LA RUSSIA NOMINA I PAESI DELL’UE LEGATI AI BIOLAB UCRAINI.

La Russia ha aumentato le sue accuse sulla rete tentacolare di laboratori biologici segreti finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina, affermando che altri paesi della NATO sono stati coinvolti nella discutibile ricerca. Oltre agli Stati Uniti, Germania e Polonia hanno preso parte a programmi di ricerca biologica sul suolo ucraino, ha affermato mercoledì il tenente generale Igor Kirillov, capo della Forza russa di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica.

La Germania e la Polonia sono state coinvolte in esperimenti biologici segreti in Ucraina, ha affermato Mosca

La Russia ha aumentato le sue accuse sulla rete tentacolare di laboratori biologici segreti finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina, affermando che altri paesi della NATO sono stati coinvolti nella discutibile ricerca. Oltre agli Stati Uniti, Germania e Polonia hanno preso parte a programmi di ricerca biologica sul suolo ucraino, ha affermato mercoledì il tenente generale Igor Kirillov, capo della Forza russa di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica.

“Non solo gli Stati Uniti, ma anche un certo numero di loro alleati della NATO stanno portando avanti progetti biologici militari sul territorio dell’Ucraina”, ha affermato. “La leadership tedesca ha lanciato il suo programma nazionale di biosicurezza indipendentemente da Washington nel 2013. Circa 12 paesi, inclusa l’Ucraina, sono coinvolti nel programma”.

Lo sforzo coinvolge importanti istituzioni scientifiche tedesche come l’Istituto Robert Koch e l’Istituto di microbiologia delle forze armate tedesche, ha affermato Kirillov. Secondo i documenti ottenuti da Mosca, quest’ultima ha ottenuto circa 3.500 campioni di siero sanguigno da persone che vivono in 25 regioni dell’Ucraina tra il 2016 e il 2019, ha aggiunto il funzionario.

Il coinvolgimento delle istituzioni subordinate alla Bundeswehr conferma la natura militare della ricerca biologica condotta nei laboratori ucraini e solleva interrogativi sugli obiettivi perseguiti dalle forze armate tedesche, che stanno raccogliendo biomateriale degli ucraini.

Anche la Polonia è stata attivamente coinvolta in tali programmi. I documenti mostrano che Varsavia ha finanziato la National Medical University nella città occidentale di Lvov, in Ucraina, ha proseguito Kirillov. Un ramo dell’università, l’Istituto di Epidemiologia e Igiene, ha partecipato a progetti biologici militari statunitensi, ha osservato.

Inoltre, l’Istituto polacco di medicina veterinaria è stato coinvolto “in studi sulle minacce epidemiologiche e sulla diffusione del virus della rabbia in Ucraina”, ha affermato il funzionario. “In particolare questi studi sono stati condotti insieme all’American Battelle Institute, uno degli appaltatori chiave del Pentagono”, ha aggiunto Kirillov.

La Russia ha iniziato a pubblicare le prove che è riuscita a ottenere sulla rete tentacolare di biolab finanziati dagli Stati Uniti sparsi in tutta l’Ucraina poco dopo lo scoppio del conflitto tra Mosca e Kiev alla fine di febbraio. Le strutture segrete avrebbero condotto ricerche eticamente discutibili e potenzialmente sviluppato armi biologiche.

La scorsa settimana, il capo del comitato investigativo russo, Alexander Bastrykin, ha dichiarato a RT che il suo servizio ha “chiaramente identificato” gli americani coinvolti nella ricerca biologica militare, compresi i dipendenti del Pentagono e le società strettamente associate all’esercito americano. Tutto sommato, Washington aveva incanalato più di 224 milioni di dollari per la ricerca biologica in Ucraina tra il 2005 e l’inizio del 2022, ha affermato Bastrykin.

(Fonte RT – originale QUI)

Condividi!

2 thoughts on “LA RUSSIA NOMINA I PAESI DELL’UE LEGATI AI BIOLAB UCRAINI.

  1. E l’Italia è il laboratorio dove si sperimenta il prodotto delle ricerche, siamo ufficialmente cavie da laboratorio con tanto di contratto stipulato anni or sono.

  2. Italia piena di veleni e tossici distribuiti a cani randagi o di famiglia .Un susseguirsi di sapori terribili non privi di effetti spiacevoli fa pensare che le stesse sostanze vengano irrogate , iniettate o spruzzate su cibi e bevande per umani oltre che su frutta e verdura che si scompone entro poche ore .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.