L’EGEMONIA AMERICANA È FINITA E LA MULTIPOLARITÀ, CON LE RELAZIONI RUSSO-CINESI AL TIMONE, È QUI PER DURARE A LUNGO

L’emergente mercato strategico sino-russo dell’energia e dei metalli sarà un successo senza precedenti, grazie in gran parte all’irlandese (sic) Joe Biden, che ha commesso errori strategici che superano persino quelli di Hitler e della Grande Armata di Napoleone, che si autodistrusse in Russia perché lo zar Alessandro rifiutò i suoi ordini di bloccare la Gran Bretagna.

di Declan Hayes 28/04/2022. (originale in inglese QUI)

L’emergente mercato strategico sino-russo dell’energia e dei metalli sarà un successo senza precedenti, grazie in gran parte all’irlandese (sic) Joe Biden, che ha commesso errori strategici che superano persino quelli di Hitler e della Grande Armata di Napoleone, che si autodistrusse in Russia perché lo zar Alessandro rifiutò i suoi ordini di bloccare la Gran Bretagna.

Sebbene Hitler fosse schiavo di molti demoni, il principale tra loro era la politica economica di quella donnola di Hjalmar Schacht , che fu il primo a presentare la Queen’s Evidence a Norimberga. Le politiche economiche di Schaft spedirono la Germania dalla padella della Grande Depressione alla brace di Hitler, Stalingrado, Kursk e nella distruzione. Seguendo le politiche di Schaft, il Terzo Reich non poteva finire in altro modo che con la distruzione. Questo perché la sopravvivenza del Reich dipendeva dall’intrecciarsi in un numero sempre maggiore di conquiste, in un processo che “The Moon is Down” di Steinbeck descrisse come “una mosca che cattura sempre più carta moschicida”.

Sebbene le risorse illimitate della Russia presentino le mosche della NATO con carta moschicida illimitata, gli Stati Uniti non possono occuparla fisicamente. E nemmeno, nonostante i suoi migliori sforzi, può strangolarla finanziariamente o in altro modo castrarla.

Questo perché la Russia ha una vasta riserva di risorse naturali strategiche, un esercito armato di missili nucleari per proteggerle e potenti alleati, in particolare la Cina, per sfidare l’Impero.La Russia è piena di alluminio , rame , fertilizzanti , neon , nichel , palladio , petrolio , semi di soia, titanio, grano e una grande varietà di altre materie prime troppo numerose per essere elencate ma, se combinate, si sommano a un impressionante portafoglio commerciale che non ha più bisogno di intermediari con sede a Londra per scaricarsi.

INTRODUZIONE

Un punto di riferimento importante per la determinazione del prezzo di queste materie prime è il loro “prezzo spot” a Rotterdam, Houston, Singapore, New York o in qualche hub altrettanto ben consolidato. Questo prezzo è stabilito contrattualmente nella stanza di compensazione e quel contratto specifica chiatta, nave da carico, oleodotto o qualche altra modalità di consegna. Valutatori di prezzo indipendenti aiutano a stabilire il prezzo spot e i prezzi a termine, futures e opzioni tutti in flusso e riflusso come derivati da quel prezzo spot. Russia, Cina e i loro alleati stanno replicando tutto questo e altro ancora.

Mercati ampi e liquidi, come quelli che riguardano Londra, Chicago, New York o centri finanziari simili hanno market maker e sottoscrittori per garantire che i mercati funzionino 24 ore su 24 e siano isolati da shock, come gli attacchi dell’11 settembre o le rivoluzioni afgana e iraniana del 1979. La Russia e la Cina sono sufficientemente ricche da poter fornire tale protezione e per fornire protezione navale attraverso il Mar Nero, il Mar del Giappone o lo Stretto di Malacca, se ciò fosse giustificato per proteggersi dalla pirateria britannica, americana o alleata.

Poiché la Cina registra eccedenze commerciali mensili di centinaia di miliardi di dollari e le sue riserve in valuta estera sono di trilioni di dollari, per sottoscrivere contratti in questi mercati di materie prime preziose, la liquidità non è un problema; Nonostante i sogni ad occhi aperti della NATO, queste risorse non finiranno per marcire nei campi o nei granai russi.

Poiché la Cina e la Russia sono partner commerciali molto importanti l’una con l’altra e hanno anche fiorenti strutture di scambio di valuta l’una con l’altra, si presenta, con le sanzioni occidentali, l’imperativo di aumentare questo commercio e dell’espandersi di quei mercati di scambio. Le banche centrali di Russia e Cina, già nel 2014, hanno segnalato la loro intenzione di fare proprio questo imperativo firmando un accordo di linea di scambio di liquidità tra banche centrali da 150 miliardi di yuan per contrastare le sanzioni americane.

Nonostante i desideri contrari della NATO, la Russia è semplicemente troppo importante militarmente, economicamente e finanziariamente perché la Cina tradisca il loro destino comune. Questi mercati degli swap e di altri derivati continueranno a crescere in dimensioni e complessità con o senza il coinvolgimento degli angloamericani e delle loro potenze satellite della NATO. Le autorità di regolamentazione russe, cinesi e affiliate possono specificare nei loro contratti un luogo di consegna, proprio come fanno i mercati americani per patate, pancetta di maiale, succo d’arancia, caffè colombiano e una gamma galattica di altri prodotti. Fondamentalmente, tuttavia, lo scambio russo-cinese seguirebbe il vecchio principio KISS (Keep It Simple and Stupid) di mantenerlo semplice e stupido.

Ciò significherebbe che molti di questi prodotti sarebbero gestiti da market maker regolamentati dal governo nei porti russi come Primorsk, Nakhodka, Novorossiysk, Ust-Luga, Murmansk, Sokol Sakhalin e Varandey che, tra loro, gestiscono la maggior parte delle vaste esportazioni gas e petrolio dalla Russia . Partner approvati indiani, pakistani e cinesi potrebbero ritirare la merce in uno qualsiasi di questi porti o organizzare, tramite operatori approvati, la consegna al di fuori della Russia. Rosneft, Lukoil, Surgutneftegas, Gazprom, Tatneft e simili importanti aziende russe sarebbero, ovviamente, al centro di tutto questo.

Non c’è niente di nuovo o particolarmente sino-russo in tutto questo. Saudi Aramco dispone di un sistema molto sofisticato per gestire la sua intera fornitura di petrolio e il Sudafrica dell’era dell’apartheid aveva qualcosa di simile per quanto riguarda le sue vaste scorte di oro. Con una tale ricchezza inimmaginabile in gioco e con così tanto talento disponibile nei BRIC, mettere insieme i dadi e i bulloni di tutto questo ed espanderlo a livello globale è del tutto fattibile.

Se assumiamo, a scopo illustrativo, che Vladisvostok fosse il porto di uscita della Russia e il porto di ingresso fosse Shanghai in Cina, allora avremmo prezzi spot in entrambi i porti collegati da un costo di trasporto e da un tasso di interesse, in altre parole, proprio come abbiamo attualmente con i derivati sull’oro e i tassi del governo degli Stati Uniti e i tassi di offerta interbancari di Londra (LIBOR) e quasi tutti gli altri tassi di interesse globali.

A seconda della temperatura politica in Russia, il costo di trasporto potrebbe essere superiore, inferiore, uguale o totalmente indipendente dal LIBOR. Sebbene la creazione di un benchmark così orientato alla Cina eserciterebbe una pressione senza precedenti sulla City di Londra, gli inglesi, essendo resilienti, apprezzerebbero l’opportunità di essere all’altezza dell’occasione.

E avranno una tale possibilità in quanto lo Shanghai Interbank Offer Rate ( SIBOR ) segue il tasso di Tokyo ( TIBOR ) e in gran parte va per la sua strada, anche alla fine sostituendo il LIBOR come principale tasso di riferimento mondiale; quel processo è già stato accelerato dalla Cina che concede prestiti preferenziali a lungo termine ai suoi partner commerciali strategici e offre persino di finanziare Sakhalin e aree simili insieme al Giappone, se Tokyo lo desidera. Con la Cina che eroga prestiti strategici a lungo termine, anche se in volumi molto più elevati rispetto al Giappone, questa ulteriore pressione russo-cinese su Tokyo dimostrerà che i giapponesi rimangono resilientemente testardi come sempre, anche se i loro sorveglianti americani dissipano i mercati del Giappone davanti ai loro occhi.

Dato quanto saranno affamate di risorse l’UE, il Giappone e la Gran Bretagna, potrebbero organizzare una mini-olimpiade tra loro e gli Stati Uniti per determinare quale di loro è il più resiliente. Tuttavia, poiché il sistema emergente li costringerà a spogliarsi delle loro riserve auree se desiderano acquistare risorse russe, le medaglie potrebbero essere meglio fatte in plastica, se riescono a ottenere le somme necessarie per coniarle.

DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Tornando nel mondo reale, poiché ottenere profondità e liquidità in questi mercati emergenti russo-cinesi è fondamentale per il loro successo, sarebbe essenziale fissare un prezzo adeguato. Il petrolio esemplifica diversi modi in cui questo può essere fatto. Diciamo che il prezzo spot di Amsterdam è di 100 dollari al barile e che i sauditi hanno bisogno di un prezzo al barile di 70 dollari per soddisfare i loro bisogni. Abbiamo quindi una gamma da $ 70 a $ 100 per iniziare la nostra determinazione dei prezzi, per esempio, in Vladisvostok.

Se i sorveglianti decidono che $ 100 (o $ 60) è un prezzo appropriato, tale importo viene pagato in una media ponderata di yuan cinesi, rubli russi e rupie indiane e pakistane, da cui viene detratto il costo delle importazioni cinesi, indiane e pakistane , con agenti approvati da quei paesi in grado di commerciare in rubli russi ombra per regolare i conti tra di loro.

Ciò differisce qualitativamente dai mercati iracheno e siriano, a cui sono stati rubati i collaterals da atti sfacciati di pirateria e brigantaggio anglo-americani. La Cina, come già spiegato, ha abbastanza denaro a disposizione per lubrificare le ruote degli affari per i secoli a venire.

Una volta che questi mercati di base avranno ingranato, i mercati a termine avanzati sarebbero facilmente stabiliti in seguito. Quindi, nel nostro esempio, se il prezzo spot ex Vladivostok è di $ 100 al barile e il costo di carry a 30 giorni è del 10% (per semplificare i calcoli), allora, in condizioni stabili, il prezzo forward a 30 giorni è di $ 110 e il prezzo di 60 il prezzo a termine giornaliero è 110×1,1= $ 121 e così via.

Poiché il Settlement day soffre la turbolenza della Witching Hour nei mercati americano e britannico, ci si dovrebbe aspettare simili intoppi in questo modello proposto. Tuttavia, c’è una differenza fondamentale: I mercati angloamericani sono pesantemente, deliberatamente e follemente esposti agli speculatori per gomnfiare i loro mercati; questo non lo è.

L’obiettivo primario e prioritario di questo mercato, che si sta formando sotto i nostri occhi, è quello di fornire a tutti i popoli della Russia, della Cina e del subcontinente indiano le basi per assicurare a se stessi e agli altri un futuro sostenibile, libero dalla pirateria della Royal Navy e dagli istinti predatori e truffaldini del London Metal Exchange, del Chicago Mercantile Exchange e di tutti i loro alleati o subalterni.

Gli angloamericani sono giustamente orgogliosi dei loro processi contabili e di liquidazione, che hanno ereditato dai loro insegnanti olandesi in seguito al Trattato di Westminster del 1674 . E hanno ragione a sottolineare le sistematiche carenze manageriali durante l’era sovietica. Tuttavia, non solo tanta acqua è passata sotto i ponti, ma le legioni cinesi di contabili, con i loro pallottolieri high tech, le hanno rese tutte ridondanti come il Faraone e i suoi scribi. Russia, Cina, Pakistan e India eclisseranno Londra, proprio come la notte segue il giorno.

Sebbene l’illiquidità dell’oro e dello yuan è stata citata come ostacolo, poiché i broker cinesi e russi, lavorando in tandem da Shanghai e Vladivostok, regolanno e liquideranno i conti in valute accettate e non ostili, questo non sarà un limite. Gli affari non solo continueranno, ma l’attuale stabilizzazione del rublo e il prezzo del petrolio (gonfiato eccessivamente) dimostrano già che è così. L’irlandese (sic) Joe Biden è stato troppo frettoloso e Russia, Cina, India e Pakistan adesso stanno ridendo di lui.

LA STORIA DI SUE MONETE

Niente di tutto questo è un’opinione ma un semplice fatto di mercato. Sebbene i giornalisti della NATO ci dicano che l’Ucraina sta vincendo la guerra, i mercati dicono il contrario. Poiché la grivna ucraina ha più che dimezzato il suo valore dal putsch fascista del 2014, con le relative “riforme” neoliberiste che hanno devastato gli standard di vita e hanno portato il paese ad essere etichettato come il secondo paese più povero d’Europa, dopo la Moldova (dove i servizi segreti militari americani stanno alacremente lavorando a peggiorare le cose), la grivna ha sfidato la gravità stabilizzandosi, dal suo tasso originale del 1996 di 1,76 per dollaro, a circa 30 per dollaro, prima e, soprattutto, durante il conflitto in corso.

Le prestazioni della grivna in tempo di guerra sono piuttosto incredibili poiché, a differenza del marco bosniaco e del lev bulgaro, la grivna è stata una valuta fluttuante per diversi anni. La sua attuale capacità di recupero è, in apparenza, notevole nonostante un contesto di guerra, morte e distruzione, l’occupazione di gran parte dell’Ucraina da parte delle forze di pace russe, la capitale sotto assedio, la fuga di oltre quattro milioni di persone desiderose di liberarsi della loro valuta illiquida e, presumibilmente, quasi senza valore, insieme alla fuga di capitali pavloviana degli oligarchi in risposta alle turbolenze.

L’unica spiegazione per la sopravvivenza della grivna è che è stata artificialmente e molto probabilmente illegalmente tenuta in vita dagli squallidi oligarchi ucraini e dai blocchi di potere stranieri con cui colludono. Non c’è altro modo in cui potrebbe sfidare così la gravità.

Il rublo russo, al contrario, è sceso da circa 65 a 150 euro, a seguito di una serie di attacchi senza precedenti su di esso e su tutto ciò che è russo nel tentativo di far implodere la società russa. Tuttavia, poiché il rublo è rimbalzato senza l’aiuto artificiale e presumibilmente illegale che l’Ucraina sta ricevendo, la prognosi a lungo termine deve essere rialzista per la Russia. Le tribolazioni di entrambe queste valute non saranno passate inosservate a Londra o, soprattutto, a Pechino.

MINACCE

Sebbene la Royal Navy sia stata fondata da veri pirati e gli inglesi, con i loro alleati americani, siano tornati ai loro istinti di base dirottando le petroliere iraniane, affrontando le flotte armate nucleari combinate di Russia, Cina, Pakistan e India metterebbero pesantemente alla prova anche famoso temperamento britannico

Sebbene nemmeno gli inglesi, gli americani o i loro vassalli europei sarebbero, speriamo, abbastanza pazzi da avere un mezzogiorno di fuoco nucleare, ci si dovrebbe aspettare una qualche forma di ulteriore rappresaglia prima che la perfida Albione alla fine capitoli, restituendo tutti i beni che ha rubato e paghi le dovute riparazioni a tutti i suoi vassalli coloniali e neocoloniali di tasca sua.

Un possibile trucco potrebbe essere quello di attaccare i mercati dei metalli strategici, proprio come si verificò con il crollo dei prezzi di mercato del Silver Thursday dei fratelli Hunt. Tuttavia, con le autorità di regolamentazione russe, cinesi e alleate che tengono d’occhio il gioco, qualsiasi tentativo di compressione del genere fallirebbe. Inoltre, poiché le esportazioni russe sono così richieste e, poiché la russofobia anglo-americana ha distrutto il loro diritto contrattuale ben oltre la redenzione, la perfida Albione non ha speranza di mettere in una morsa mortale nessuno di quei mercati sino-russi. La loro corsa è inarrestabile.

PIRATERIA ANGLO-AMERICANA

Poiché il furto angloamericano delle riserve russe suggerisce che non c’è onore tra i ladri di oggi, possiamo aspettarci che la fiducia nel sistema di caste spendaccione angloamericane trovi una resistenza significativa anche nei suoi stati vassalli tedeschi, giapponesi eccetera; Il Canada non conta in quanto è una microeconomia, che è stata inclusa nel G7 solo per dare agli USA una leva in più.

La solidità del rublo ha dimostrato che il furto di questi beni non ha minato l’economia interna della Russia e le operazioni di mantenimento della pace in corso in Armenia, Siria e Ucraina, insieme alle posizioni economiche di Cina, India e Pakistan, dimostrano che i giorni dell’America da bullo del mondo stanno finendo.

La diplomazia dell’altoparlante anglo-americano è solo il proverbiale “rimbalzo del gatto morto”, l’ultimo evviva di una cultura prepotente e spendacciona che credeva che non ci sarebbe mai arrivato il giorno della resa dei conti. Gli elettori di Hitler pensavano la stessa cosa fino a quando non è stato emanato l’ordine che erano necessarie donazioni di lana invernale per affrontare un po’ di tempo inclemente in Russia. Anche se ai tedeschi di oggi viene anche detto di rammendare i calzini e di indossare i pantaloni di lana invernale, la Germania 2022 non è ancora così terribile come la Germania 1942.

La Germania ha bisogno del gas russo e le 600 navi metaniere mondiali, la cui capacità media è di 140.000 metri cubi di gas, non possono salvarla poiché il massimo che potrebbero fornire è appena un po’ sopra i 1.000.000.000 di metri cubi all’anno. Poiché la Russia consegna 150 miliardi di metri cubi all’anno e, poiché le 600 navi metaniere sono già vincolate contrattualmente, i tedeschi affrontano le stesse fredde prospettive che i loro nonni hanno dovuto affrontare quando il Reich di Hitler è crollato intorno a loro.

Se i tedeschi vogliono prendersi una pausa dalla lettura dell’implosione del Reich, potrebbero esaminare proficuamente la debacle della copertura della Metallgesellschaft della Germania o il fiasco del Burmah Oil, di cui ho scritto anni fa.

Ora stiamo vivendo un simile rimpasto globale. Il sistema di Bretton Woods , che gli USA hanno imposto a un’Europa devastata contro le deboli proteste di Lord Keynes, sta morendo a causa delle stesse strategie condannate di arrogante penetrazione in Russia che distrussero sia Hitler che Napoleone. Anche se non ci può essere certezza su cosa riserverà il futuro economico, l’egemonia americana è alla fine e la multipolarità, con le relazioni russo-cinesi al timone, è qui per durare a lungo.

Declan Hayes è un analista geopolitico ed ex professore di finananza alla Southampton University

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.