L’ALLEANZA EURASIATICA PIANIFICA UNO STANDARD MONDIALE DI MOSCA PER DISTRUGGERE IL MONOPOLIO DELLA LBMA SUI PREZZI DEI METALLI PREZIOSI

Il vero impatto della proposta della nuova infrastruttura per il commercio e la determinazione dei prezzi dei metalli preziosi, se adottata dai paesi dell’Unione economica eurasiatica, dai BRICS e dall’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, è che potrebbe portare alla determinazione dei prezzi dei metalli preziosi reali ed essere ” capace di distruggere il monopolio di Londra” sui prezzi.

di Tyler Durden per ZeroHedge – 4.09.2022 – originale in inglese QUI

Verso la fine di luglio, dai media russi è emersa la notizia che Mosca e un certo numero di suoi alleati eurasiatici stanno ora esaminando una proposta per creare un’infrastruttura commerciale e di determinazione dei prezzi completamente nuova per i metalli preziosi internazionali al fine di distruggere sia Londra che il monopolio di New York sul prezzo globale dei metalli preziosi e per stabilizzare il mercato dell’oro russo.

Tale infrastruttura assumerebbe la forma di:

un Moscow World Standard (MWS) per il commercio di metalli preziosi, simile alla London Good Delivery List della London Bullion Market Association (LBMA)

una nuova borsa internazionale di metalli preziosi (sede di scambio) con sede a Mosca basata sulla MWS e nota come Borsa internazionale dei metalli preziosi di Mosca

un Comitato per la fissazione dei prezzi, con scoperta dei prezzi e nuove fissazioni dei prezzi dei metalli preziosi sulla base del MWS e prezzi di riferimento derivati nelle valute nazionali dei paesi partecipanti o in nuove unità di regolamento internazionali

Questo articolo esaminerà questi sviluppi, spiegherà chi li ha proposti, esplorerà la gamma potenzialmente ampia di paesi che potrebbero partecipare a un tale sistema e esaminerà il pensiero dei creatori su cosa dovrebbe essere basato il prezzo dell’oro e di altri metalli preziosi.

Le fonti riportate che discutono di questa nuova “proposta” di informazioni sui metalli preziosi provengono principalmente da 3 siti di notizie russi, vale a dire Prime (parte del gruppo mediatico RIA Novosti), quotidiano economico RBC (parte del gruppo mediatico RBC) e URA news (un notiziario con sede a Ekaterinburg). Tutte le fonti sono state tradotte dal russo all’inglese.

Ministero delle finanze russo agli operatori di mercato

All’inizio del 28 luglio, in un articolo intitolato ” Il ministero delle finanze russo propone di creare lo standard di Mosca per i metalli preziosi “, il sito di notizie economiche Prime (RIA Novosti) ha affermato che, sulla base di una lettera inviata dal ministero delle finanze russo alle aziende finanziarie partecipanti:

“Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa propone di creare un nuovo standard internazionale per il mercato dei metalli preziosi – Moscow World Standard (MWS) – per normalizzare il funzionamento dell’industria dei metalli preziosi”.

Più tardi quello stesso giorno, in un articolo intitolato ” Il Ministero delle Finanze ha spiegato l’idea di creare un nuovo standard per il mercato dei metalli preziosi “, il sito di notizie RBC ha affermato che:

” Il ministero delle Finanze non ha presentato una proposta per creare un nuovo standard internazionale per il mercato dei metalli preziosi, ha affermato il servizio stampa del ministero”.

“‘In qualità di autorità di regolamentazione del settore, il ministero delle Finanze ha reindirizzato la proposta da esso ricevuta ai partecipanti al mercato per valutarla e fornire una posizione sull’opportunità della sua attuazione’, ha affermato il servizio stampa”.

Quindi, secondo RBC, il ministero delle finanze russo non ha proposto lo standard mondiale di Mosca e l’idea di scambio di metalli preziosi, ma l’ha semplicemente inoltrato agli operatori del settore nei mercati finanziari russi.

Poi sorge la domanda, chi ha creato la proposta? Per la risposta, ci rivolgiamo al sito di notizie URA.

Commissione economica eurasiatica (CEE)

Il 29 luglio in un articolo intitolato ” Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa ha avviato una discussione sulla riforma del mercato mondiale dell’oro “, il sito di notizie URA ha affermato che:

” La discussione sul nuovo gold standard è stata avviata dalla Commissione economica eurasiatica (CEE) , l’organismo di regolamentazione dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) , ha detto il servizio stampa della CEE a URA.RU il 29 luglio”.

Nota, gli Stati membri dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) sono la Repubblica di Armenia , la Repubblica di Bielorussia , la Repubblica del Kazakistan , la Repubblica del Kirghizistan e la Federazione Russa .

URA continua :

“ Secondo un portavoce della Cee – ‘ L’11 luglio Sergey Glazyev , ministro per l’Integrazione e la Macroeconomia della Commissione economica eurasiatica , ha tenuto un incontro per discutere una proposta per creare uno standard internazionale per il mercato dei metalli preziosi in alternativa al London Bullion Market Association (LBMA) e infrastrutture per la circolazione dell’oro tokenizzato e dei metalli preziosi .

All’incontro con Glazyev hanno partecipato esperti dei ministeri delle finanze e delle banche centrali , borse nazionali , produttori di metalli preziosi , nonché altre organizzazioni interessate degli stati dell’EAEU .

Questo è un elenco piuttosto incredibile e di alto livello di entità che hanno partecipato all’incontro con Sergey Glazyev e dovrebbero inviare onde d’urto attraverso le banche centrali occidentali e le loro controparti bancarie.

URA continua:

I partecipanti si sono scambiati opinioni e, dopo l’incontro, la CEE ha inviato lettere ai governi delle parti con la richiesta di prendere posizione su questo tema.’”

Quindi ora diventa più chiaro. Dopo l’incontro dell’11 luglio, il Ministero delle Finanze russo (in teoria comunque) ha ricevuto la nuova proposta di infrastruttura per i metalli preziosi in una lettera dalla Commissione economica eurasiatica (CEE), e ha successivamente inviato la propria lettera ai partecipanti rilevanti nel settore finanziario russo.

Secondo l’URA, il ministero delle Finanze russo ” in qualità di regolatore del settore ” ” ha reindirizzato la proposta da esso ricevuta ai partecipanti al mercato per valutarla e fornire una posizione sulla fattibilità della sua attuazione ” e ha inviato la sua lettera 2 settimane dopo l’11 Luglio:

“ Due settimane dopo , il ministero delle Finanze ha organizzato una discussione tra le autorità russe e gli operatori di mercato sulla creazione di un nuovo standard industriale internazionale inviando lettere. “

Questo è il motivo per cui i primi resoconti dei media russi hanno raccolto il nuovo solo nella settimana che inizia il 25 luglio. Il sito di notizie russo Pravda aggiunge un po’ di colore. In un articolo del 6 agosto, la Pravda afferma che:

«Infatti, l’idea non è stata proposta dal ministero delle Finanze nella persona di Anton Siluanov, ma dalla Commissione economica eurasiatica e dal suo ministro Sergei Glazyev .

L’11 luglio Glazyev ha tenuto una riunione in cui questa proposta è stata discussa per la prima volta in un ampio cerchio , dopodiché è stata redatta per lettere e inviata ai governi nazionali di vari paesi, tra cui il Ministero delle Finanze , che in Russia funge da regolatore del settore del commercio di metalli preziosi”.

Prima di guardare chi è Sergey Glazyev (Сергей Глазьев in russo), diamo un’occhiata a cosa conteneva effettivamente la lettera del ministero delle finanze russo ai partecipanti al settore finanziario russo.

La lettera Min Fin – MWS e An Exchange

L’effettiva lettera del Ministero delle Finanze russo (Min Fin) ai partecipanti ai mercati finanziari russi non è (per quanto posso vedere) disponibile da nessuna parte sul web. Ho chiesto all’Associazione finanziaria nazionale russa (SRO NFA), l’organismo di rappresentanza del settore finanziario russo e del settore dei metalli preziosi , se potevano inviarmene una copia, ma non hanno risposto.

Ho anche chiesto all’ufficio stampa della Commissione economica eurasiatica (CEE) documenti e informazioni sulla proposta dello standard mondiale di Mosca, ma non hanno risposto.

Pertanto, il contenuto della lettera del Min Fin russo ai partecipanti al settore finanziario russo deve essere ricostruito utilizzando le fonti di notizie dei media russi.

Uno standard mondiale di Mosca (MWS)

Prime (RIA Novosti) e RBC affermano che la lettera del ministero delle Finanze russo propone la creazione di “ un nuovo standard internazionale per il mercato dei metalli preziosi – Moscow World Standard (MMC) – Moscow World Standard (MWS) . MMC è la versione russa = Московский мировой стандарт

Dato che, nell’ambito delle sanzioni occidentali contro la Russia, il 7 marzo 2022 la London Bullion Market Association (LBMA) ha espulso tutte le raffinerie russe di oro e argento Good Delivery dalla LBMA Good Delivery List (le 6 raffinerie, ovvero Krastsvetmet, Novosibirsk, Uralelectromed, Prioksky , Shyolkovsky e l’impianto di lavorazione delle leghe speciali di Mosca), quindi questo nuovo standard mondiale di Mosca (MWS) proposto sembra un sostituto e una nuova concorrenza per l’ elenco di consegne buone per LBMA .

Si noti che il 7 marzo 2022 il CME (COMEX) ha anche rimosso tutte le stesse 6 raffinerie russe dagli elenchi dei marchi approvati dal COMEX per l’oro e l’argento .

Vedi l’articolo di BullionStar “ Gli Stati Uniti danno il via allo ‘Stop Russian Gold Act’, spingendo LBMA e COMEX a espellere le raffinerie russe ” per tutti i dettagli sulla rimozione di LBMA / COMEX delle raffinerie russe.

Si noti che la LBMA ha anche rimosso 3 banche russe dall’elenco dei membri della LBMA alla fine di febbraio 2022, vale a dire VTB, Otkritie e Sovcombank. Vedi qui per i dettagli. Si noti inoltre che all’inizio di aprile 2022, l’organizzazione sorella della LBMA, il London Platinum and Palladium Market (LPPM) ha rimosso due raffinerie russe dalla sua Good Delivery List LPPM , ovvero Krastsvetmet e Prioksky.

Una borsa internazionale di metalli preziosi di Mosca

Dato il proposto Moscow World Standard (MWS), RBC afferma che “ la base della nuova struttura potrebbe essere uno scambio internazionale specializzato di metalli preziosi con sede a Mosca (MBDM). “

Nota, in russo, MBDM = МБДМ = международную биржу драгоценных металлов Москве (МБДМ) = Borsa internazionale dei metalli preziosi di Mosca

Prime (RIA Novosti) e URA affermano entrambi che la lettera del Ministero delle finanze russo afferma che:

“Per normalizzare il funzionamento dell’industria dei metalli preziosi, è fondamentale creare un’infrastruttura internazionale indipendente che sia alternativa nelle sue funzioni alla LBMA.

Si propone di basare la struttura proposta su una borsa internazionale specializzata di metalli preziosi con sede a Mosca (MBDM) , utilizzando il nuovo standard internazionale MWS ”

URA si riferisce allo status quo globale esistente sulla fissazione del prezzo dell’oro che la nuova borsa russa e il nuovo standard mondiale di Mosca mirano ad essere un’alternativa a:

“ Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa ha avviato un dibattito sulla riforma del mercato internazionale dell’oro, che ora è controllato da Stati Uniti e Regno Unito .

A tal fine, le autorità russe stanno discutendo la creazione di una borsa internazionale di metalli preziosi con sede a Mosca e di un nuovo standard di mercato: il Moscow World Standard (MWS) come alternativa al London Standard (LBMA) generalmente riconosciuto .

Se l’iniziativa verrà attuata, la Federazione Russa potrà aggirare le sanzioni occidentali sulla vendita del suo oro all’estero “.

Secondo Prime (RIA Novosti) e RBC, la lettera del Min Fin russo afferma che:

“Nell’ambito dei lavori dello scambio, si propone di creare un Comitato per la Fissazione dei Prezzi, che includerà le Banche Centrali dei paesi membri dell’EAEU e le loro maggiori banche operanti nel mercato dei metalli preziosi , previa applicazione dello standard MWS .”

La fissazione del prezzo qui si riferisce a prezzi di riferimento o benchmark giornalieri. Le cinque banche centrali dei paesi EAEU sono la Banca di Russia, la Banca nazionale del Kazakistan, la Banca nazionale della Bielorussia, la Banca nazionale della Repubblica del Kirghizistan e la Banca centrale dell’Armenia.

Le ” più grandi banche operanti nel mercato dei metalli preziosi ” per ciascun paese si riferirebbero alle banche commerciali in ogni rispettivo mercato che sono coinvolte nel mercato dei metalli preziosi, ad esempio per la Russia sarebbero banche come VTB, Bank Otkritie, Sovcombank, Sberbank, e Gazprombank.

Per quanto riguarda la fissazione dei prezzi di riferimento, Prime (RIA Novosti) e URA affermano anche che la lettera del Min Fin russo fferma che:

“La scommessa dovrebbe essere posta sulla fissazione dei prezzi nelle valute nazionali dei principali paesi partecipanti , o su nuove unità di accordi internazionali , come la nuova unità di accordi proposta dal Presidente della Russia all’interno dei paesi membri dell’organizzazione BRICS “.

URA collega il testo di cui sopra su una nuova unità di regolamento BRICS a un articolo dell’URA del 22 giugno 2022 intitolato ” Putin sta preparando un sostituto per il dollaro ” che afferma che:

“Il sistema di messaggistica finanziaria russo è aperto a collegare le banche dei cinque paesi [BRICS] . La geografia dell’uso del sistema di pagamento russo “Mir” viene ampliata. La questione della creazione di una valuta di riserva internazionale basata su un paniere di valute dei nostri paesi è in fase di elaborazione “, ha affermato Vladimir Putin.

Si noti che mentre il gruppo BRICS è attualmente composto dai cinque paesi di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, altri due paesi, ovvero Argentina e Iran, hanno recentemente espresso interesse ad entrare a far parte dei BRICS.

Tutto questo è una grande novità. I paesi dell’EAEU mirano a sviluppare meccanismi di determinazione del prezzo dei metalli preziosi indipendenti da LBMA e COMEX, nonché indipendenti dai fixing LBMA e LPPM come le aste giornaliere LBMA Gold Price e giornaliere LBMA Silver Price e le giornaliere LPPM Platinum Price e Aste al prezzo del palladio .

Al di là dei paesi EAEU di Russia, Bielorussia, Armenia, Kazakistan e Kirghizistan, l’agenzia di stampa Prime (RIA Novosti) afferma che la lettera del Min Fin russo prevede una partecipazione ancora più ampia all’interno del nuovo sistema proposto:

“È necessario rendere l’adesione a questa organizzazione attraente per tutti, senza eccezioni , i partecipanti stranieri al mercato dei metalli preziosi, in particolare Cina, India, Venezuela, Perù e altri paesi del Sud America e dell’Africa , secondo il Ministero delle Finanze. “

Durante la copertura mediatica russa della lettera ai partecipanti al settore finanziario russo, essi sottolineano che l’obiettivo del nuovo sistema è porre fine al dominio LBMA / COMEX della fissazione dei prezzi dei metalli preziosi.

L’obiettivo della Russia: distruggere il monopolio della LBMA

L’ URA afferma che ” la riforma del mercato mondiale dell’oro” è ” proposta per privare Londra e New York del monopolio ” RBC afferma che “Il ministero delle Finanze ritiene che la creazione di una nuova struttura: può distruggere il monopolio della LBMA, creare una potente associazione internazionale di partecipanti all’industria dei metalli preziosi, e garantire lo sviluppo stabile del settore sia in Russia che nel mondo.

In effetti, tutte e tre le fonti di notizie usano la parola “distruggere” in relazione al monopolio della LBMA sui prezzi dei metalli preziosi:

RBC – “ Il Ministero delle Finanze ritiene che la creazione di una nuova struttura possa distruggere il monopolio della LBMA ”

Prime – “ La creazione di una struttura del genere sarà in grado di distruggere il monopolio della LBMA nel più breve tempo possibile ”

URA – “ La creazione di un nuovo gold standard in futuro è in grado di distruggere il monopolio di Londra sui prezzi nel mercato dei metalli preziosi ”.

Mentre la LBMA, LPPM e COMEX che escludono le raffinerie russe dagli elenchi dei “buoni fornitori” e “raffinatori approvati” possono essere convenientemente utilizzate come catalizzatore per spiegare questa nuova “proposta” della Commissione economica eurasiatica (CEE) per creare uno standard mondiale di Mosca e uno scambio di metalli preziosi con sede a Mosca, se guardi al pensiero di Sergei Glazyez, questa proposta è stata probabilmente pianificata e studiata con largo anticipo ed è rimasta su uno scaffale in attesa di essere implementata al momento giusto.

Allora, chi è questo Sergei Glazyev, che attraverso la Commissione economica eurasiatica (CEE), sta guidando la proposta di creare una struttura di scambio e prezzo completamente nuova, guidata dalla Russia, per i mercati globali dei metalli preziosi?

Attualmente, Glazyev, nato in Ucraina da padre russo e madre ucraina, è un politico russo e uno dei principali economisti russi, ed è nel consiglio di amministrazione della CEE come Commissario per l’integrazione e la macroeconomia. La sua biografia/profilo EEC può essere visto qui .

Durante la sua carriera, Glazyev è stato, tra l’altro, deputato alla Duma di Stato, ministro delle Relazioni economiche estere della Federazione Russa, consigliere del Presidente della Federazione Russa (2012 – 2019), candidato alla Presidenza russa , ed è anche professore universitario di economia e membro a pieno titolo dell’Accademia delle scienze russa.

Nell’aprile 2022, Glazyez ha rilasciato un’interessante intervista a Pepe Escobar sulle sue opinioni su un nuovo sistema finanziario globale e sul perché, secondo lui, il sistema dominato dal dollaro USA è destinato a fallire. Per quanto riguarda la “proposta” CEE/EAEU, spiccano alcuni punti.

Glazyez fa riferimento al lavoro preparatorio che lui e i suoi colleghi hanno svolto su ” una nuova valuta di scambio sintetica basata su un indice delle valute dei paesi partecipanti ” a cui ” possono essere aggiunti” una ventina di merci scambiate in borsa “. Su questo, può essere basata un’unità monetaria .

Glazyez afferma che “ dopo che le riserve russe in dollari, euro, sterlina e yen sono state ‘congelate’, è improbabile che un paese sovrano continui ad accumulare riserve in queste valute. La loro sostituzione immediata sono le valute nazionali e l’oro. “

La fase di formazione dei prezzi ” guidata dai prezzi in varie borse, denominati in dollari ” è quasi terminata, afferma Glazyez. La formazione dei prezzi si sposterà ora nelle valute nazionali.

A seguire, la “ fase finale della transizione del nuovo ordine economico comporterà la creazione di una nuova valuta di pagamento digitale fondata attraverso un accordo internazionale basato su principi di trasparenza, equità, buona volontà ed efficienza. ” Glazyez si aspetta ” che il modello di tale unità monetaria che abbiamo sviluppato svolga il suo ruolo in questa fase. “

“ Una valuta come questa può essere emessa da un pool di riserve valutarie dei paesi BRICS ”, e “ il paniere potrebbe contenere un indice dei prezzi delle principali materie prime scambiate in borsa: oro e altri metalli preziosi, metalli industriali chiave, idrocarburi, cereali, zucchero, ma anche acqua e altre risorse naturali ”.

“ un sistema indipendente di accordi internazionali nell’EAEU, SCO e BRICS, che potrebbe eliminare la dipendenza critica del sistema SWIFT controllato dagli USA. “

un altro Sergei

Questo dispositivo valutario che rappresenta un paniere di valute e merci è qualcosa di cui un altro Sergei, vale a dire Sergei Silvestrov del consiglio scientifico del Consiglio di sicurezza russo, ha parlato in un articolo del 4 luglio 2022 dell’URA. Silvestrov afferma che i russi hanno lavorato su un algoritmo che valuta una gamma di merci in termini di oro e aggiunge merci a un paniere di oro e valute per produrre un valore intrinseco per un mezzo di pagamento. Questo algoritmo è chiamato ‘oro di regolamento’.

Silvestrov dice che:

“Di conseguenza, il rublo russo e la monetizzazione non saranno determinati dall’equilibrio tra domanda e offerta rispetto alle valute di riserva. E non solo dall’oro, ma da un’ampia gamma di valori di merci e valute prodotti dai produttori nazionali.

Vale la pena notare che il 40% di questi oggetti di valore viene prodotto nella Federazione Russa , il 60% nei paesi EAEU e l’ 80% nei paesi BRICS . Proprio in quei paesi, alcuni dei quali sono ora sotto pressione di sanzioni, il cui obiettivo finale è stabilire il controllo sulle risorse”.

Il giornalista dell’URA chiede “ Quanto attivamente viene discusso questo argomento nel governo? “, a cui Siilvestrov risponde:

“Sono in corso seri lavori preparatori e molti dipartimenti hanno un interesse pratico in esso. L’interesse per questo argomento è mostrato dalla comunità di esperti dell’Unione Eurasiatica e dei BRICS. I risultati di questo lavoro possono costituire la base per l’introduzione di un’unità di conto internazionale nel quadro dell’Unione economica eurasiatica”.

Glazyev commenta ancora

In un’intervista ancora più recente del 24 agosto con il quotidiano economico in lingua russa Vedomosti, Sergey Glazyev fa riferimento alla proposta di Mosca Gold Standard Eurasian Standard e alla necessità che la Russia continui ad acquistare oro:

“ora è necessario ricostituire [le riserve] principalmente attraverso l’acquisto di oro. La Banca Centrale deve aumentare l’attività in questa direzione e portare la quota di oro nella composizione delle riserve auree all’80%.

“ In risposta all’osservazione di Vedomosti secondo cui la liquidità dell’oro russo alle condizioni dell’embargo occidentale sui suoi acquisti è in discussione, Glazyev ha annunciato la necessità di quotare l’oro russo sui mercati mondiali. “Ciò significa che devi introdurre il tuo gold standard, che sarebbe riconosciuto a livello internazionale, con una quotazione dell’oro alla borsa di Mosca e liberarti completamente della borsa di Londra”

Su uno “standard eurasiatico”, Glazyev afferma che:

“questo standard eurasiatico deve essere prima concordato con i nostri partner, ad esempio nella SCO “. L’ oro russo sarà abbastanza liquido sui mercati asiatici e globali in generale, indipendentemente dalla posizione dei paesi occidentali.

Allo stesso tempo, potremmo introdurre un nuovo strumento di pagamento e regolamento internazionale – una stablecoin ancorata all’oro – e offrirlo a tutti i paesi asiatici.

In futuro, altre materie prime prodotte nei paesi SCO potranno essere aggiunte all’oro come garanzia per la nuova valuta di regolamento mondiale .

Insieme a un pool delle loro riserve valutarie , questo diventerebbe la base per creare uno strumento di pagamento molto stabile e affidabile, alternativo a quelli attuali”.

Il riferimento di Glazyez qui a ‘stablecoin’ risuona con il riferimento del portavoce della CEE alla riunione di Glazyez dell’11 luglio in cui hanno anche discusso di ” infrastrutture per la circolazione dell’oro tokenizzato e dei metalli preziosi “.

Ricordiamo che SCO fa riferimento alla “Shanghai Cooperation Organisation” i cui membri sono Cina, India, Russia, Pakistan, Kazakistan, Tagikistan, Kirghizistan e Uzbekistan. Ci sono anche 4 Stati osservatori interessati a raggiungere la piena adesione (Afghanistan, Bielorussia, Iran, e Mongolia) e 6 partner di dialogo (Armenia, Azerbaigian, Cambogia, Nepal, Sri Lanka e Turchia).L’Iran si sta muovendo per diventare un membro a pieno titolo della SCO, mentre Egitto, Qatar e Arabia Saudita stanno diventando partner di dialogo. Una delle priorità della SCO è lo sviluppo regionale.

Conclusione

Mentre scavi più a fondo, quello che sembrava un tentativo russo messo insieme frettolosamente di reagire contro l’espulsione dalla LBMA, sembra improvvisamente un piano a lungo termine che coinvolge l’EAEU, i BRICS e la SCO. A seguito dei picchi di prezzo del gas e dell’elettricità in Europa , il ban dei metalli preziosi russi è un altro caso in cui i paesi occidentali si sparano nei piedi?

Molto prima dell’incontro dell’11 luglio tra le banche centrali dell’EAEU, gli scambi nazionali e i partecipanti al mercato dei metalli preziosi, Sergei Glazyez chiedeva già mercati di scambio comuni per beni compreso l’oro, come ha affermato:

“ In termini di processi di determinazione dei prezzi e infrastruttura valutaria, siamo completamente indifesi restando nei sistemi occidentali. Oggi non dovremmo solo pensare a formare lo spazio di scambio, ma anche creare il nostro sistema di prezzi nelle valute nazionali. “

Per quanto riguarda EAEU, BRICS e SCO, il 25 aprile la Russia ha persino chiesto una maggiore cooperazione :

“La Russia sta esortando i paesi dell’Unione economica eurasiatica (EAEU), dei BRICS e dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) ad aumentare gli accordi nelle valute nazionali per aumentare l’indipendenza nel commercio reciproco”.

Si potrebbe dire che, dato che la Federazione Russa è il membro più grande e influente dell’EAEU, e dato che Sergey Glazyev è un economista russo, dal punto di vista della Russia, il “Moscow World Standard” e il “Moscow preziosi metalli Exchange ” sono idee russe che la Russia si è letteralmente ‘proposta’. Sebbene ciò possa essere vero, allo stesso tempo sono stati proposti anche agli altri membri dell’EAEU e, se implementati, si applicheranno all’intera EAEU e a qualsiasi altro paese nei BRICS o anche alla SCO che desidera aderire.

Ma è probabilmente il caso che mentre il Ministero delle Finanze russo ha agito da tramite nel comunicare il messaggio dell’EAEU ai partecipanti ai mercati finanziari in Russia, il Ministero delle Finanze sia stato molto probabilmente coinvolto nella formulazione dei piani Glazyez da sempre.

La lettera si conclude con un senso di urgenza affermando che il divieto occidentale alle raffinerie russe di metalli preziosi “paralizza effettivamente le loro attività ed è un fattore negativo e critico che mette in discussione l’esistenza stessa dell’industria in Russia.”

Secondo l’URA, il servizio stampa della Commissione economica eurasiatica (CEE), in riferimento al feedback delle parti alla riunione dell’11 luglio, ha affermato che ” dopo che la Commissione avrà ricevuto le posizioni delle parti, verrà presa una decisione sull’opportunità di continuare questo lavoro”.

Anche se il lancio di un World Standard di Mosca e di una borsa dell’oro non annullerà il divieto alle vendite di oro russo che entrano a Londra, Zurigo e New York, potrebbe, se raggiungesse la massa critica, consentire agli acquirenti di oro russo di emergere nel resto del mondo dai paesi che partecipano al nuovo sistema. E, soprattutto, se un nuovo Standard and Exchange diventa operativo, l’oro russo non dovrebbe essere venduto con uno sconto .

Ma il vero impatto della proposta della nuova infrastruttura per il commercio e la determinazione dei prezzi dei metalli preziosi, se adottata dai paesi dell’Unione economica eurasiatica, dai BRICS e dall’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, è che potrebbe portare alla determinazione dei prezzi dei metalli preziosi reali ed essere ” capace di distruggere il monopolio di Londra” sui prezzi.

Ciò potrebbe significare la fine del sistema di riserva frazionaria della LBMA e del COMEX, in cui contratti sintetici illimitati regolati in contanti determinano i prezzi internazionali dei metalli preziosi, sostenendo al contempo l’unità di regolamento internazionale di oro, valute e materie prime di Sergey Glazyev, se mai prenderà forma.

La conferenza annuale della LBMA si svolge quest’anno a metà ottobre a Lisbona. Sebbene la nuova proposta della Commissione economica eurasiatica per uno standard mondiale di Mosca non sia all’ordine del giorno ufficiale, sarà probabilmente uno degli argomenti più discussi dai delegati della conferenza durante le pause caffè. Questo ovviamente a meno che la LBMA non vieti la libertà di parola, come ha vietato le raffinerie e le banche russe.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.