LA GUERRA DELLA NATO CONTRO LA RUSSIA È GIÀ IN CORSO

La NATO è in guerra con la Russia da parte dell’esercito ucraino, fornendo gli armi, mirando e dirigendo le azioni delle unità di combattimento

Nella sua conferenza stampa del 25 aprile, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto che “la NATO, fornendo armi all’Ucraina, è di fatto impegnata in una guerra per procura con la Russia”. Questa è una tesi molto importante, che deve essere analizzata e compresa.

Secondo il nostro Ministero della Difesa, ci sono 6.824 mercenari stranieri di 63 paesi sul territorio ucraino. Questi includono 1.717 combattenti dalla Polonia, circa 1.500 dagli Stati Uniti d’America, Canada e Romania, e 300 ciascuno dal Regno Unito e dalla Georgia. La Turchia non viene lasciata fuori, inviando alcuni dei combattenti che in precedenza hanno combattuto contro l’Armenia e la Siria per prendere parte alle ostilità dalla parte dell’esercito ucraino.

Secondo le fonti ucraine, una “legione straniera di volontari” è stata formata tra i combattenti inviati dalla Turchia. Sono direttamente coinvolti in operazioni di combattimento. Gli altri, che rappresentano gli Stati Uniti d’America e il Regno Unito, sono lì in qualità di istruttori, addestrando i militari dell’AFU in tattiche, addestramento con le armi da fuoco e detonazione di mine.

Questo è quello che si sa. Dietro le quinte c’è il fatto che gli ufficiali della NATO sono effettivamente responsabili delle unità di combattimento e di supporto al combattimento dell’Ucraina. In particolare, trasmettendo informazioni dai satelliti di tracciamento, aerei di allarme rapido per l’aviazione, l’artiglieria e altre unità AFU.

Così facendo, il personale militare dell’AFU viene usato come carne da macello. Gli artiglieri e i controllori di tiro, tra gli altri specialisti militari, hanno sempre fatto parte del “gruppo a rischio”. I rappresentanti di altre specialità militari sono utilizzati per praticare tattiche contro le forze regolari russe. Poi, le lezioni apprese vengono già utilizzate dalle stesse forze della NATO.

È proprio l’esperienza acquisita sui campi di battaglia in  Ucraina che ha guidato le azioni delle unità occidentali nella recente esercitazione Cold Response 2022 (Norvegia, marzo) e al National Training Center di Fort Irwin.

Sul lato di avversario c’erano figure che parlavano russo e si atteggiavano a rappresentanti di uno stato nemico che controllava la città fittizia di Udjen, diffondendo costantemente disinformazione sui social media contro una brigata di truppe americane che si preparava ad attaccare una città controllata dal nemico.

Anche in passato l’Occidente ha utilizzato il personale militare di altre nazioni, mettendolo sotto attacco.  Nel 2016, il rappresentante permanente della Siria all’ONU ha ricevuto informazioni sensazionali riguardo alla cattura di centocinquanta ufficiali della NATO ad Aleppo orientale. Il presidente della Camera dell’Industria di Aleppo, Farez Shehabi, ha persino pubblicato le liste degli ufficiali catturati.

Di questi: ufficiali americani 22, ufficiali britannici 16, ufficiali francesi 21, ufficiali israeliani 7 e ufficiali turchi 61. Questo non è un caso isolato, dato che ci sono più di seimila mercenari stranieri identificati solo in Siria.

Una situazione simile è stata osservata nel conflitto tra Armenia e Azerbaigian. Il tenente generale Sherif Ongay, comandante della terza armata di campo della Turchia, era incaricato di pianificare l’operazione in Karabakh. Il Generale Maggiore Bakhtiyar Ersay, che era a capo dello Stato Maggiore dell’Azerbaijan, lavorava con lui.

Insieme a loro c’era il “generale dei droni”, il maggiore generale Göksel Kahya dell’aeronautica militare turca. È stato lui a garantire l’uso del Bayraktar TB2. Richiede non solo l’UAV stesso, ma anche il team che lo controlla e lo guida. A quanto pare, questo è quello che stava facendo, oltre a identificare i bersagli per i Bayraktar. Sia i satelliti NATO che gli aerei AWACS erano perfettamente adatti a questo scopo.

La traccia turca può essere vista anche in Ucraina. Oltre ai Bairaktar, centinaia di caccia vennero fatti passare da aerei turchi a Rzeszow, in Polonia. Un centro di reclutamento è stato allestito ad Afrin in Siria, nei territori controllati dalla Turchia, per mandarli in Ucraina.

I jihadisti ricevono dall’imprenditore dai 2.000 ai 2.500 dollari al mese, più i pagamenti previsti per la distruzione delle attrezzature militari russe. Una formazione armata illegale composta da membri delle organizzazioni terroristiche internazionali “Sultan Murad Division” e “Jabhat al-Shamiya”, che conta circa 250 persone, è stata creata sul territorio di Odessa sul denaro di un imprenditore ucraino di origine siriana, Tariq al-Jassim.

"I Bayraktari", come gli altri droni, hanno trovato un uso diffuso sul suolo ucraino. Questo da solo suggerisce la presenza, come un minimo, di istruttori che addestrano l'AFU nell'uso di armi di alta precisione, avendo acquisito competenze in Siria e Azerbaigian.

I segni della presenza della NATO sono principalmente due.

 Il primo segno  è la tattica. Sia la Siria che l’Azerbaigian e l’Ucraina hanno visto un ampio uso di UAV. I droni sono utilizzati sia per osservare i movimenti del nemico che per distruggere direttamente gli obiettivi. Nel corso della loro applicazione si vedono gli elementi principali: quando si distruggono oggetti militari: rilevamento-comunicazione-coordinamento-sconfitta; quando si puntano invece le unità (gruppi) sull’obiettivo: riconoscimento-coordinamento-ritirata.

Così, per esempio, la nostra colonna, avvistata dall’UAV del nemico, è stata affiancata e le granate sono state lanciate alla cieca, sotto il controllo dell’UAV e delle comunicazioni, dopo di che è stata eseguita una ritirata. Il secondo è la necessità di operatori esperti. La NATO e la Turchia sono gli unici ad avere esperienza di combattimento. Possono essere utilizzati sia in modo indipendente che per addestrare gli operatori AFU.

Oltre agli UAV, i satelliti militari e i velivoli di rilevamento radar a lungo raggio sono utilizzati per rilevare e puntare gli obiettivi. È superfluo dire che questo non esiste in Ucraina. Gli aerei utilizzati per questo scopo sono:

Boeing E-3A Sentry (LX-N90454), è un aereo di rilevamento radar a lungo raggio della NATO che “opera” dal territorio della Romania; Northrop Grumman RQ-4A Global Hawk, è un drone da ricognizione strategica della US Air Force; Boeing RC-135V Rivet Joint di US Air Force, in codice di chiama  JAKE11, vola dal territorio della Polonia.

Stavano anche seguendo le acque del Mar Nero quando l’incrociatore Moskva fu danneggiato.

Un’altra fonte d’informazione che gli americani trasferiscono all’AFU è la sorveglianza ottico-elettronica e radiotecnica spaziale. Si tratta dei radar Lacrosse, Topaz, Magnum, Mentor, Intruder e delle navi da ricognizione optoelettronica KN-11 e KN-12. La sorveglianza degli oggetti è condotta 4 volte al giorno, e due volte sorvola direttamente il territorio della Crimea. La risoluzione massima dei satelliti ottici a bordo è di 0,3 – 0,9 metri.

Oltre ai militari, vengono utilizzati anche “mezzi civili”, come i satelliti meteo NAVSTAR e DMSP. Anche i satelliti Starlink di Ilon Musk, che forniscono connettività 5G, sono in uso.  I ricevitori Starlink sono stati avvistati nell’esercito ucraino e ne abbiamo persino ricevuti alcuni come trofei. Secondo varie stime, ci sono ora fino a 5.000 ricevitori Starlink nella zona di guerra, donati su iniziativa di Musk. Capella Space, MDA e Satellogic hanno anche confermato la cooperazione con l’Ucraina.

I satelliti registrano il funzionamento di tutte le apparecchiature radio nella zona di combattimento, sia i “nostri” che i numerosi avversari. Sulla loro base, viene presentata una mappa dei movimenti delle unità russe e ucraine, che viene elaborata in un centro situato in Polonia e poi trasmessa alle unità e alle sottounità ucraine. Le coordinate dei singoli obiettivi “arrivano” direttamente agli esecutori, che sono determinati, inversamente, dai quartieri generali occidentali sulla base dei dati che hanno. Il risultato è una specie di partita a scacchi, con le figurine dell’Ucraina che vengono mosse dall’Occidente.

Il Pentagono stesso non nega il trasferimento di dati alle forze armate ucraine (FAU) che viene utilizzato contro le forze armate nazionali russe, come ha dichiarato il vice capo dell’intelligence Ronald Maltry in una riunione del Comitato dei Servizi Armati della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti.

Gli attacchi sul territorio russo da parte di elicotteri ucraini, anche nella regione di Bryansk e Belgorod, eseguiti a bassa quota, utilizzando “lacune” nel campo radar, sono stati effettuati con l’aiuto di risorse dell’intelligence statunitense. Secondo una versione, l’incrociatore Moskva è stato danneggiato da un missile antinave lanciato da un gruppo di forze speciali occidentali all’insaputa dell’Ucraina.

A breve alle forze armate ucraine verrà consegnato l’MQ-9 Reaper UAV, progettato per operare in conflitti su larga scala con difese aeree a scacchiera. Le sue capacità di combattimento gli permettono di distruggere fino a una compagnia di carri armati, colpendo oggetti a una distanza fino a 1.900 km dal punto di volo. Di conseguenza, gli attacchi al territorio russo continueranno.

Così, non c’è dubbio che non sono solo le truppe ucraine a combattere contro la Russia. L’intero blocco nord atlantico è in guerra contro di noi. Ciò è evidenziato dalla nomenclatura delle consegne di armi ed equipaggiamenti militari, dalla presenza di militari stranieri stessi come istruttori e partecipanti diretti alle operazioni di combattimento, dalle tattiche di combattimento, dall’uso di aerei da ricognizione e puntamento satellitare, e dalla leadership diretta delle unità.


Fonte : Russtrat

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.