenire in patria mentre la produzione avviene all’estero. Nell’Asia orientale, dove la gestione di una fabbrica costa dal 30 al 50% in meno rispetto agli Stati Uniti, questo è stato non solo un vantaggio economico ma intellettuale. La Cina, in particolare, beneficia da tempo del suo accesso alle tecnologie sviluppate negli Stati Uniti.

“Sì, il governo cinese ha preso un impegno per la tecnologia profonda”, mi ha detto Louie. “Ma gli imprenditori e gli investitori tecnologici stanno iniziando a fuggire dagli stati autoritari. Questo è il nostro momento”. Louie ritiene che i primi investimenti del governo in settori legati alla difesa come le strutture per la produzione di chip e innovazioni a lungo termine come l’informatica quantistica e l’intelligenza artificiale invieranno un messaggio potente agli investitori del settore privato, creando un effetto catalizzatore. “Se liberiamo il potenziale dei nostri mercati dei capitali, ne usciremo in vantaggio. Ma ci stiamo muovendo troppo lentamente. Abbiamo bisogno di una leadership per farne una priorità. Se ripensi a Kennedy, quando disse che saremmo andati sulla luna, ci mise una linea temporale: sette anni. Questo è ciò di cui abbiamo bisogno, per fissare un obiettivo di produzione nazionale e perseguirlo”.

Il CHIPS for America Act non si pone un tale obiettivo. Sebbene sia un inizio importante, è solo un singolo atto legislativo per un settore specifico e da solo non abbastanza per affrontare la nostra più ampia vulnerabilità della catena di approvvigionamento. Nella seconda guerra mondiale, Franklin D. Roosevelt trasformò l’America in un “arsenale di democrazia“e mobilitò l’industria al servizio della difesa nazionale. La percezione è stata spesso che lo abbia fatto attraverso la nazionalizzazione dell’industria americana. Sebbene la nazionalizzazione fosse certamente una componente importante della mobilitazione industriale americana in tempo di guerra, anche un riallineamento degli incentivi per le imprese si è rivelato cruciale per lo sforzo. Ciò includeva sgravi fiscali per alcuni settori e la rinuncia a determinate misure antitrust. Sebbene il forte coinvolgimento del governo nel settore della difesa, iniziato durante la seconda guerra mondiale, abbia successivamente portato ad avvertimenti di un “complesso militare-industriale”, negli ultimi anni abbiamo scambiato i pericoli di un complesso industriale con quelli del profitto a breve termine ; questo ha portato a vulnerabilità a lungo termine per il nostro Paese.

Per decenni, il capitale americano ha finanziato la crescita cinese. Se Washington si è svegliata di fronte alla minaccia rappresentata dalla sovraesposizione ai mercati cinesi, Wall Street è stata più lenta a seguire, ammesso che lo stia facendo. I fondi cinesi destinati agli investitori istituzionali americani, come grandi dotazioni universitarie e fondi pensione, hanno attirato trilioni di dollari di investimenti in Cina, ma quell’investimento non ha viaggiato in senso inverso. Nel 2020, le società statunitensi hanno investito quasi 14 miliardi di dollari nella sola produzione cinese di computer e prodotti elettronici, mentre l’equivalente investimento cinese negli Stati Uniti è stato di soli 141 milioni di dollari. Sebbene l’aumento delle tensioni geopolitiche renda più onerosi gli investimenti in Cina, non ha impedito al capitale americano di inondare i mercati cinesi.

Inoltre, non ha impedito alle società cinesi con legami con le sue forze armate di perseguire grandi quote di proprietà in società tecnologiche statunitensi, partecipazioni che sfruttano come parte di una politica nazionale di “fusione militare-civile“, in cui il settore privato ha il mandato di condividere la tecnologia con Pechino. Le simulazioni sul campo di battaglia sono diventate una parte fondamentale dell’addestramento militare e Tencent Games , che ha legami con l’Esercito popolare di liberazione, possiede una quota azionaria del 40% di American Epic Games. Mentre gli Stati Uniti e la Cina si affrontano attraverso lo Stretto di Taiwan, gruppi come AFF vorrebbero vedere tali relazioni sottoposte a un maggiore controllo normativo e pubblico negli Stati Uniti, con gli investimenti in Cina che assomigliassero agli investimenti nell’industria del tabacco o nella pornografia, aree dove fondi rispettabili raramente collocano i loro soldi nonostante i potenziali profitti.

Secondo Michèle Flournoy, ex sottosegretario alla Difesa nell’amministrazione Obama e attuale membro del consiglio di AFF , questo cambiamento potrebbe essere già in atto. “La guerra in Ucraina ha mostrato una risposta rapida e universale da parte del settore privato, che ha disinvestito dalla Russia perché non voleva essere esposto a rischi per la reputazione”, mi ha detto. Ma le paure per la reputazione da sole si dimostrerebbero un incentivo sufficiente a cambiare la posizione degli affari americani nei confronti della Cina? “Questa è una sfida a lungo termine”, ha aggiunto Flournoy. “Questo non è qualcosa che il governo da solo può risolvere. Non scambierei il nostro ecosistema di innovazione con il sistema cinese, ma il nostro sistema deve essere mobilitato e puntato nella giusta direzione”.

Gli Stati Uniti hanno la capacità di mobilitarsi. La domanda è se possiamo sostituire una cultura dei profitti e della politica a breve termine con una difesa nazionale a lungo termine. Siamo stati in questa situazione prima. Di fronte alla minaccia sovietica emergente, il generale Marshall dovette affrontare una sfida simile. “Potremmo scegliere ancora di dipendere dagli altri e dal capriccio e dall’errore di potenziali nemici”, ha scritto nel suo rapporto al Segretario alla Guerra, “ma se lo faremo porteremo il tesoro e la libertà di questa grande Nazione in una borsa di carta.”

Elliot Ackerman è uno scrittore collaboratore di The Atlantic e autore del romanzo Abito rosso in bianco e nero . È un ex marine che ha servito cinque turni di servizio in Iraq e Afghanistan.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.