CONVOGLIARE LIQUIDITÀ DA NORD A SUD. IL PIANO DELLA BCE PER FRENARE GLI SPREAD

Reuters descrive il piano della BCE per contenere gli spread dei paesi periferici. I paesi membri verranno suddivisi in donatori, beneficiari e neutrali. Tra i donatori vi sono Germania, Francia e Paesi Bassi, tra i beneficiari Italia, Spagna, Portogallo e Grecia. La BCE reinvestirà i proventi del PEPP dei paesi donatori laddove gli spread si sono ampliati (beneficiari). L’elenco verrà revisionato e aggiornato ogni mese.

Fonte: EXCLUSIVE ECB to channel cash from north to south in bid to cap spreads | Reuters

La Banca centrale europea acquisterà obbligazioni da Italia, Spagna, Portogallo e Grecia con parte dei proventi che riceve dal debito tedesco, francese e olandese in scadenza nel tentativo di limitare gli spread tra i loro costi di finanziamento, hanno detto alcune fonti a Reuters. La BCE darà il via a questo riequilibrio venerdì per evitare che la frammentazione finanziaria tra i paesi della zona euro interferisca con il suo piano di aumento dei tassi di interesse, con un piano aggiuntivo che dovrebbe essere reso pubblico il mese prossimo.

La BCE ha suddiviso i 19 paesi della zona euro in tre gruppi (donatori, beneficiari e neutrali) in base all’entità e alla velocità dell’aumento dei loro spread obbligazionari nelle ultime settimane, secondo le conversazioni con una mezza dozzina di persone all’annuale forum della BCE a Sintra, Portogallo. Gli spread sono misurati rispetto alle obbligazioni tedesche, che fungono di fatto da benchmark per l’area della moneta unica.

La BCE canalizzerà verso i paesi beneficiari parte del denaro proveniente dalle obbligazioni in scadenza che ha acquistato dai paesi “donatori” nell’ambito del suo Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP), con i paesi neutrali che fungeranno da cuscinetto, hanno affermato le fonti. Le liste, che saranno riviste mensilmente, rispecchiano la divisione tra paesi periferici e paesi core emersa in occasione della prima crisi del debito dell’eurozona una decina di anni fa. I destinatari includono una manciata di paesi percepiti dagli investitori come più a rischio a causa del loro debito pubblico elevato o della scarsa crescita, come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo, affermano le fonti.

L’elenco dei paesi beneficiari era inizialmente più lungo prima che il Consiglio direttivo lo riducesse. Il gruppo dei paesi donatori è composto da circa una mezza dozzina di cosiddetti paesi core, considerati più sicuri e comprende Germania, Francia e Paesi Bassi, secondo le fonti. Un portavoce della BCE ha rifiutato di commentare questa notizie.

Sebbene i rimborsi di luglio e agosto siano sostanziali, la BCE sa che il semplice reinvestimento di quei proventi non sarà sufficiente per calmare gli investitori. Quindi, ha accelerato il lavoro su un nuovo strumento che le consentirà di fare nuovi acquisti laddove sono necessari se un paese soddisfa determinate condizioni. Ciò potrebbe essere definito dalla Commissione Europea sulla base delle sue regole fiscali o delle sue raccomandazioni economiche o dalla stessa BCE attraverso una valutazione della sostenibilità del debito, come ha fatto con la Grecia qualche anno fa, hanno riferito a Reuters fonti.

La prima opzione manterrebbe la BCE al di sopra della mischia, ma la renderebbe dipendente da un’altra istituzione. La seconda darebbe maggiore voce in capitolo alla BCE, ma aprirebbe la porta all’accusa di lasciarsi coimvolgere nella politica. La BCE potrebbe quindi drenare denaro dal sistema bancario per compensare i suoi acquisti di obbligazioni, molto probabilmente tramite aste speciali in cui le banche potrebbero assicurarsi tassi di interesse più favorevoli se parcheggiano i loro fondi presso la banca centrale.

I responsabili politici devono ancora decidere se annunciare l’entità del piano, poiché sperano che il suo semplice annuncio basterà a stabilizzare i mercati e non sia necessario utilizzarlo veramente.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.