BUKELE DALL’IRRUZIONE AL PARLAMENTO CON L’ESERCITO, ALL’ELIMINAZIONE DELLE GANG!

Bliz presidenziale dell'esercito

Era il 10 febbraio dell’anno scorso quando il blitz presidenziale dell’esercito in Parlamento ha cambiato per sempre El Salvador.Senza maggioranza, senza alcun deputato in Parlamento ma artefice di una vittoria schiacciante nel febbraio del 2019, il giovane presidente Nayir Bukele, classico politico popolare millennial di 38 anni, ha perso le staffe e si è presentato in Parlamento seguito dai soldati e dai poliziotti fortemente armati che lo hanno nei fatti occupato. L’opposizione, guidata dal FNLN, erede della guerriglia e al governo negli ultimi 8 anni, è rimasta attonita. La maggioranza dei deputati aveva già lasciato l’emiciclo per protesta ma i pochi che erano all’interno si sono alzati in piedi e qualcuno ha anche sollevato le mani in segno di resa.

Bukele ha calmato gli animi ma ha ribadito la sua richiesta: entro una settimana il Parlamento deve approvare il disegno di legge che rafforza con 109 milioni di dollari la sicurezza nel Paese. La mossa giunge al termine di una settimana di discussioni culminate domenica con una manifestazione di 50mila persone (5mila secondo i media locali) che hanno riempito le strade di San Salvador urlando all’”insurrezione”. Secondo Bukele erano i cittadini esasperati dalla violenza che ha terrorizzato il Paese. Il Salvador è tra i più sanguinosi al mondo, con le maras, le bande criminali nate a Los Angeles e formate da giovani figli di immigrati tornati poi a casa, che dettano legge. La piccola e grande criminalità domina interi territori.

Fonte : repubblica

La guerra contro le gang criminali in El Salvador: oltre 1000 arresti tra le bande

 Più di 6.000 membri di bande sono stati arrestati nei primi nove giorni di uno stato di emergenza in El Salvador, ha detto lunedì il presidente Nayib Bukele, dopo aver imposto le misure per eliminare un’impennata dell’ondata di omicidi.

Il paese centroamericano ha dichiarato le misure di emergenza – consentendo l’arresto di membri di bande senza un mandato – la scorsa settimana dopo che 87 omicidi segnalati dal 25 al 27 marzo.

E lunedì il presidente ha detto che i 6.000 detenuti in poco più di una settimana si sono aggiunti ai 16.000 membri della banda già incarcerati nelle carceri di El Salvador.

Parlando in una caserma della polizia nella capitale San Salvador, Bukele ha affrontato le preoccupazioni pubbliche delle bande che “si vendicano” sulla popolazione a causa delle massicce operazioni di arresto.

Se commettono un atto di vendetta, “non ci sarà nemmeno un pasto nelle carceri”, ha detto il presidente.

“Giuro su Dio che non mangeranno un solo chicco di riso, e vedremo quanto dureranno, e non mi interessa quello che dicono le organizzazioni internazionali”, ha aggiunto.

Oltre agli arresti senza mandato, le misure di emergenza – che durano un mese – limitano anche la libertà di riunione, mentre le telefonate e le e-mail possono essere intercettate senza un ordine del tribunale.

Tale ampia e rapida attuazione dei poteri concessi all’esercito e alla polizia ha attirato l’allarme delle organizzazioni locali e internazionali per i diritti umani.

Bukele ha aggiunto di aver ordinato la costruzione di un carcere di massima sicurezza con una capacità di 20.000 detenuti.

“Ci sono solo due modi: la prigione o la morte”, ha detto.

Il 40enne presidente, eletto nel 2019, gode di un ampio sostegno in El Salvador per le sue promesse di combattere il crimine organizzato e migliorare la sicurezza nel paese devastato dalla violenza.

La scorsa settimana, il parlamento controllato dal partito di governo ha riformato il codice penale per aumentare la pena massima per i membri delle bande da nove a 45 anni di carcere.

Fonte : France 24

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.