GLI F-22 RAPTORS SI DIRIGONO VERSO LA POLONIA

L’F-22 sta facendo la sua prima apparizione nel teatro europeo da quando l’invasione russa dell’Ucraina è iniziata più di cinque mesi fa. La temperatura si sta innalzando pericolosamente (e stavolta non c’entra l’estate torrida).

Un F-22 Raptor assegnato al 90th Fighter Squadron, 3rd Wing, Joint Base Elmendorf-Richardson, Alaska atterra alla base della Royal Air Force di Lakenheath, Inghilterra, 26 luglio 2022. Il Raptor è un componente critico della Global Strike Task Force ed è progettato per proiettare rapidamente il dominio dell’aria a grandi distanze per sconfiggere le minacce emergenti. Gli F-22 supporteranno la missione NATO Air Shielding nel teatro europeo. (Foto US Air Force di Airman Seleena Muhammad-Ali).

Howard Altman, F-22 Raptors Are Heading To Poland, The Drive | WarZone, 27 luglio 2022


Mentre la Russia minaccia “un’azione più dura” contro gli Stati Uniti se continueranno ad armare l’Ucraina, sei caccia stealth F-22 Raptor dell’aeronautica americana sono arrivati ​​in Inghilterra diretti in Polonia. Questo dispiegamento non ha precedenti per il caccia aria-aria più capace del mondo. Gli F-22 avevano già fatto tappa in Polonia in precedenza, ma erano solo due unità in quella che era più una rapida missione di buona volontà e rassicurazione che un vero e proprio dispiegamento.

I caccia di quinta generazione provengono dal 90th Fighter Squadron, parte del 3° stormo dell’Air Force presso la Joint Base Elmendorf-Richardson, in Alaska, ha annunciato il ramo volante in un comunicato stampa mercoledì. Sono arrivati ​​​​alla base della RAF di Lakenheath in Inghilterra martedì, in rotta verso la 32a base aerea tattica a Łask, in Polonia. Una volta schierata, l’unità sarà denominata 90th Expeditionary Fighter Squadron e supporterà la missione NATO Air Shielding.

F-22 Raptors assegnati al 90th Fighter Squadron, 3° Stormo, base comune Elmendorf-Richardson, Alaska sorvolano l’aerodromo della Royal Air Force di Lakenheath, Inghilterra, 26 luglio. (Foto: U.S. Air Force, di Airman Seleena Muhammad-Ali)

La missione NATO Air Shielding riunisce unità alleate di difesa aerea e di superficie e unità di difesa missilistica sotto il comando e il controllo della NATO. Questa missione “fornirà uno scudo quasi senza soluzione di continuità dal Baltico al Mar Nero, assicurando che gli alleati della NATO siano in grado di salvaguardare e proteggere meglio il territorio, le popolazioni e le forze dell’Alleanza dalla minaccia aerea e missilistica”, ha affermato l’Air Force nel suo comunicato.

Fa parte del sempre maggiore sforzo degli Stati Uniti e dei suoi partner della NATO di rafforzare la presenza aerea nella regione, un processo che ha iniziato a profilarsi molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina, nel tentativo (fallito) di dissuadere Vladimir Putin dall’agire e di rafforzare il fianco orientale della NATO nell’eventualità in cui lo avesse fatto. Ma da allora, 120 jet sono stati messi in massima allerta, ha detto a maggio a una riunione dei capi della difesa della NATO il generale dell’aeronautica militare in pensione Tod Wolters, all’epoca comandante del comando europeo degli Stati Uniti e comandante supremo alleato in Europa.

C’è stato “un aumento del 50% dei jet da combattimento che pattugliano i cieli”, ha detto.

La Polonia, nel frattempo, è diventata un punto di riferimento per armi straniere e altri rifornimenti militari diretti in Ucraina e ha fornito essa stessa varie armi come carri armati e obici stessa. Il governo polacco sta anche lavorando per rafforzare le proprie difese, acquistando carri armati da combattimento statunitensi Abrams e, recentemente, carri armati, obici e aerei dalla Corea del Sud.

A seguito dell’arrivo di armi in Ucraina, Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa sul controllo degli armamenti a Vienna, ha minacciato “azioni più dure” contro l’Occidente, secondo il Kyiv Independent.

Questi sono solo gli ultimi combattenti statunitensi ad arrivare in Polonia.

Anche gli F/A-18 Hornet del 2° stormo aereo della marina sono alla base aerea di Łask, “dispiegati per migliorare le capacità della NATO nell’Europa orientale su invito” della Polonia, secondo lo stesso articolo.

La Polonia ha una posizione geografica streategica e condivide lunghi tratti di confine con la Bielorussia e l’Ucraina. Il suo spazio aereo è ora difeso da F-16 e MiG-29 polacchi, assistiti da caccia statunitensi, inclusi gli F-35A che volano da Spangdahlem in Germania. Anche gli aerei E-3 AWACS sono una presenza fissa nella regione per supportare i voli di caccia della NATO vicino ai confini dell’Ucraina e della Bielorussia, così come i tanker KC-135 per supportare queste operazioni.

La NATO afferma di aver “rafforzato pesantemente il suo fianco orientale dall’inizio dell’anno in risposta al rafforzamento militare della Russia al confine con l’Ucraina e all’eventuale invasione”.

“Le forze aeree della NATO hanno rafforzato la loro presenza nella parte orientale dell’Alleanza, contribuendo a proteggere la NATO da qualsiasi aggressione”, ha affermato il capo di stato maggiore del comando aereo alleato del quartier generale, il generale Jörg Lebert in un comunicato di maggio. “Diverse dozzine di jet da combattimento sono in allerta in qualsiasi momento per rispondere a possibili violazioni dello spazio aereo e per scoraggiare l’aggressione”.

L’infografica della NATO mostra come gli aerei alleati vengono dispiegati sul fianco orientale dell’alleanza. Foto: quartier generale NATO.

A febbraio, jet da combattimento F-15C e F-15D Eagle dell’Air Force completamente armati sono  arrivati ​​a Lask per prendere parte a una missione progettata per “migliorare la posizione di difesa collettiva della NATO”, oltre a supportare la missione permanente del Baltic Air Policing (BAP) in la Regione. Questi aerei ora sono spariti, ma il flusso di caccia statunitensi che hanno intrapreso la missione non è cessato.

Il comunicato dell’Air Force di mercoledì sugli F-22 diretti in Polonia promuove le capacità che il Raptor apporta alla missione, sottolineando come questo aereo abbia “capacità di fornire letalità e sopravvivenza contro qualsiasi minaccia emergente di fascia alta. Il Raptor esegue missioni aria-aria e aria-terra, consentendo la piena realizzazione di concetti operativi vitali per l’Air Force del 21° secolo”.

Il comunicato che esalta il Raptor arriva mentre l’Air Force sta cercando di ritirare più di due dozzine dei più vecchi esempi di jet stealth, come abbiamo discusso in dettaglio qui.

Questo F-22A Raptor spara un AIM-120 AMRAAM in addestramento. Foto: USAF

Tuttavia, quel piano potrebbe essere alterato. Sia la Commissione per i servizi armati della Camera che quella del Senato, che sovrintendono al finanziamento e alla supervisione del Pentagono per conto del Congresso, stanno cercando di fare in modo che l’Air Force non solo mantenga, ma aggiorni i 33 F-22 di vecchio modello che aveva voluto scartare nei piani della proposta di bilancio 2023.

Il futuro del Raptor è qualcosa di cui abbiamo discusso in passato, riflettendo sui pro e contro di una forza Raptor più piccola e più capace. C’è un motivo per investire in F-22 più efficaci e renderli ancora migliori, specialmente con il programma Next Generation Air Dominance (NGAD) all’orizzonte e il numero di F-35A in aumento. D’altra parte, l’F-22 ha già oggi problemi di disponibilità, con un tasso di capacità di missione di circa il 50% in tempo di pace.

Oltre a ciò, ci sono solo circa 125 Raptor “codificati per il combattimento” nell’inventario in un dato momento. Affrontare i requisiti di formazione non farà che esacerbare questi problemi. Inoltre, avere una sorta di forza di riserva per possibili scenari di conflitto potrebbe essere un grande vantaggio.

Nel caso in questione, questi F-22 sono arrivati ​​dall’Alaska per supportare questa missione. In passato, gli schieramenti di European Raptor erano supportati dalle unità Langley AFB e Tyndall AFB negli Stati Uniti.

Indipendentemente da ciò, il caccia aria-aria più capace del mondo è ora diretto verso un paese alleato che confina con un paese che la Russia ha invaso. Il messaggio è molto chiaro.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.