IL SALVATORE ECONOMICO DELL’ ASIA OCCIDENTALE DI CHIAMA “MULTIPOLARITÀ”

La domanda non è “crollerà?” ma “il nuovo sistema sarà basato sui principi sostenuti da Sergey Glazyev?” In caso negativo, si baserà sul modello di un nuovo impero romano che gestisce un mondo diviso, impoverito e in guerra sotto l’influenza di un egemone sovranazionale sociopatico?


La transizione da un ordine economico occidentale a uno multipolare sta inaugurando progressi economici e di sicurezza senza precedenti per l’Asia occidentale. Con la Russia e l’Iran a fare la guardia e gli ambiziosi investimenti della Cina, l’Asia occidentale deve recidere le sue dipendenze economiche occidentali e correre verso le ricchezze del multipolarismo.

Di Matteo Ehret02 maggio 2022 per The Cradle (originale in inglese)

È ora in corso una gara che determinerà la forma delle cose a venire per molte generazioni.

Sebbene sia facile perdersi nel brulicare di fatti caotici, frammenti di suoni, rotazione narrativa e altri rumori, è fondamentale tenere d’occhio le più grandi forze storiche che modellano la nostra attuale epoca piena di crisi.

Due settimane fa, in un’importante intervista, l’influente economista russo Sergey Glazyev ha delineato i termini e i principi di funzionamento che saranno rapidamente messi in linea dai principali stati membri della Greater Eurasian Partnership.

Glazyev ha esposto i principi fondamentali su cui si baserà il nuovo sistema economico post-dollaro USA. Sebbene venga concordata qualche unità comune, questa non sarà basata su una valuta particolare come con l’ordine di Bretton Woods, ma piuttosto su un paniere di mercato di valute locali legato più profondamente a una serie di materie prime reali come oro e altri metalli preziosi, grano, idrocarburi, zucchero, ecc.

Vera scienza, non economia da casinò

La differenza tra questo sistema e le strutture economiche angloamericane ormai defunte è che la concezione di Glazyev si basa su processi reali, tangibili e misurabili che definiscono il valore economico tra i partecipanti all’alleanza multipolare.

Questo nuovo paradigma del valore è in netto contrasto con il sistema di tassi di cambio fluttuanti post-1971 di speculazione dilagante e tassi di debiti impagabili in aumento iperbolico a sostegno di decenni di negligenza economica occidentale.

Mentre un sistema giustifica l’aumento dei flussi monetari all’interno di se stesso con una logica speculativa da casinò priva di qualsiasi miglioramento misurabile nelle forze produttive del lavoro, il sistema eurasiatico opposto, come descritto da Glazyev, è molto diverso. Questo sistema multipolare giustifica la crescita economica, gli investimenti e il profitto di attività legate al miglioramento delle condizioni di vita delle persone attraverso pratiche legate al progresso agroindustriale e scientifico.

Coloro che sono disposti a fare le loro ricerche, prenderanno atto che questo è ironicamente come si è comportato l’Occidente quando era ancora in crescita industriale durante il 19 ° secolo e la prima metà del 20 ° secolo. Purtroppo, due generazioni di una logica di società dei consumi postindustriale hanno distrutto quella precedente eredità.

Glazyev non è un teorico qualsiasi. È il ministro russo incaricato dell’integrazione e della macroeconomia dell’Unione Economica Eurasiatica (EEU) e uno dei principali strateghi della EEU-Cina Commission per una nuova architettura finanziaria. In quanto tali, le sue parole non sono semplicemente accademiche, ma una forza attiva di grande strategia che tiene svegli di notte anche gli ideologi monetaristi della Banca centrale russa.

In tutte le sue recenti interviste e scritti, Glazyev ha anche chiarito che i principi di questo nuovo sistema sono già operativi nella forma dell’approccio unico della Cina alla finanza e alle relazioni internazionali, descrivendo recentemente  la Cina nei seguenti termini:

“L’intero sistema bancario in Cina è di proprietà statale, opera come un’unica istituzione di sviluppo, dirigendo i flussi di cassa per espandere la produzione e sviluppare nuove tecnologie. Negli Stati Uniti, l’offerta di moneta viene utilizzata per finanziare il deficit di bilancio e viene riallocata nelle bolle finanziarie. Di conseguenza, l’efficienza del sistema finanziario ed economico statunitense è del 20 percento: solo un dollaro su cinque raggiunge il settore reale mentre in Cina è di quasi il 90 percento (cioè quasi tutto lo yuan creato dalla Banca centrale della RPC ) alimentando così i contorni della produzione in espansione e garantendo una crescita economica elevatissima”.

In tutta l’Asia meridionale e centrale, l’alleanza sino-russa è stata riformatrice con Mosca che ha fornito assistenza militare e di intelligence strategica per prevenire i cambi di regime diretti dall’Occidente negli ultimi sette anni, come abbiamo visto nel caso della Siria dal 2015, della Turchia nel 2016 , e più recentemente del Kazakistan nel 2022.

Tuttavia, la Russia non ha per ora la libertà economica di portare avanti la costruzione di mega-progetti a causa della presa che l’ FMI esercita sulla sua economia: è qui che entra in gioco la Cina. Pechino è stata in grado di utilizzare il suo vasto apparato bancario statale per fornire a lungo investimenti a termine per la ricostruzione di tutte le nazioni maltrattate per generazioni dalla globalizzazione.

‘Tunxi’ per trasformare  l’Asia occidentale

Sebbene l’ammiraglia dei progetti cinesi, la Belt and Road Initiative (BRI) si sia evoluta a un ritmo veloce da quando è stata presentata per la prima volta nel 2013, da nessuna parte offre più speranza che nelle regioni dell’Asia occidentale e sudoccidentale che hanno sofferto per generazioni la manipolazione anglo-americana e la cui gente ha fame di progresso economico.

Con l’ accordo globale di Tunxi del 1 aprile 2022 firmato dai ministri degli esteri di Russia, Pakistan, Cina, Afghanistan, Iran, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan, i progetti BRI del sud-ovest e dell’Asia centrale hanno assunto nuova energia.

Tra le molte iniziative nell’obiettivo del Tunxi c’è di integrare l’Afghanistan nella BRI amplificando anche l’influenza della BRI sulle regioni circostanti, in questo vediamo un’alta priorità su progetti energetici, trasporti/connettività, integrazione, agricoltura, telecomunicazioni e integrazione con le nazioni circostanti. Tra i suoi 72 punti, l’accordo afferma:

“La Cina sostiene l’estensione del Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) e del Corridoio economico Cina-Asia centrale-Asia occidentale-Afghanistan, ed è pronta a promuovere la sinergia tra la Belt and Road Initiative e le strategie di sviluppo dell’Afghanistan, a sostenere il buon funzionamento dei servizi ferroviari merci Cina-Afghanistan, per aiutare l’Afghanistan a integrarsi meglio nel processo di integrazione economica regionale”.

progetti principali includeranno la ferrovia Khaf-Herat che sarà completata ed estesa ai paesi dell’Asia centrale attraverso la linea ferroviaria Mazar-e-Sharif e anche il porto di Chabahar in Iran.

Il viceministro dei trasporti iraniano Abbas Khatibi ha sottolineato che questo progetto si collegherà presto alla Cina e ad altre nazioni regionali dicendo: “Oltre a collegare la rete ferroviaria iraniana all’Europa, la nuova ferrovia Khaf-Herat collegherà i porti meridionali del paese ai paesi dell’Asia centrale, il Caucaso, l’Iraq e persino la Cina”.

Maggiore interconnettività

Il 23 febbraio 2022, il Silk Road Briefing ha dichiarato :

“C’è molto da fare per raggiungere la connettività ferroviaria Iran-Afghanistan-Cina. La rotta prevista a est uscirebbe dall’Afghanistan al confine con il Tagikistan, quindi proseguirebbe a est verso il Kirghizistan prima di entrare in Cina attraverso le valli della catena montuosa del Tian Shan che dividono i due paesi. Un probabile capolinea sarebbe Kashgar, con gli speroni esistenti diretti a nord verso Urumqi e collegati alla rete ferroviaria nazionale ad alta velocità cinese e attraverso l’ovest fino al Kazakistan. Ci sono ancora piani non realizzati per creare un collegamento ferroviario meridionale da Kashgar attraverso il Pakistan”.

Secondo l’accordo di Tunxi, il Turkmenistan ha anche promesso di contribuire allo “sviluppo del sistema di trasporto, transito e comunicazione dell’Afghanistan, all’intensificazione del transito dei flussi di merci e passeggeri, mantenendo il funzionamento delle ferrovie lungo la rotta Atamyrat-Imamnazar -Akina-Andkhoy, progettato per collegare i paesi della regione con ulteriore accesso alla rete ferroviaria della Cina”.

Importante è anche la linea merci di 6540 km Pakistan-Iran-Turchia che ora viene riaperta dopo 10 anni di blocco. Questa linea strategica, che può facilmente intersecarsi con il CPEC e le reti ferroviarie in Cina, riduce i viaggi da 21 giorni in mare a soli 10 giorni. Sono inoltre in corso i piani per aggiungere una nuova linea passeggeri parallela al servizio merci.

Commentando l’importanza di questo progetto, il ministro delle Ferrovie pakistano Azam Khan Swati ha dichiarato: “L’inizio del progetto della tratta ferroviaria porta-container dal Pakistan all’Iran e alla Turchia è un sogno di vecchia data dei paesi della regione che si sta avverando di nuovo”.

A seguito della riunione dell’Organizzazione per la cooperazione economica nel novembre 2021, i rappresentanti di Iran, Azerbaigian e Georgia hanno avanzato progetti per collegare il Golfo Persico (presso il porto di Bandar Abbas in Iran) con il Mar Nero tramite ferrovia.

Questo sviluppo fa parte del più ampio International North South Transportation Corridor (INSTC), che negli ultimi anni è diventato sempre più sinergico con la BRI est-ovest e che offre molteplici punti di intersezione con Russia, Ucraina ed Europa. Se si vuole evitare un conflitto più ampio tra la Russia e i suoi vicini europei, i progetti vantaggiosi per tutti di cooperazione economica incarnati da questo progetto sono essenziali.

Un’alta priorità nell’accordo di Tunxi è stata data ai progetti energetici di cui l’Afghanistan ha un disperato bisogno. Tra i numerosi progetti presentati su carbone, gas naturale e altri, molti sono stati gli sforzi compiuti per sottolineare la complementarità con il progetto CASA-1000 lanciato nel 2016. Questo mega progetto energetico da 1,2 miliardi di dollari prevede la creazione di un vasto sistema di linee di trasmissione che si estendono dalla Repubblica del Kirghizistan, al Tagikistan, al Pakistan e all’Afghanistan.

Un altro progetto ad alta priorità presentato a Tunxi è il gasdotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India (TAPI) di 1814 km, la cui costruzione è iniziata nel 2018, e sarà una forza importante per lo sviluppo residenziale e industriale di tutte e quattro le nazioni.

Quanto sarà “nuovo” l’ordine internazionale?

Mentre l’alleanza Russia-Cina è solida, altre nazioni tra le 148 che hanno finora firmato accordi di cooperazione con la BRI sono su un terreno più instabile. È in queste zone più deboli che si stanno compiendo sforzi per allentare il tessuto dell’alleanza eurasiatica con ogni mezzo possibile.

Tale è stato il destino del Pakistan, che ha visto il presunto rovesciamento del primo ministro Imran Khan , diretto dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il 10 aprile. Ciò ha messo in dubbio il livello di impegno del nuovo governo nei confronti dei progetti CPEC e BRI, come delineato a Tunxi e in altre località, nonché sui più ampi accordi di sicurezza pro-eurasiatici avanzati negli ultimi anni attraverso l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO). Almeno per il momento, il nuovo governo pakistano di Shehbaz Sharif ha promesso di mantenere il CPEC come priorità nazionale assoluta.

Qualunque sia l’esito del conflitto in corso in Ucraina, il tintinnio militare degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico o gli sforzi più ampi per destabilizzare gli alleati di Russia, Iran e Cina (RIC), il fatto è che l’ordine attuale come lo conosciamo è nella fase terminale del suo declino, mentre in un modo o nell’altro sorgerà un nuovo sistema economico.

La domanda non è “crollerà?” ma “il nuovo sistema sarà basato sui principi sostenuti da Sergey Glazyev?” In caso negativo, si baserà sul modello di un nuovo impero romano che gestisce un mondo diviso, impoverito e in guerra sotto l’influenza di un egemone sovranazionale sociopatico?

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.