ZUGWANG*

Il futuro dell’Europa sembra cupo. Ora è pressato dalla sua stessa imposizione di sanzioni e dal conseguente aumento dei prezzi delle materie prime. L’UE è inoltre vincolata dalle proprie rigidità istituzionali che sono così gravi che la sua ampia struttura non può né andare avanti né indietro. Va in giro in stato confusionale. Come può l’Europa salvarsi? Rompendo strategicamente con Washington e concludendo un accordo con la Russia, oppure si ritroverà ‘battuta’ dalle sue stesse sanzioni. Dategli tempo. Alla fine verrà compreso come questa sia la soluzione.

* Un termine degli scacchi, in cui un giocatore deve muoversi, ma ogni mossa possibile peggiora solo la sua situazione

Di Alastair Crooke – 20 giugno 2022 – per Strategic Culture (originale in glese)

Il futuro dell’Europa sembra cupo. Ora è pressata dalla sua stessa imposizione di sanzioni e dal conseguente aumento dei prezzi delle materie prime. L’UE è stordita.

L’autodistruzione occidentale – un enigma che sfida qualsiasi spiegazione causale. Gli esempi in cui la politica è perseguita nell’apparente indifferenza verso qualsiasi cosa somigli a una riflessione rigorosa, sono diventati così estremi da portare un ex capo militare britannico (ed ex capo delle forze NATO in Afghanistan), Lord Richards, a sbuffare che il rapporto tra strategia e qualsiasi sincronizzazione dei fini si è irrimediabilmente interrotta in Occidente.

L’Occidente persegue una “strategia” “vediamo come va”, o in altre parole, nessuna vera strategia, sostiene Richards. Molti direbbero che un culto dell’inarrestabile, svincolato, positivo spin, ha asfissiato le facoltà critiche tradizionali. Com’è possibile che l’Occidente, inondato di “Think tank”, invariabilmente si sbaglia così tanto? Perché meme e illusioni facili , spacciandosi per geopolitica, ottengono poca o nessuna sfida? La conformità alle narrazioni ufficiali e tradizionali è tutto. È sconcertante osservare questo divenire routine, senza un’apparente consapevolezza dei rischi che ciò comporta.

L’epicentro chiave della crescente instabilità geopolitica di oggi è lo stato dell’economia occidentale: le autorità sono state così compiacenti – che l’inflazione non avrebbe mai increspato le acque dell’economia statunitense basata sulla valuta di riserva – che si presumeva che la recessione ciclica fosse stata ‘sradicata’; non avrebbe mai più “insudiciato” la sfera dei consumatori (elettori), grazie a un ‘vaccino’ per la stampa di denaro; e comunque, l’aumento del debito “non importa”.

Questa visione facile presupponeva che lo “status di riserva” in sé e per sé sradicasse l’inflazione – mentre per il mondo esterno, era sempre il sistema dei petrodollari che costringeva il mondo intero ad acquistare dollari per finanziare i propri bisogni; è stata l’ondata di beni di consumo cinesi a buon mercato; e sono state le fonti energetiche a basso costo messe a disposizione dell’industria occidentale dalla Russia e dagli Stati del Golfo, che hanno tenuto a bada l’inflazione.

La spesa del governo occidentale “ha sparato alla luna” sulla scia della crisi del 2008 ed è semplicemente esplosa durante i lockdown del Covid, e poi – in un episodio di visione geostrategica compromessa – quelle energie a basso costo e altre risorse vitali alla base della produttività economica sono state sanzionate incautamente e anche minacciate di ban.

Coloro che indossano gli occhiali rosa dell’ “Energy Transition” si sono semplicemente rifiutati di riconoscere che un EROI (ritorno di energia sull’energia investita – per estrarre quella data energia) maggiore di un multiplo di 7 è necessario per il funzionamento della società moderna.

Ora ne osserviamo le conseguenze: inflazione dilagante e l’Occidente che si arrampica sugli specchi alla ricerca di alternative economiche che non lo mandino in bancarotta. Sforunatamente sono scarse. Qual è l’implicazione geopolitica? In una parola, estrema fragilità sistemica . Questo ha già completamente sconvolto la politica interna degli Stati Uniti. Tuttavia, né gli aumenti dei tassi di interesse, né la distruzione della domanda (mediante il crollo dei valori degli asset) cureranno l’inflazione strutturale. Gli economisti occidentali rimangono ossessionati dagli effetti monetari sulla domanda , a scapito di riconoscere le conseguenze dell’aver preso a martellate commerciali un complesso sistema di rete.

Il dolore sociale sarà immenso. Già molti americani devono comprare il cibo con carte di credito quasi al limite, e questo non farà che peggiorare. Eppure il dilemma è più profondo. Il modello economico ‘anglosassone’ di Adam Smith e Maynard Keynes – il sistema di consumo alimentato dal debito, sovrapposto a una sovrastruttura iperfinanziata – ha sventrato le economie reali. Il consumo ha la meglio sulla produzione e la fornitura di cose. Strutturalmente, diventano disponibili posti di lavoro sempre meno ben retribuiti, man mano che l’economia reale guadagna di meno, spiazzata da un’effimera bolla del marketing.

Ma cosa fare con il 20% della popolazione non più economicamente necessario in questa economia attenuata?

Questo difetto strutturale non era del tutto prevedibile? Avrebbe dovuto esserlo; la crisi finanziaria del 2008, che ha quasi mandato in crash il sistema, è stata un campanello d’allarme. Prevalse di nuovo la miopia; le macchine da stampa rombavano.

E l’Europa, grazie alla sua sanzione accettata con gioia, ma autodistruttiva, dell’energia e delle risorse russe, sta creando un simile (o peggio) disastro inflazionistico. Ora è fin troppo evidente che l’UE non ha effettuato alcuna due diligence prima di sanzionare la Russia. Il potenziale contraccolpo è stato semplicemente messo da parte in una foschia di “impatto zero” e spacconate ideologiche. Allo stesso modo, l’Europa si è lanciata nel conflitto militare in Ucraina, ancora una volta senza la cura di definire i suoi obiettivi strategici o i mezzi per raggiungere un fine, trascinata da un’ondata di entusiasmo panglossiano per la “causa” ucraina.

L’inflazione qui in Europa è a doppia cifra. Eppure, senza arrossire, Lagarde della Bce afferma: “Abbiamo l’inflazione sotto controllo”. Cresceremo ancora nel 2022 e la crescita accelererà nel 2023 e nel 2024. Strategia? Sincronizzazione dei fini? I suoi erano solo affermazioni scollate da tutta la realtà.

Questo evento della BCE, tuttavia, ha un importante significato geopolitico . Con l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti da parte della Fed, la BCE viene smascherata come priva di strumenti credibili per affrontare l’aumento vertiginoso e l’allontanamento dei tassi del debito sovrano europeo da qualsiasi parvenza di convergenza. È iniziata una crisi del debito sovrano europeo; peggio, è probabile che alcuni debiti sovrani diventino inacquistabili e paria.

Giusto per essere chiari, l’accelerazione della crisi inflazionistica in Europa mina le posizioni politiche di quasi tutti i principali partiti della zona euro, poiché incontreranno la vera rabbia popolare; mentre l’inflazione divora la classe media; e gli alti prezzi dell’energia azzereranno i profitti aziendali.

C’è ancora di più in questa impotenza della BCE – un significato più profondo: la Fed sta alzando i tassi di interesse – ben consapevole di essere “molto indietro rispetto alla curva” – per avere un impatto significativo sull’inflazione (durante l’era di Volcker, il tasso dei Fed Funds ha toccato 20 %).

I rialzi della Fed sollevano la domanda se la prima abbia altri obiettivi in mente, oltre all’inflazione statunitense: Powell sarebbe scontento di vedere la BCE e l’Eurozona sprofondare nella crisi? Forse no. Le buffonate del mercato dell’eurodollaro (offshore) e le politiche sui tassi della BCE hanno effettivamente legato le mani di Powell.

Ora la Fed agisce in modo indipendente – e nell’interesse americano in primo luogo – e la BCE è nei guai. Dovrà seguire l’esempio e aumentare i tassi. La Fed è di proprietà delle grandi banche commerciali di New York. Questi ultimi sanno che il “set” Davos-Bruxelles mira a passare, quando possibile, a un’unica valuta digitale della Banca centrale europea, una mossa che rappresenterebbe uno sviluppo che minaccia lo stesso modello di business delle grandi banche statunitensi. (Forse non è un caso, quindi, che le valute digitali stiano ampiamente crollando nello stesso momento).

Michael Every di Robobank scrive : “Se gli Stati Uniti perdessero il potere del dollaro come garanzia globale – per le materie prime come garanzia – allora la loro “economia e mercati [americani] seguiranno presto [con il potere che si sta esaurendo allo stesso modo]”.

“Forse quella logica non regge, ma una Fed aggressiva oggi suggerisce di sì”. Powell che ha affermato a marzo che “è possibile avere più di una valuta di riserva” è sicuramente un cenno a questa tendenza, con il collegamento fatto dalla Russia del rublo all’oro e dell’energia al rublo.

Le Big Banks statunitensi, quindi, con Powell come portavoce, stanno screditando ‘Davos’ e lasciano che la Lagarde oscilli nel vento. Stanno mettendo gli interessi finanziari americani al primo posto. Questo è un enorme cambiamento rispetto all’era degli Accordi del Plaza.

Il punto? Il punto è che la zona euro dell’UE è stata – su insistenza tedesca – costruita come un’appendice del dollaro. Ora la Fed è concentrata sull’arresto della corsa verso le materie prime come garanzia globale. E l’Europa, con le sue predilezioni ‘davosiane’, viene sacrificata. I dollari prestati al sistema dell’eurodollaro stanno “tornando a casa”.

C’è un futuro per l’Eurozona, vista la sua nota incapacità di riformarsi?

In particolare, tutti questi cambiamenti tettonici, nel loro nucleo, derivano dalla saga ucraina e dall’abbraccio dell’Occidente alla guerra finanziaria a tutto spettro contro la Russia. Pertanto, l’epicentro della fragilità finanziaria occidentale coincide con l’epicentro del conflitto in Ucraina, che ora si sta svolgendo come una debacle politica a lenta combustione sia per l’Europa che per gli Stati Uniti con i fuochi inflazionistici nelle loro economie già accesi, questi ultimi non avrebbero potuto scegliere un momento peggiore per sperimentare il boicottaggio di tutto ciò che è russo.

Il significato geopolitico della convergenza tra finanza e aspetti militari risiede nel progressivo “restringimento” degli obiettivi occidentali (presumibilmente strategici).

Prima doveva imporre un’umiliante sconfitta militare a Putin. Quindi, indebolire militarmente la Russia, in modo che non possa mai più ripetere la sua “operazione speciale” altrove in Europa. Poi è diventata un limite al successo militare russo nel Donbas, poi anche a Kherson e a Zaporizhzhia. Quindi, è semplicemente diventata una narrazione di continuare l’attrito contro le forze russe per i prossimi mesi, per infliggere danni alla Russia.

Recentemente, è diventato che le forze ucraine devono continuare la lotta per avere voce in capitolo in qualsiasi “accordo” di pace, e forse anche per “salvare” Odessa. Oggi si dice che solo Kiev può prendere la dolorosa decisione su quale perdita di territorio sovrano può ‘sopportare’ – per il bene della pace.

È davvero ‘Game over’ . Ora è tutto un gioco di colpe. La Russia imporrà i propri termini all’Ucraina utilizzando semplicemente la carta militare.

L’importanza strategica di questo non è ancora stata digerita completamente: sono stati, ovviamente, i leader occidentali a fare un grande gioco affermando che, in assenza della dolorosa umiliazione e sconfitta militare di Putin, l’ordine liberale basato sulle regole era finito.

Naturalmente, per dimostrare al mondo che l’Occidente non ha perso del tutto il suo vigore, il Team Biden continua a infilare le dita negli occhi alla Cina su Taiwan. Alla recente conferenza sulla sicurezza di Shangri-la, Zelensky (senza dubbio seguendo un canovaccio occidentale) ha insistito sul fatto che i paesi asiatici avrebbero “perso”, se avessero aspettato lo svolgersi della crisi, ad agire per conto di Taiwan . Per ‘vincere’, la comunità internazionale deve “agire in modo preventivo, non quello che viene dopo l’inizio della guerra”, ha detto Zelensky.

I cinesi erano comprensibilmente furiosi e ne è seguito un tumultuoso incontro tra il segretario Austin e il generale Wei. Ma qual è esattamente l’obiettivo strategico nel provocare la Cina così implacabilmente: quali sono le tattiche più ampie implicite in questa strategia?

Poi c’è l’Iran. Dopo otto tornate di negoziati, sembra che gli Stati Uniti si stiano tranquillamente allontanando da un accordo JCPOA, una mossa che suggerisce che gli Stati Uniti siano pronti a venire a patti con l’Iran come uno “stato sulla soglia del nucleare” – una prospettiva considerata non così sorprendentemente minacciosa o immediata, tanto da giustificare la spesa di capitali statunitensi, o lo sviamento della limitata “larghezza di banda” dell’attenzione della Casa Bianca da questioni più urgenti.

Ma poi tutto è cambiato rapidamente: l’AIEA ha censurato l’Iran, con quest’ultimo che ha poi scollegato 27 telecamere di sorveglianza dell’AIEA in risposta. Israele ha rilanciato la sua campagna di assassinio di scienziati iraniani e di recente ha superato i limiti nel bombardamento dell’aeroporto di Damasco. Israele sta chiaramente spingendo forte affinché l’Occidente costringa l’Iran all’angolo

Ma – “Stiamo andando alla deriva”, ha detto l’ex inviato statunitense Aaron David Miller; “Sperando che l’Iran non spinga l’agenda nucleare; Israele non faccia qualcosa di veramente grande; e l’Iran e i suoi delegati non uccidano molti americani in Iraq o altrove”. Ancora una volta, lo dice Miller, ma potrebbe essere stato un “Questa non è una strategia” di Lord Richards.

Tuttavia, la guerra in Ucraina ha un’importanza strategica per gli Stati Uniti e Israele, anche se Miller non la vede ancora. Perché, se la nuova “dottrina” ucraina è che Kiev dovrebbe fare dolorose concessioni di territorio per la pace, allora ciò che è appropriato per l’oca ucraina, deve esserlo anche per il papero israeliano.

Naturalmente, le onde strategiche emanate dall’epicentro dell’Ucraina si sono estese molto più ampiamente: al Sud del mondo, al subcontinente indiano e oltre.

Eppure questa analisi, finora, non è miope? Non è anche carente? Non c’è un pezzo mancante nel puzzle strategico? In tutto quanto precede il tema è stato quello del rifiuto del governo occidentale di impegnarsi nella due diligence, combinato con una complessa fissazione culturale con la coesione e l’assoluta singolarità del discorso – quest’ultimo non ha permesso a nessuna “diversità” di penetrare nelle sue “narrazioni chiave”.

Lo stesso vale per Russia e Cina? No.

Quindi, ci rivolgiamo agli obiettivi strategici della Russia: la ridefinizione dell’architettura di sicurezza globale e il respingimento della NATO dietro le linee del 1997. Ma quali potrebbero essere i suoi mezzi per questo ambizioso traguardo?

Bene, riorientiamo il telescopio e guardiamo dall’altra parte. L’Occidente è stato chiaramente colpito da una grave miopia rispetto alle proprie contraddizioni e difetti interni, preferendo concentrarsi solo su quelli degli altri.

Sappiamo però che sia la Cina che la Russia hanno studiato il sistema finanziario ed economico occidentale e ne hanno individuato le contraddizioni strutturali. Lo hanno detto. Li hanno esposti chiaramente (dal 19° secolo in poi). Viene spesso fatta un’analogia con il judo rispetto alla capacità del presidente Putin di usare la maggiore forza fisica dell’avversario contro di lui, in modo da farlo cadere.

Non è probabile che Russia e Cina abbiano percepito allo stesso modo gli indubbi muscoli economici dell’Occidente, ma abbiano anche percepito la probabilità che questi possano sforzare eccessivamente la loro presunta forza superiore? e che quell’eccessiva estensione potrebbe essere il mezzo per ‘batterlo’? Forse si trattava solo di aspettare che queste contraddizioni economiche maturassero nel disordine?

Il futuro dell’Europa sembra cupo. Ora è pressato dalla sua stessa imposizione di sanzioni e dal conseguente aumento dei prezzi delle materie prime. L’UE è inoltre vincolata dalle proprie rigidità istituzionali che sono così gravi che la sua ampia struttura non può né andare avanti né indietro. Va in giro in stato confusionale.

Come può l’Europa salvarsi? Rompendo strategicamente con Washington e concludendo un accordo con la Russia, oppure si ritroverà ‘battuta’ dalle sue stesse sanzioni. Dategli tempo. Alla fine verrà compreso come questa sia la soluzione.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.