TERRORE DAL BELUCISTAN: UNO STRUMENTO MINACCIOSO PER SCONVOLGERE L’ECONOMIA SINO-PAKISTANA

Un attentato suicida beluci che prende di mira i lavoratori cinesi a Karachi arriva solo un mese dopo la cacciata del Primo Ministro Imran Khan, sostenuta dagli Stati Uniti. Il Pakistan è un hub BRI fondamentale nel vasto progetto di connettività eurasiatica di Pechino e sembra che il CPEC sia l’obiettivo finale di questa interruzione.

Di Pepe Escobar 05 maggio 2022 Originale in inglese QUI

Il Belucistan può trarre vantaggio solo dagli investimenti infrastrutturali cinesi nella provincia pakistana immensamente impoverita. Ma un aumento degli attacchi ai lavoratori cinesi da parte di militanti separatisti suggerisce che potrebbero essere in gioco agende esterne.

Questa è la storia concisa di come un attentato suicida possa avere il potenziale di sovvertire l’intero, in corso, complesso processo di integrazione dell’Eurasia.

Di recente, il Movimento di Liberazione del Belucistan (BLA) ha diffuso un video influenzato dall’ISIS che minaccia “funzionari e installazioni cinesi” nella vasta provincia del Pakistan.

Eppure quello che è realmente accaduto alla fine di aprile è che c’è stato un attentato suicida fuori dall’Istituto Confucio dell’Università di Karachi – non nel Belucistan – che ha preso di mira insegnanti cinesi e non “funzionari e installazioni”.

L’attentatore suicida era una donna, Shaari Baloch, alias Bramsh, che ha fatto esplodere il suo giubbotto proprio mentre un furgone che trasportava membri del personale dell’Istituto si avvicinava all’ingresso. L’attacco è stato rivendicato dalla Brigata Majeed della BLA, che ha sottolineato che questa era la prima volta che usavano una donna kamikaze.

Shaari Baloch era un’insegnante con una laurea in zoologia, iscritta per conseguire un secondo master, sposata con un dentista e professore al Makran Medical College nella sua città natale di Turbat, nel Belucistan meridionale. I suoi tre fratelli sono un medico, un vicedirettore in un progetto finanziato dal governo e un funzionario pubblico. Quindi Shaari Baloch era ben lungi dall’essere un semplice salafita-jihadista indottrinato online.

Il Ministero degli Esteri pakistano ha dovuto sottolineare l’ovvio: si trattava di un “attacco diretto all’amicizia e alla cooperazione continua tra Pakistan e Cina”, sempre qualificata, da entrambe le parti, come i “fratelli di ferro”. Il Pakistan è un nodo assolutamente chiave della Belt and Road Initiative (BRI) cinese per collegare la massa continentale eurasiatica.

Questo non era un normale attacco terroristico. I suoi effetti sono immensi, non solo in una delle province del Pakistan e dell’Asia meridionale, ma per l’intera Eurasia. Potrebbe essere un presagio di gravi turbolenze future.

L’atto di disperazione di Shaari Baloch dovrebbe essere visto, per cominciare, come l’incarnazione di una profonda alienazione baloch avvertita dalle classi medie istruite, dagli avvocati e commercianti agli studenti, che permea costantemente il complesso rapporto con una lontana Islamabad. Una parte significativa del puzzle è che 26 agenzie di intelligence pakistane non l’hanno visto arrivare.

I leader beluci hanno immediatamente sottolineato che la migliore reazione possibile sarebbe stata quella di chiamare una Grande Jirga (consiglio dei capi/anziani) – sul modello della Shahi Jirga praticata al momento della spartizione del subcontinente – che avrebbe unito tutti gli anziani delle tribù per affrontare le più pressanti rimostranze locali.

I SOLITI SOSPETTI

Il Belucistan, geostrategicamente, è prezioso quanto i minerali delle terre rare: un immenso deserto posizionato a est dell’Iran, a sud dell’Afghanistan, e che vanta tre porti sul Mar Arabico, tra cui Gwadar, praticamente all’ingresso dello strategico Stretto di Hormuz.

Esteso su quasi il 48% dell’area del Pakistan, il Belucistan è ricco di uranio e rame, potenzialmente molto ricco di petrolio, produce più di un terzo del gas naturale del Pakistan ed è scarsamente popolato. I beluci rappresentano la maggioranza della popolazione, seguiti dai pashtun. Quetta, il grande capoluogo della provincia, per anni è stata considerata una centrale dai talebani dal Pentagono.

Gwadar, il porto costruito dalla Cina sulla costa sudoccidentale del Balochistan sul Mar Arabico, direttamente di fronte all’Oman, è il nodo chiave assoluto del Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC) e funge anche da collegamento essenziale nella saga senza fine dei gasdotti. L’oleodotto Iran-Pakistan-India (IPI), precedentemente noto come “oleodotto della pace”, progettato con l’intenzione di attraversare il Balochistan iraniano e il Pakistan (l’India non ha ancora deciso) è un anatema assoluto per Washington dall’epoca di George W. Bush.

Il CPEC rimane una fonte inesauribile di polemiche anche all’interno del Pakistan. Al di là di tutti i collegamenti pianificati entro il 2030 tra Gwadar e lo Xinjiang, la maggior parte di questo ambizioso corridoio di connettività si occupa di energia, zone industriali e progetti stradali e ferroviari in diverse parti del paese, sarebbe un miglioramento generale delle locali infrastrutture. I cinesi, per anni, hanno scherzato dicendo che in effetti “tutto il Pakistan è un corridoio”.

L’establishment della sicurezza statunitense, prevedibilmente, ha pianificato per anni di strumentalizzare un’insurrezione in Belucistan per “interrompere” prima la possibilità di un gasdotto energetico da Gwadar allo Xinjiang, e poi il progetto generale del CPEC. I soliti sospetti come il National Endowment for Democracy (NED) degli Stati Uniti sono molto presenti in Belucistan. WikiLeaks aveva rivelato molto del loro gioco nel 2015.

Un rapporto del Carnegie Institute ha osservato come “molti leader nazionalisti beluci ora provengono dai distretti urbanizzati di Kech, Panjgur e Gwadar (e, in misura minore, da Quetta, Khuzdar, Turbat, Kharan e Lasbela). Sono ben collegati a Karachi e alle città del Golfo, dove le strutture tribali sono inesistenti. Infatti, mentre ci sono violenze in tutta la provincia, l’insurrezione sembra concentrarsi principalmente in queste aree urbanizzate”.

L’attentatrice suicida Shaari Baloch è arrivata da Turbat, la seconda città più grande della provincia, dove il BLA è molto attivo. Dal punto di vista dei soliti sospettati, questi sono gli asset preferiti, soprattutto dopo la morte di importanti capi tribù come Akbar Bugti. Il rapporto ha debitamente notato come “i giovani beluci istruiti e della classe media siano in prima linea” nell’insurrezione.

La strumentalizzazione anti-cinese del BLA si lega anche all’operazione del parlamento di regime change a Islamabad che ha recentemente deposto l’ex primo ministro Imran Khan, che è sempre stato un feroce avversario della “guerra infinita” americana in Afghanistan. Khan ha risolutamente negato l’uso del Pakistan nelle operazioni militari statunitensi “oltre l’orizzonte”: questo è stato uno dei motivi principali per cui è stato estromesso.

Ora, con un nuovo regime docile e approvato da Washington è arrivato, è appena accaduto un miracolo: il Pentagono sta per concludere un accordo formale con Islamabad per utilizzare lo spazio aereo pakistano per continuare a interferire in Afghanistan.

Pechino, così come altri membri della Shanghai Cooperation Organization (SCO), non si divertiranno. Solo poche settimane prima del colpo di stato bianco, Khan aveva incontrato il presidente cinese Xi Jinping e ancora una volta aveva sottolineato come il Pakistan e la Cina fossero “fratelli di ferro”.

Imran Khan è stato una seria spina nel fianco dell’Occidente perché ha continuato a dire ai pakistani che la Guerra Infinita in Afghanistan era militarmente impossibile. Pur sapendo come tutti i delegati – compreso il BLA – che hanno destabilizzato sia l’Afghanistan che il Pakistan per decenni fossero, e continuano ad essere, parte delle operazioni segrete statunitensi.

NON UN COMPLOTTO IRAN-INDIA

Il Belucistan è profondamente tribale come le aree tribali pashtun. I capi tribù locali possono essere tanto ultraconservatori quanto Islamabad è negligente (e non sono nemmeno esattamente esempio per i diritti umani). La maggior parte delle tribù si inchina all’autorità di Islamabad, tranne, primi fra tutti, i Bugti.

E poi c’è l’Esercito di Liberazione del Belucistan (BLA), che sia Washington che Londra etichettavano come un gruppo terroristico, ma poi se ne sono dimenticati. Il BLA ha operato per anni fuori Kandahar in Afghanistan (a sole due ore da Quetta), e già nel decennio precedente – in contemporanea all’annuncio della Nuova Via della Seta e del CPEC – ha sottolineato che si stava preparando ad attaccare i non Beluci (codice per il governo di Islamabad e per gli stranieri cinesi).

I beluci sono inclini a considerare il BLA come un gruppo di resistenza, ma Islamabad lo ha sempre negato, dicendo che il loro sostegno non supera il 10 per cento della popolazione locale.

Da anni in Pakistan infuria un’ampia controversia sul fatto che il BLA sia stato totalmente infiltrato dalla CIA, dall’MI6 e dal Mossad. Durante una visita del 2006 in Iran, mi è stato impedito di andare nella provincia del Sistan-Balochistan nel sud-est dell’Iran perché, secondo la versione di Teheran, la CIA infiltrata dal Balochistan pachistano era coinvolta in attacchi segreti transfrontalieri. Non era un segreto per nessuno nella regione che dall’11 settembre gli Stati Uniti controllassero virtualmente le basi aeree baluche a Dalbandin e Panjgur.

Nell’ottobre 2001, in attesa di un’apertura per attraversare Kandahar da Quetta, ho trascorso un bel po’ di tempo con un certo numero di membri e simpatizzanti del BLA. Si descrivevano come “progressisti, nazionalisti, antimperialisti” (ciò renderebbe difficile la loro cooptazione da parte degli Stati Uniti). Erano fortemente critici nei confronti dello “sciovinismo punjabi” e insistevano sempre che le risorse della regione appartenessero prima ai beluci; questa era la ragione per gli attacchi ai gasdotti.

Sottolineando un atroce tasso di alfabetizzazione provinciale di solo il 16 per cento (“È politica del governo mantenere arretrato il Belucistan”), si sono risentiti del fatto che alla maggior parte delle persone mancasse ancora l’acqua potabile. Hanno rivendicato il sostegno di almeno il 70 per cento della popolazione beluci (“Ogni volta che il BLA lancia un razzo, si parla di bazar”). Hanno anche affermato di essere uniti e in coordinamento con i beluci iraniani. E hanno insistito sul fatto che “il Pakistan aveva trasformato il Belucistan in un accampamento degli Stati Uniti, il che ha influito molto sulle relazioni tra i popoli afghano e beluci”.

Due decenni dopo, e dopo l’intera saga dell’ISIS in Siria e Iraq, è tutta un’altra storia. I simpatizzanti del BLA potrebbero essere ancora pronti a rimanere all’interno di una confederazione pachistana, sebbene con un’autonomia infinitamente maggiore. Ma ora sembrano disposti a usare l’aiuto imperiale occidentale per colpire non solo il governo centrale di Islamabad, ma anche il profittatore straniero “estero vicino” (Cina).

Dopo l’attentato suicida di Karachi, in alcuni circoli pakistani è iniziata a emergere una narrazione secondo cui Iran e India sono in combutta per destabilizzare il Belucistan.

Non ha assolutamente senso. Sia Teheran che Islamabad sono strettamente collegate a Pechino attraverso diversi nodi della Nuova Via della Seta. L’Iran trarrebbe meno di zero benefici dalla collusione con l’India per destabilizzare un’area che confina con l’Afghanistan, soprattutto quando la SCO è pienamente impegnata nell’incorporare Kabul nel processo di integrazione dell’Eurasia. Inoltre, l’IPI ha le migliori possibilità di realizzarsi nel prossimo futuro, consolidando un cordone ombelicale tra l’Asia sudoccidentale e l’Asia meridionale.

Durante gli ultimi anni dell’amministrazione di Barack Obama, il BLA, sebbene fosse ancora un gruppo marginale con un’ala politica e un’ala militare, si stava riorganizzando e riarmando, mentre il primo ministro del Belucistan, Nawab Raisani, era sospettato di essere un uomo della CIA (anche se non ce ne sia prova).

Già all’epoca, a Islamabad si temeva che il governo avesse distolto gli occhi dal balletto del Belucistan e che il BLA stesse per essere effettivamente utilizzato dagli Stati Uniti per scopi di balcanizzazione. Questa sembra essere l’immagine in questo momento. Eppure il nocciolo della questione – espressa in modo lampante dall’attentato suicida di Karachi – è che Islamabad rimane ancora impermeabile alla principale lamentela baloch: vogliamo trarre profitto dalla nostra ricchezza naturale e vogliamo l’autonomia.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.