I PAESI DELLA UE SI PREPARANO A RUBARSI IL GAS L’UNO CON L’ALTRO

L’Europa sta cercando urgentemente un sostituto per il gas russo: un embargo sulla fornitura di energia dalla Russia non è stato ancora introdotto, ma è attivamente discusso. Alcune opzioni sono già allo studio, anche se con alcune riserve. Ma all’improvviso è sorto un altro problema: i paesi dell’UE hanno iniziato a lottare tra loro per il diritto a ricevere una risorsa così necessaria per ciascuno di loro.


Il gas liquefatto è l’ultima speranza dell’Europa

di Vladimir Dobrynin per Vzgliad.ru 8.04.2022

L’Europa sta cercando urgentemente un sostituto per il gas russo: un embargo sulla fornitura di energia dalla Russia non è stato ancora introdotto, ma è attivamente discusso. Alcune opzioni sono già allo studio, anche se con alcune riserve. Ma all’improvviso è sorto un altro problema: i paesi dell’UE hanno iniziato a lottare tra loro per il diritto a ricevere una risorsa così necessaria per ciascuno di loro.

Dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina, il “Commonwealth dei Ventisette” ha fatto una proposta sulle prime pagine dei suoi giornali: “ci rifiuteremo di acquistare gas russo”. Lo sostituiremo con altri fornitori.

La scelta dei “deputati” si è rivelata scarsa: Algeria, Qatar, Usa, Azerbaigian e Nigeria sono stati nominati tra i possibili salvatori. Sembrava che l’Europa non avesse nulla di cui preoccuparsi, anche se a un costo molto superiore rispetto a quello che si pagherebbe per il carburante russo. Ma ora si scopre che non c’è praticamente nessuno da cui prendere il gas alternativo.

Il primo potenziale salvatore sono gli Stati Uniti. Secondo Deutsche Welle , Washington ha promesso agli europei di raschiare 15 miliardi di metri cubi dai loro barili in un anno “per aiutare i partner”. Ma il volume delle forniture di “salvataggio” previsto dagli Stati Uniti chiuderà il buco nero emergente della domanda di gas europea solo per il 10% della sua dimensione.

La seconda opzione sarebbe stato il Qatar. A Doha hanno espresso il piacere che i grandi fratelli bianchi dell’UE si siano rivolti a loro, ma alla fine dei negoziati hanno alzato le mani: “non c’è capacità disponibile”. Quasi tutti i 178 miliardi di metri cubi di GNL prodotti da questo emirato arabo sono già stati assegnati ad acquirenti. È possibile aumentare la produzione solo se si costruiscono nuove capacità industriali, che richiedono quasi 30 miliardi di dollari di investimenti e diversi anni per costruire un impianto.

Tuttavia, il ministro dell’Economia tedesco Robert Habek ha visitato Doha e ha parlato con “ufficiali di alto rango”. Questo è bastato alla stessa DW per dire che Germania e Qatar si aspettavano un “partenariato a lungo termine”, che “la proposta ha ricevuto un sostegno più ampio del previsto”. Ma non ha permesso al ministro di compiacere i suoi connazionali risolvendo oggi il problema dell’approvvigionamento del gas.

Le parole del capo del ministero dell’ Economia tedesco hanno fatto preoccupare i colleghi di Francia, Belgio, Paesi Bassi e Polonia, gli Stati che prendono il Gnl in Qatar. Essendosi resi conto che la partecipazione dei tedeschi all’acquisto del gas dall’emirato è possibile solo riducendo le quote acquisite da ciascuno dei quattro paesi nominati.

Gli africani avrebbero aiutato, ma…

Il terzo possibile salvatore dell’Europa – l’Algeria – oggi è semplicemente a un bivio. Non molto tempo fa, la Spagna ha annunciato la necessità di riattivare il progetto MidCat sepolto tre anni fa per le forniture di gas algerino (7 miliardi di metri cubi all’anno) da Barcellona alla Francia e alla Germania. E l’Italia ha annunciato l’intenzione di ricevere dall’Algeria altri 9 miliardi di metri cubi di gas all’anno attraverso il gasdotto TransMed/Enrico Mattei (l’Italia deve infatti sostituire 29 miliardi di metri cubi di gas russo all’anno).

Lo stato africano produce 22 miliardi di metri cubi all’anno, di cui 13 miliardi vanno alla Spagna. Il resto va ai loro bisogni interni, e anche piccole quantità alla Francia e all’Italia. L’Algeria potrà aumentare la produzione, ma allo stesso modo del Qatar: prima, investimenti nel progetto di un nuovo impianto di GNL e diversi anni per la costruzione di nuovi impianti, e solo allora – un aumento delle forniture.

Ora, si scopre che l’Algeria dovrebbe considerare seriamente con chi lavorare con i volumi disponibili, cioè non crescenti, di mantenere lo status quo o togliere una parte a qualcuno per trasferirlo a un altro. A tal proposito, Taufik Hakkar, CEO di Sonatrach, la principale compagnia petrolifera e del gas del paese, ha affermato che l’Algeria non è attualmente in grado di compensare l’Europa per le forniture mancanti di gas russo.

Vale la pena aggiungere che, secondo gli accordi con la dirigenza dell’Unione Europea, l’Algeria non ha la possibilità legale di commerciare gas direttamente con nessun paese dell’UE: tutte le questioni dovrebbero essere risolte solo attraverso Bruxelles. La controversia italo-spagnola è una testimonianza del fatto che Madrid e Roma possono liberarsi da queste restrizioni se la preoccupazione per il bene pubblico lo richiede. Inoltre, esiste già un precedente di sganciamento dal quadro normativo imposto dall’Unione Europea: gli stessi negoziati tra Germania e Qatar.

“Accordi preliminari tra Italia e Algeria”, sono stati raggiunti di recente, ha commentato con note di delusione lo spagnolo El Mundo. Il lettore è spinto a un pensiero semplice: i paesi d’Europa devono, ovviamente, agire insieme, ma in realtà ognuno tende a tirare l’acqua al proprio mulino.

Francia, Spagna e Portogallo discutono tra loro su chi sarà in grado di importare più gas naturale dalla Nigeria, le cui riserve accertate (5,5 trilioni di metri cubi) superano addirittura quelle dell’Algeria (2,3 trilioni). Non ci sono infrastrutture sufficienti per soddisfare le crescenti esigenze di tutti e tre, quindi ancora una volta ciascuno dei paesi sta conducendo i propri negoziati riservati con Abuja e, a giudicare dalle fughe di notizie, spera di aumentare la propria quota riducendo le quote degli altri.

C’è da dire, inoltre, che la Spagna ha qualche preoccupazione per i piani dell’Italia di aumentare gli acquisti di gas dall’Algeria, ma si è espressa finora, per così dire, in modi indiretti. La preoccupazione diretta “gli italiani ci stanno togliendo la nostra quota” suona male. Tutto è ancora al livello di “abbiamo perso l’opportunità di pompare gas algerino attraverso il Marocco”, e Roma “ne ha approfittato e cerca di aumentare i suoi acquisti”, perché il suo tubo funziona e c’è un’opportunità per aumentare la sua produttività .

Ricordiamo che nel settembre dello scorso anno il gasdotto Algeria-Marocco-Spagna ha smesso di funzionare: i marocchini hanno intensificato il conflitto con la Spagna, che ha sostenuto l’indipendenza del territorio del Sahara occidentale, che il Marocco considera proprio. L’Italia prevede di trasferire a sé il volume vacante. In questa situazione, Madrid ha fatto affidamento su un aumento delle forniture di GNL all’Europa da parte dell’Algeria (da 86 petroliere all’anno a 146), ma gli algerini insistono per aumentare il costo del gas acquistato dalla Spagna. L’Algeria è pronta ad alzare il prezzo solo per la Spagna”, osserva El Periodico. «È chiaro che l’Italia ha maggiori possibilità di vincere questa competizione», dice tra le righe El País spagnolo.

“Bruxelles ha presentato tutta una serie di proposte all’Unione Europea per liberarsi del giogo di Vladimir Putin su questo piano [gas]. Ma al momento questo cappio è stretto [al collo dell’UE]”, riassume 20 minutos .

La pubblicazione non indica come esattamente i tre paesi europei sopra citati stiano combattendo per il mercato del gas nigeriano, suggerendo che la lotta sia ancora in corso “sotto il tappeto” e, molto probabilmente, il lettore medio vedrà alla fine a conoscenza non del processo, ma del risultato. Sulla situazione del gas nel mercato nigeriano, The Beijin News , ritiene generalmente che l’Europa abbia poche prospettive di espansione degli acquisti in Nigeria, perché gli africani hanno bisogno, in primo luogo, di investimenti nello sviluppo delle infrastrutture e nella costruzione di nuovi impianti, e in secondo luogo, per aumentare le forniture, l’Europa non sarà in grado di offrire prezzi del gas così elevati come offre l’Asia.

“I nigeriani, come il Qatar, sono concentrati sulle consegne in Cina, Giappone, India, Corea del Sud e altri paesi del sud-est asiatico”, osserva la pubblicazione. E gli europei, se intendono entrare in questo gioco, dovranno investire almeno 30 miliardi di euro nella costruzione di un gasdotto lungo 4128 km.

Mercì, Baku

Per quanto riguarda l’aumento della fornitura di gas azero, la questione è oggetto di controversia tra Turchia, Bulgaria e Romania. Inoltre, se la prima ne ha bisogno principalmente per il trasporto in Europa e per ottenere un suo margine sulla rivendita e sul pompaggio, il secondo e il terzo ne hanno bisogno per scopi di produzione e riscaldamento: si tratta di circa 5 miliardi di metri cubi.

L’Azerbaigian, secondo l’ agenzia turca Anadolu , invia in Europa circa 10 miliardi di metri cubi attraverso varie linee, e potrà aumentare la sua produttività solo quando sarà documentato l’interesse aggiuntivo degli acquirenti e saranno presentate garanzie al 100% di pagamento per eventuali consegne da parte loro. Tuttavia, la fornitura di garanzie e prove di interesse qui, come nel caso di Algeria e Qatar, è solo il primo passo. Per soddisfare le esigenze dei futuri acquirenti del prodotto, Baku dovrà creare nuovi impianti di produzione di gas e prepararlo per il trasporto. Ovvero, servono ancora anni e miliardi di dollari di investimenti.

Le autorità dell’UE ei governi degli Stati membri dell’UE non si vergognano ad ammettere che rinunciare al gas russo è un processo molto costoso e non di avere prospettive da poter realizzare rapidamente. Ci sono solo due opportunità per l’Europa di mantenere oggi il suo “gas welfare”: o allontanare i fornitori esistenti l’uno dall’altro (come è già stato fatto), o pagare la Russia in rubli e continuare così gli acquisti.

Quale strada verrà scelta sarà chiaro solo dopo il 15 aprile, quando i primi rubli europei saranno ricevuti (o non ricevuti) sui conti Gazprom. Non si può pensare che l’intera UE accetti di lavorare in valuta russa. Ma i primi segnali ci sono già stati: la Slovacchia ha dichiarato di “consentire pagamenti in rubli per il gas russo”, e l’Ungheria che “ è pronta a pagare in rubli ”.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *