USA. LA PROPOSTA SUL CARBONIO DI BIDEN È IMPRATICABILE, DICE IL SETTORE ENERGETICO

1

Il settore energetico USA si ribella al piano dell’EPA per la riduzione delle emissioni di carbonio dal settore elettrico voluto da Biden: “impraticabile e costoso”.

Fonte: Reuters


Martedì [ieri ndr] i proprietari delle centrali elettriche hanno avvertito l’amministrazione Biden che il radicale piano per la riduzione delle emissioni di carbonio dal settore elettrico è impraticabile, facendo troppo affidamento su tecnologie costose che non sono ancora state dimostrate su larga scala.

Il principale gruppo commerciale di servizi pubblici, l’Edison Electric Institute (EEI), ha chiesto all’Environmental Protection Agency (EPA) una revisione degli standard proposti per le centrali elettriche, che dipendono dalla diffusa disponibilità commerciale di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) e idrogeno verde a basse emissioni, aggiungendo che la visione dell’agenzia non sarebbe “legalmente o tecnicamente solida”.

“Le aziende elettriche non sono ottimiste sul fatto che le nuove tecnologie che l’EPA ha designato come base per gli standard proposti per la generazione nuova ed esistente a base fossile soddisferanno i requisiti di prestazioni e costi nei tempi previsti dall’EPA”, ha affermato l’EEI in un commento pubblico rilasciato martedì sulla scadenza dell’agenzia per il feedback.

La resistenza dell’EEI e di altri gruppi legati all’energia rappresenta un problema potenzialmente grande per l’agenda climatica dell’amministrazione.

Il presidente Joe Biden ha l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette entro il 2035 nel settore energetico, la fonte di un quarto dei gas che riscaldano il clima della nazione. Questo obiettivo è una parte centrale dell’impegno di Washington a dimezzare negli Stati Uniti la produzione di gas serra entro il 2030 nell’ambito di un accordo internazionale per combattere il cambiamento climatico globale.

Proposto a maggio, il piano EPA limiterebbe per la prima volta la quantità di anidride carbonica che le centrali elettriche possono emettere, dopo che i precedenti sforzi sono stati annullati in tribunale.

Anche il West Virginia, che ha condotto una causa contro il Clean Power Plan dell’era Obama, e altri 20 stati si sono opposti al regolamento, perché gli standard non lascerebbero agli operatori delle centrali a carbone altra scelta che chiudere.

I limiti proposti per le centrali elettriche nuove ed esistenti presuppongono infatti la disponibilità della tecnologia CCS in grado di aspirare la CO2 dal camino di una centrale prima che raggiunga l’atmosfera, o l’uso dell’idrogeno come combustibile. L’EPA ha affermato che l’approvazione dello scorso anno dell’Inflation Reduction Act, che sovvenziona tali tecnologie, le rende convenienti e fattibili.

I gruppi ambientalisti Clean Air Task Force e Natural Resources Defense Council hanno affermato che la proposta “offre tempi di consegna generosi per l’implementazione e la conformità e non causerà problemi di affidabilità se finalizzata”.
L’industria è particolarmente preoccupata per gli standard proposti per le centrali elettriche a gas naturale esistenti, affermando che tali strutture sarebbero difficili da adattare con CCS, o idrogeno, a causa dei vincoli di spazio e altre limitazioni.

Il più grande operatore della rete elettrica degli Stati Uniti, PJM Interconnection, e altri tre operatori, che servono un totale di 154 milioni di clienti, hanno espresso preoccupazione per uno scenario in cui “le tecnologie necessarie non sono ampiamente disponibili in commercio in tempo utile per bilanciare la grandi quantità di dismissioni” della generazione dispacciabile.

Gli operatori di rete, in una dichiarazione congiunta, hanno esortato l’EPA a non adottare il piano prima di aver esaminato a fondo il suo impatto sull’affidabilità delle reti elettriche, segnalando il rischio di un “impatto agghiacciante” sugli investimenti per mantenere le unità dispacciabili esistenti.

Il piano dell’EPA richiederebbe grandi impianti a gas esistenti che funzionano almeno il 50% del tempo per installare la cattura del carbonio entro il 2035, o co-combustione con il 30% di idrogeno entro il 2032. EEI ha chiesto all’agenzia di “riproporre o integrare in modo significativo” le regole proposte per gli impianti a gas esistenti.

Una utility di proprietà degli investitori, Constellation (CEG.O), con sede a Baltimora, ha preso le distanze dalla posizione dell’EEI e ha affermato di sostenere le linee guida proposte dall’EPA. La società ha detto, tuttavia, che stava cercando di migliorare il regolamento.

La National Rural Electric Cooperative Association, che rappresenta 900 società elettriche di proprietà dei membri, ha chiesto all’EPA di ritirare la norma proposta, affermando che comprometterebbe l’affidabilità e la convenienza, ha affermato il CEO Jim Matheson.

Anche i sindacati, United Mine Workers of America e International Brotherhood of Electricity Workers, hanno invitato l’EPA a riscrivere il regolamento e hanno criticato la sua dipendenza dalla CCS, dicendo che mette a rischio i posti di lavoro.

La proposta dell’EPA è stata elaborata per riflettere i vincoli che la Corte Suprema ha imposto all’agenzia l’anno scorso dopo aver stabilito che il Clean Power Plan dell’era Obama si era spinto troppo oltre, imponendo un passaggio sistemico dai combustibili fossili alle energie rinnovabili.

Telegram | Portale | Ultim'ora | Twitter | Instagram | Truth Social | Odysee

Condividi!

1 thought on “USA. LA PROPOSTA SUL CARBONIO DI BIDEN È IMPRATICABILE, DICE IL SETTORE ENERGETICO

  1. Come al solito, i fatti hanno la testa dura e non si piegano alle trovate estemporanee di politici, burocrati o economisti. Un mondo mosso dalla elettricità ottenuta esclusivamente da fonti energetiche rinnovabili è pura utopia. Le strade che prevedono l’abbattimento della CO2 o l’idrogeno come vettore sono concepibili in piccola o piccolissima scala per via dei costi proibitivi. L’unica energia che può sostituire buona parte dei fossili è la nucleare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *