NEL MERCATO DELL’ENERGIA PUTIN STA VINCENDO LA GUERRA

Javier Blas (Bloomberg): “Almeno per ora le sanzioni non funzionano”. La produzione di petrolio russo è aumentata per il terzo mese consecutivo, arrivando vicina al livello prebellico. Gli sconti che Mosca era costretta ad offrire per il suo greggio a marzo-aprile si sono ridotti considerevolmente. La crisi energetica dell’Europa metterà alla prova la determinazione dei governi occidentali a frenare la loro dipendenza dal petrolio e dal gas russi.

In the energy markets, he's winning.
Nel mercato dell’energia sta vincendo. Foto: Andrey Rudakov/Bloomberg

Indipendentemente da quale indicatore si utilizza, il presidente russo Vladimir Putin sta vincendo nei mercati dell’energia. Mosca sta mungendo la sua vacca da mungere petrolifera, guadagnando centinaia di milioni di dollari ogni giorno per finanziare l’invasione dell’Ucraina e acquistare sostegno interno per la guerra. Una volta che le sanzioni europee contro le esportazioni russe di greggio entreranno in vigore da novembre, i governi della regione dovranno affrontare alcune scelte difficili, mentre la crisi energetica inizia a mordere consumatori e aziende.

I costi dell’elettricità per le case e le imprese aumenteranno a partire da ottobre, poiché l’aumento delle entrate petrolifere consentirà a Putin di sacrificare le entrate del gas e spremere le forniture all’Europa. È probabile che i prezzi nel Regno Unito aumentino del 75%, mentre in Germania alcune società di servizi pubblici hanno già avvertito che i prezzi aumenteranno oltre il 100%. La Russia ha usato efficacemente le forniture di energia come un’arma: i governi occidentali subiranno crescenti pressioni affinché spendano miliardi per sovvenzionare le bollette della famiglia o, come già avviene in Francia, per assumere il controllo delle società elettriche.

Crisi energetica

Il contratto elettrico tedesco di riferimento con termine 1 anno di anticipo ha raggiunto il massimo storico, circa 10 volte superiore al livello pre-crisi. Fonte: EEX e Bloomberg

Il primo indicatore che mostra come Putin abbia invertito la tendenza del petrolio è la produzione russa di greggio. Il mese scorso la produzione del paese è tornata ai livelli prebellici, con una media di quasi 10,8 milioni di barili al giorno, solo leggermente in calo rispetto agli 11 milioni pompati a gennaio immediatamente prima dell’invasione dell’Ucraina. Sulla base delle stime del settore, la produzione di petrolio è leggermente superiore finora questo mese.

E non è un dato in controtendenza: luglio ha segnato il terzo mese consecutivo di ripresa della produzione di petrolio, con un aumento significativo della produzione dal punto minimo di quest’anno di 10 milioni di barili fissato ad aprile, quando gli acquirenti europei hanno iniziato a evitare la Russia e Mosca si è affrettata a trovare nuovi acquirenti.

In recupero

La produzione petrolifera russa è rimbalzata dopo il brusco calo di marzo e aprile, avvicinandosi al livello di prima dell’invasione dell’Ucraina. Fonte: Bloomberg e stime del settore. Nota: i dati di agosto si riferiscono ai primi giorni del mese, in base alle stime del settore

Dopo quelle difficoltà iniziali, la Russia ha trovato nuovi clienti per il milione di barili al giorno circa che le raffinerie di petrolio europee hanno smesso di acquistare a causa delle autosanzioni. La maggior parte di quel greggio sta finendo in Asia, in particolare in India, ma anche in Turchia e in altri Paesi del Medio Oriente. E alcuni anche in Europa, con gli acquirenti che continuano ad acquistare greggio russo prima della prevista introduzione di sanzioni ufficiali all’inizio di novembre. Tutti quelli che scommettevano che la produzione di petrolio russa avrebbe continuato a diminuire, me compreso, si sbagliavano.

Il secondo indicatore è il prezzo del petrolio russo. Inizialmente, Mosca è stata costretta a vendere le sue gradazioni di greggio con enormi sconti ad altre varietà per invogliare gli acquirenti. Nelle ultime settimane, tuttavia, il Cremlino ha riacquistato potere di pricing, approfittando di un mercato ristretto.

Il greggio ESPO, una categoria del petrolio russo dell’Estremo Oriente, è un buon esempio della nuova tendenza. Ai minimi a inizio anno, è stato venduto con uno sconto di oltre $ 20 al barile sul greggio di Dubai, il benchmark petrolifero regionale per l’Asia. Recentemente, il greggio ESPO è passato di mano alla parità con Dubai. Il greggio degli Urali, la principale esportazione di petrolio russo in Europa, non sta beneficiando tanto quanto ESPO, poiché i suoi principali acquirenti sono stati tradizionalmente paesi come la Germania piuttosto che l’India. Ma anche quelloi si sta anche riprendendo nel prezzo e viene scambiato di recente da $ 20 a $ 25 al barile in meno rispetto al benchmark Brent, dopo essere stato scambiato con uno sconto di quasi $ 35 all’inizio di aprile.

Mosca sta trovando nuovi commercianti di materie prime, spesso operanti dal Medio Oriente e dall’Asia e probabilmente finanziati con denaro russo, disposti ad acquistare il suo greggio e spedirlo a mercati affamati. Con il greggio Brent, che si aggira intorno ai $ 100 al barile e con la Russia in grado di offrire sconti minori, ci sono un sacco di soldi in arrivo al Cremlino. Almeno per ora, le sanzioni energetiche non funzionano.

L’ultimo indicatore del successo russo è politico, piuttosto che legato al mercato. A marzo e aprile, i responsabili politici occidentali erano ottimisti sul fatto che il cartello dell’OPEC, guidato da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, avrebbe abbandonato la sua alleanza con la Russia. È avvenuto il contrario.

Nonostante un viaggio del presidente degli Stati Uniti Joseph Biden a Riyadh, Putin ha mantenuto la sua influenza all’interno dell’alleanza OPEC+. Subito dopo la partenza di Biden dall’Arabia Saudita, il vice primo ministro russo Alexander Novak, la persona di riferimento della nazione che gestisce i rapporti con il cartello, è volato nel regno. Pochi giorni dopo, l’OPEC+ ha annunciato un minuscolo aumento della produzione di petrolio, mantenendo la pressione sui mercati energetici globali.

La vittoria sul mercato petrolifero significa che Putin può permettersi di rinunciare alle entrate limitando le vendite di gas naturale in Europa, mettendo sotto pressione Berlino, Parigi e Londra, che si stanno preparando a massicci aumenti dei prezzi dell’energia al dettaglio e potenziali carenze che potrebbero portare al razionamento questo inverno. Mosca sta facendo così tanti soldi vendendo petrolio che può permettersi di limitare l’offerta di greggio anche alle nazioni dell’Europa orientale, come ha fatto all’inizio di questa settimana.

Una combinazione di freddo, aumento della domanda di elettricità e aumento dei prezzi entro la fine dell’anno rischia di minare il sostegno occidentale all’Ucraina. I politici europei, che sono stati ansiosi di ottenere riconoscimenti internazionali ostentando il loro sostegno a Kiev, potrebbero essere meno disposti a pagare il conto nazionale per evitare la scarsità energetica tra i propri elettori.

In pubblico, i governi europei sono ancora risoluti nella loro determinazione a liberarsi dall’energia russa. In privato, devono riconoscere le difficoltà che la posizione minaccia di infliggere alle loro economie. Putin sta vincendo la battaglia energetica; speriamo che la leva non sia abbastanza potente da spingere i politici occidentali ad ammorbidire la loro posizione nella vera guerra.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.