L’UKRAINA È SOLO L’INIZIO

L’operazione speciale delle forze armate RF in Ucraina continua a svilupparsi. Si stanno verificando seri cambiamenti nella natura dell’uso operativo del gruppo di truppe russe, indicando l’avvicinarsi di un cambiamento qualitativo nel corso della lotta armata. In queste condizioni, la domanda si pone all’ordine del giorno: cosa accadrà dopo, l’Occidente fermerà le sue pressioni sulla Russia e avvierà i negoziati, come sperano molti russi, o viceversa, la pressione diventerà ancora più feroce, sorgeranno nuovi conflitti armati ?

La conseguenza geopolitica dell’operazione speciale russa sarà un cambiamento nell’intero quadro attuale del mondo

Konstantin Sivkov 28 marzo 2022 Foto: politonline.ru originale in russo QUI

Operazione speciale come parte del terzo mondo

Per rispondere a queste domande occorre rivolgersi a un’analisi politico-militare della situazione, soffermandosi sui suoi aspetti chiave, che consentono di individuare con precisione i rapporti tra la Russia e l’Occidente unito.

In primo luogo, è degno di nota il fatto che l’Occidente agisce come un unico sistema. Ciò si esprime nel fatto che nei complessi delle misure di pressione sulla Federazione Russa di tutti i paesi della NATO guidati dagli Stati Uniti, nonché sui loro alleati nell’Oceano Pacifico – Giappone e Australia, c’è coerenza sia nell’essenza delle azioni e nel tempo. Ciò dà motivo di affermare che alla Russia si oppone una coalizione di stati, tra cui un centro di potere globale – gli Stati Uniti, e un certo numero di centri regionali – Giappone, Germania e Francia. Quindi, c’è un confronto aperto della coalizione alla testa di un centro di potere globale contro un altro centro globale, i cui partner non sono così numerosi: la Bielorussia è finora l’alleato aperto della Russia, ma tende ad espandersi.

In secondo luogo, l’insieme delle misure prese dall’Occidente nel confronto con la Russia può essere attribuito a una guerra economica aperta sotto tutti gli aspetti principali. L’UE ha imposto quasi l’intera gamma delle sanzioni più gravi che può applicare. Lo ha apertamente annunciato Josep Borel, presidente del Parlamento europeo. C’è cioè una tensione, caratteristica della guerra, di tutte le possibili risorse dei paesi partecipanti. La Russia finora non ha realmente risposto, escludendo azioni simmetriche e inefficaci. Tuttavia, le sanzioni occidentali hanno già inflitto gravi perdite economiche all’UE e agli Stati Uniti, che minacciano di trasformarsi in problemi sociali nel prossimo futuro. Tuttavia, continua l’espansione della pressione sanzionatoria sulle aree secondarie. Ciò testimonia l’estrema determinazione della coalizione occidentale, che è anche uno dei segni della guerra.

” Un’ulteriore escalation di tensione nel mondo, soprattutto militare, aumenterà e possiamo aspettarci la prossima fase del periodo iniziale nel terzo mondo”

In terzo luogo, l’Occidente sta portando avanti una politica estera estremamente attiva nei confronti di quei paesi che finora occupano una posizione relativamente neutrale per convincerli a unirsi alla sua coalizione o almeno impedire loro di sostenere la politica russa. In direzione cinese si stanno compiendo sforzi particolarmente grandi per ottenere una scissione nell’emergente alleanza russo-cinese.

In quarto luogo, la lotta della coalizione occidentale contro la Russia nella sfera dell’informazione ha tutti i segni caratteristici di un periodo di guerra: amarezza, disprezzo per tutte le norme etiche e morali, influenza massiccia, uso di falsi a breve termine che hanno effetti operativi o addirittura significato tattico, ma non sono in alcun modo progettati per conseguenze a lungo termine. Inoltre, l’unità dell’agenda informativa in tutti i media negli Stati Uniti e nei paesi della NATO.

In quinto luogo, la fornitura di assistenza militare su vasta scala, tenendo conto solo di restrizioni di importanza critica, all’Ucraina, che sta conducendo uno scontro armato con la Russia. In effetti, l’Occidente non può offrire armi diverse da quelle attualmente fornite all’Ucraina, solo sistemi d’arma portatili di piccole dimensioni. Non ha senso fornire campioni più grandi e complessi, poiché verranno rapidamente identificati e distrutti e i soldati delle forze armate ucraine semplicemente non hanno il tempo di dominarli: le dimensioni del territorio del paese e il ritmo di l’avanzamento delle truppe russe e delle unità di polizia della LPR e della DPR non lo lasciano nemmeno nella quantità minima necessaria. Allo stesso tempo, è impossibile fornire assistenza militare all’Ucraina attraverso l’intervento diretto degli eserciti dei paesi NATO nello scontro armato russo-ucraino a causa dell’altissimo rischio che il conflitto entri nella fase nucleare o almeno ingenti perdite di le truppe dell’alleanza. Anche l’introduzione di una no-fly zone può portare a perdite inaccettabili di aerei NATO e USA per le peculiarità della situazione operativo-strategica e delle condizioni militare-geografiche. Inoltre, anche con l’evidente bassa efficacia dell’attuale gamma di armi, continuano ad accumularsi, il che indica il desiderio dell’Occidente di impedire ad ogni costo la completa sconfitta delle forze armate dell’Ucraina e dell’attuale governo nazista ucraino. Pertanto, la natura delle azioni della coalizione occidentale corrisponde pienamente al tempo di guerra.

In sesto luogo, va rilevata la risolutezza degli obiettivi delle parti. La coalizione occidentale persegue l’obiettivo di sconfiggere la Russia e stabilire il controllo indiviso delle élite globali e occidentali su di essa avviando un colpo di stato nel paese per eliminare l’attuale governo guidato dal presidente Putin, senza evitare la sua distruzione fisica. Da parte della Russia, l’obiettivo dell’azione è interrompere i tentativi di sconfitta e frenare l’ulteriore espansione dell’Occidente e di altri attori mondiali nello spazio post-sovietico. L’eliminazione del regime nazista in Ucraina come fonte più pericolosa e urgente di minacce militari e ideologiche dell’informazione è in questo contesto solo un compito strategico privato. La risolutezza degli obiettivi delle parti opposte è anche un segno importante dello stato di guerra tra di loro.

Settimo, indipendentemente dall’esito del confronto tra la coalizione occidentale e la Russia, ci sarà un rimodellamento radicale del sistema delle relazioni regionali e persino del quadro geopolitico del mondo, che è anche un segno di guerra, e un uno a quello.

Infine, non si può non citare l’attività senza precedenti della “quinta colonna”, che iniziò ad agire quasi apertamente, condannando e sabotando le azioni del presidente e delle forze armate russe. Basti ricordare la fuga dalla Russia sotto vari pretesti di varie “stelle” e “eccezionali uomini d’affari”, nonché la “Dichiarazione congiunta dei partecipanti al dialogo di esperti sulla riduzione dei rischi di uno scontro militare tra Russia e NATO in Europa ” del 2-3 marzo di quest’anno, dove nel primo paragrafo si affermava esplicitamente: “Tutte le parti in conflitto devono immediatamente concordare un cessate il fuoco incondizionato, adottare misure coordinate per attenuare la situazione e raggiungere una soluzione politica attraverso i negoziati”. Nelle condizioni attuali, questa è in realtà una richiesta di resa della Russia all’Ucraina e all’Occidente unito dietro di essa.

Pertanto, possiamo tranquillamente affermare che la Russia è attualmente in guerra con l’Occidente unito. Questa è una guerra di natura diversa da quelle che hanno avuto luogo nel XX secolo. Non può essere dichiarato, perché in sostanza è un classico ibrido, ed è dalla parte dell’Occidente: la Russia in Ucraina, pur conducendo un’operazione militare speciale, non ha ancora iniziato un’applicazione su larga scala di misure tipiche di un guerra ibrida. Dopotutto, anche il gas continua a fluire in Europa, anche attraverso il GTS dell’Ucraina. La portata di questa guerra ibrida con l’Occidente fa pensare che abbia tutti i tratti distintivi di una guerra mondiale: la presenza di coalizioni opposte guidate da centri di potere globali che sono entrati direttamente in uno scontro militare, sia pure nella sfera economica e dell’informazione, il determinazione degli obiettivi, uso di tutto il possibile arsenale di mezzi di lotta, rifiuto di rispettare le norme legali in tempo di pace con il passaggio al principio dell’opportunità militare praticamente su scala globale, trascinando la maggior parte dei paesi del mondo nel conflitto secondo il principio ” se non con noi, allora contro di noi”. Cioè, stiamo parlando dell’inizio della terza guerra mondiale, che si sta ancora svolgendo in una forma ibrida raffinata – la coalizione occidentale conduce lo scontro armato usando i suoi delegati – le Forze armate dell’Ucraina, in un limitato teatro di operazioni all’interno dell’Ucraina territorio, assumendo le funzioni di una vera e propria lotta economica e informativa globale contro il nostro Paese.

Mi si potrebbe obiettare che è troppo presto per parlare di una guerra mondiale. Bene, confrontiamo l’attuale situazione mondiale con l’inizio della seconda guerra mondiale. Cominciò il 1 settembre 1939 con l’attacco della Germania nazista alla Polonia. Francia e Gran Bretagna dichiararono subito guerra ai tedeschi, vincolati da un accordo con la Polonia. Tuttavia, dopo aver dichiarato guerra, non mossero un dito per colpire la Germania dall’Occidente, dove Hitler non aveva truppe più o meno pronte al combattimento. La Polonia ha combattuto da sola, senza alcun aiuto da parte dei suoi alleati occidentali, anche sotto forma di rifornimenti di armi. L’unica cosa che fecero inglesi e francesi fu avviare un blocco economico della Germania. Non ti ricorda niente? La situazione, infatti, nell’autunno del 1939 è strutturalmente identica a quella attuale: entrarono ufficialmente in guerra i tre maggiori centri geopolitici dell’epoca – Germania, da un lato, e Gran Bretagna e Francia, dall’altro, posto solo in Polonia, dove alla Wehrmacht si opposero le forze armate polacche, che possono essere considerate un procuratore delle potenze occidentali. Solo gli interessi differivano: a quel tempo, Francia e Gran Bretagna erano interessate a sconfiggere la Polonia in modo che i loro delegati di livello superiore – Hitler attaccasse l’URSS, e oggi per l’Occidente unito, la sconfitta dell’Ucraina nazista significherebbe una pesante sconfitta strategica. Quindi, il 24 febbraio 2022, gli storici militari del futuro potrebbero ben riconoscere la data dell’inizio della terza guerra mondiale.

Qual è il prossimo?

Sulla base di tale comprensione dell’essenza del momento storico attuale, è possibile prevedere l’evoluzione della situazione geopolitica mondiale e la direzione degli sforzi strategici delle parti in guerra. Va detto che se si considera l’aspetto puramente militare dell’operazione speciale in Ucraina, la sconfitta delle forze armate ucraine e dell’intero governo nazista è predeterminata in un tempo abbastanza breve. Ci sono molti segni di questo. Tra questi ci sono i cambiamenti nelle specifiche dell’uso dell’aviazione russa, l’apparizione di prigionieri di guerra di rango abbastanza alto che deposero volontariamente le armi, le azioni delle élite occidentali che sono completamente prive di significato dal punto di vista militare ed economico, come come la fornitura di sistemi di difesa aerea S-300 a Kiev dalla Slovenia o richieste alla Turchia di fornire sistemi di difesa aerea S-400 agli ucraini, discorsi francamente decadenti della leadership dell’Ucraina e di molti altri. In queste condizioni, solo il tradimento politico può impedire la completa sconfitta del regime nazista ucraino, se la “quinta colonna” riesce a ottenere la cessazione delle ostilità prima che le forze armate ucraine siano completamente sconfitte con la costrizione alla resa completa e incondizionata.

Tuttavia, indipendentemente dall’esito dell’operazione speciale in Ucraina, la guerra della coalizione occidentale contro la Russia continuerà ad intensificarsi: le élite occidentali e globali non possono fermarsi senza sconfiggere la Russia o subire una sconfitta finale in questa guerra. Dopotutto, in gioco c’è la forma del mondo futuro, di cui esistono solo due varianti. Uno ha proclamato Klaus Schwab – il portavoce dei globalisti. Non c’è posto per gli stati e le élite nazionali in esso: il mondo è controllato dalle multinazionali, in realtà privatizzato da loro. Un’alternativa ad esso è il concetto di mondo multipolare proclamato dal nostro presidente l’anno scorso al forum di Davos e ai successivi vertici internazionali chiave, dove gli stati restano i soggetti della politica mondiale e non c’è posto per il potere globale delle multinazionali e del élite corrispondenti.

Queste due opzioni si escludono a vicenda. La vittoria di uno di loro significa inevitabile tracollo, morte, almeno politica ed economica, e scomparsa nella storia dei portatori e beneficiari dell’opzione alternativa. Pertanto, la lotta ha un carattere estremamente duro, quando vengono utilizzati tutti i mezzi che possono essere utilizzati senza rischiare la propria morte immediata. Per le élite occidentali e globali, il compito centrale su questo percorso è la sconfitta e la sottomissione della Russia, dal momento che è finora l’unico leader che ha proclamato un’agenda mondiale alternativa al globalismo. La Russia ha un potenziale nucleare in grado di distruggere fisicamente le élite globali e l’intero mondo occidentale. Senza l’unificazione del potenziale nucleare russo e americano sotto il controllo dei globalisti, è impossibile mettere in ginocchio la Cina. Pertanto, la sconfitta della Russia avviando una rivoluzione al suo interno nei prossimi anni (2-3 anni) è un compito vitale per i globalisti e le attuali élite occidentali.

La sconfitta dell’Ucraina nazista significherà il crollo dell’intera strategia costruita dall’Occidente e dai globalisti negli ultimi 20 anni. Le conseguenze di questa sconfitta possono essere catastrofiche per i globalisti e avere una scala geopolitica. Segnali di ciò si stanno già manifestando oggi nell’emergente riavvicinamento tra Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita con la Russia, la posizione dura della Cina sulla questione ucraina, la richiesta dell’ultimatum del Venezuela di riconoscere Maduro come legittimo presidente del Paese come condizione per avviare negoziati con gli Stati Uniti sulle forniture di petrolio, e una serie di altre manifestazioni simili che indicano una perdita di autorità USA e Occidente in generale nel mondo. Il risultato della sconfitta dell’Ucraina nazista sarà un forte calo dell’influenza americana e, in generale, occidentale nel mondo, che avrà le conseguenze più gravi sull’economia. In queste condizioni, la vendetta per la sconfitta ucraina può diventare il principale leitmotiv della geopolitica USA-Europa.

A sua volta, la fine dell’operazione speciale con il mantenimento dell’attuale regime, anche con una miriade di varie garanzie del trattato, significherà una sconfitta militare per la Russia. E le conseguenze di ciò saranno molto gravi, soprattutto nella situazione socio-politica interna. Un tale passo avrà un impatto negativo sulla posizione internazionale e sullo status del nostro Paese.

Pertanto, un’ulteriore escalation della tensione nel mondo, soprattutto militare, aumenterà e possiamo aspettarci la prossima fase del periodo iniziale del terzo mondo. Il suo contenuto principale, molto probabilmente, basato sull’atteso equilibrio di potere globale a seguito dei risultati dell’operazione speciale in Ucraina, sarà la divisione finale degli stati del mondo in coalizioni opposte, il confronto economico e informativo, nonché la creazione di zone di scontro armato tra formazioni irregolari e forze armate regolari di paesi che sono proxy dei principali centri di potere. In ciascuna delle coalizioni sarà chiaramente identificato un nucleo, che includerà i centri principali del potere con i loro più stretti alleati, che perseguono rigorosamente una politica comune e partecipano attivamente alla lotta, e la periferia – paesi che sostengono questa coalizione, ma partecipare alle sue azioni solo in misura limitata. Il fulcro della coalizione occidentale saranno gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, probabilmente Francia, Germania e Turchia. La periferia sarà costituita dal resto dei paesi dell’UE, orientati verso la civiltà occidentale o dagli stati dell’America Latina, del Medio Oriente e dell’Africa da essa dipendenti. Il nucleo di una coalizione alternativa potrebbe essere Russia, Bielorussia e Cina, probabilmente Corea del Nord e Iran. La periferia può essere costituita dal resto dei paesi CSTO, nonché dai paesi delle regioni sopra citate, orientati verso la Russia e la Cina, in particolare la Siria.

Nell’ambito di questa fase, la coalizione occidentale concentrerà i suoi principali sforzi sulla soluzione del problema della sconfitta finale della Russia, avviando un cambio di potere incostituzionale con il conseguente instaurarsi di un controllo indiviso su di essa. A tal fine, continuerà una guerra economica e informativa senza limiti, unita a tentativi di creare centri di conflitti armati interni ed esterni e persino guerre locali sul territorio del nostro Paese o vicino ai suoi confini. Possibili aree in cui la coalizione occidentale potrebbe tentare di avviare conflitti militari potrebbero essere in Russia le aree adiacenti all’Ucraina, nel Caucaso settentrionale, nelle regioni depresse, nonché nei soggetti della Federazione con una quota significativa della popolazione islamica. L’Ucraina, dove l’Occidente cercherà di schierare e sostenere il movimento Bandera, i paesi dell’Asia centrale con regimi instabili o rivendicazioni territoriali ai loro vicini, così come confinanti con l’Afghanistan, possono diventare probabili zone di conflitti militari esterni in cui il nostro paese potrebbe essere coinvolto. A determinate condizioni, la più importante delle quali potrebbe essere la conclusione dell’operazione speciale senza il raggiungimento degli obiettivi prefissati, non si possono escludere tentativi statunitensi di spingere il Giappone verso una soluzione militare al problema dei territori settentrionali.

Molto probabilmente la Russia sarà costretta ad adottare misure economiche radicali contro l’UE, fino alla completa chiusura delle forniture energetiche e di altre materie prime, risolvendo contemporaneamente i compiti di parare le minacce poste dalla coalizione occidentale, prestando particolare attenzione ai militari. La Cina, soggetta all’indebolimento della posizione degli Stati Uniti nel mondo e alla diminuzione dell’integrità del blocco NATO e del loro potenziale economico a seguito di sanzioni reciproche con la Russia, concentrando la propria attenzione e le proprie risorse sul confronto con il nostro Paese, può andare per una soluzione efficace al problema di Taiwan. In questo contesto, ci si dovrebbe aspettare un forte aumento della tensione militare intorno all’Iran. In America Latina e in Africa, è probabile che i conflitti tra paesi che si trovano alla periferia di coalizioni opposte aumenteranno.

In termini di durata, questo periodo della terza guerra mondiale può variare da uno a tre anni. Si concluderà con la formazione di coalizioni contrapposte e l’emergere di chiare zone di confronto armato, dove si creeranno le condizioni per l’avvio di un confronto armato diretto tra gli eserciti e le marine delle principali potenze mondiali. L’inizio di questo metterà il mondo sull’orlo di una guerra nucleare.

E si può presumere con alta probabilità che con l’emergere di un precedente più o meno ampio di contatti di fuoco tra le forze armate di Stati Uniti, Cina e Russia, verranno presi provvedimenti per prevenire un’ulteriore escalation di tutte le parti in conflitto . Allo stesso tempo, questa fase della terza guerra mondiale potrebbe concludersi in connessione con il ritiro dalla coalizione occidentale del principale centro di potere mondiale: gli Stati Uniti. Ciò è possibile a seguito di un conflitto interno che sta crescendo nella società americana, espresso nel confronto tra le élite nazionali e globaliste. Potrebbe entrare in una fase acuta dopo le elezioni autunnali, quando gli Stati Uniti si immergeranno nella risoluzione di problemi interni, che potrebbero portare a un calo delle tensioni internazionali e all’inizio di un’attenuazione del confronto tra Russia e coalizione occidentale.

Kostantin Sivkov , Vicepresidente dell’Accademia russa delle scienze per la politica dell’informazione, dottore in scienze militari

Condividi!

2 thoughts on “L’UKRAINA È SOLO L’INIZIO

  1. Esaustivo ! Definitivo!
    Aggiungerei un’ occhiata alle visioni in chiaroveggenza profetica del Monaco greco, santo, Paisios , che prevede tutto ciò e da alla Turchia il passaggio del venefico testimone ucraino , per la successiva( identica) aggressione alla Russia .
    Contemporaneamente, in Occidente, l’ inserimento del marchio della Bestia e la guerra nucleare, esiziale.

  2. Finirete ancora come in Afghanistan???

    E chi vi salvera’ dalle vdl, dalle UE, dalle OMS, dalle IMF/IBRD, dalle ONU, dalle OSCE e da TUTTE LE MAFFIE DELL’UNIVERSO?

    SOLO i Brics. Di questo, e SOLO di questo, si tratta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.