EGITTO IGNORA RICHIESTE USA, SPAZIO AEREO APERTO AI VOLI MILITARI RUSSI

1

L’Egitto ha ignorato le richieste americane di chiudere lo spazio aereo ai voli militari russi. Mosca dispone così di un percorso tortuoso ma certo verso la Siria. Funzionari USA affermano che la Russia ha utilizzato i voli per trasportare armi in Ucraina dalla Siria.

Fonte: Wall Street Journal


L’Egitto ha ignorato le richieste degli Stati Uniti di chiudere il suo spazio aereo ai voli militari russi, hanno affermato funzionari americani ed egiziani, testando i limiti della capacità di Washington di soffocare le forniture di Mosca prima di una prevista controffensiva ucraina.

Gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno convinto paesi tra cui Turchia, Giordania e Iraq a tagliare l’accesso ad almeno alcuni aerei militari russi l’anno scorso dopo l’invasione dell’Ucraina, costringendo gli aerei di Mosca a volare per 2.000 miglia in più e fino a cinque ore in più per raggiungere le basi strategiche in Siria .

Ma l’Egitto ha consentito i sorvoli russi, offrendo a Mosca un percorso tortuoso ma certo verso la Siria, dove le sue forze hanno aiutato il presidente Bashar al-Assad in una guerra civile negli ultimi anni. Funzionari statunitensi affermano che la Russia ha utilizzato i voli per trasportare armi in Ucraina dalla Siria.

Funzionari statunitensi ed egiziani hanno affermato che diversi funzionari americani hanno chiesto all’Egitto a febbraio e a marzo di chiudere il suo spazio aereo all’esercito russo, una mossa che bloccherebbe di fatto l’accesso aereo alla Siria. L’Egitto non ha risposto alla richiesta, hanno detto i funzionari, e continua a consentire i voli russi.

Alla domanda sulla richiesta, un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato: “Ci rifiutiamo di commentare conversazioni diplomatiche private”. Il ministero degli Esteri egiziano non ha risposto a una richiesta di commento.

Off limits. Gli Stati Uniti hanno chiesto all’Egitto di chiudere il proprio spazio aereo ai voli militari russi, cercando di bloccare l’accesso di Mosca alle principali basi militari in Siria. Turchia, Iraq e Giordania hanno limitato il loro spazio aereo ai voli militari russi. Fonti: Organizzazione dell’aviazione civile internazionale (confini dello spazio aereo); Flightradar24 (percorso di volo)
Emma Brown/Wall Street Journal

Mentre anche altri paesi come l’Arabia Saudita hanno permesso alla Russia di continuare a utilizzare il proprio spazio aereo, il ruolo dell’Egitto è fondamentale a causa della sua posizione nel punto di strozzatura strategico che collega l’Africa e l’Asia. Il suo spazio aereo confina anche con quello della Grecia, membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico che ha bloccato i voli russi.

L’esercito russo ha fatto volare più aerei in Siria sullo spazio aereo egiziano nelle ultime settimane, secondo funzionari statunitensi e registri di volo esaminati dal Wall Street Journal. Le basi sono tra le uniche installazioni militari permanenti della Russia al di fuori dell’ex Unione Sovietica e fungono da punto di sosta per i voli verso l’Africa, i Caraibi e oltre.

Almeno sette voli militari russi sono andati da e verso la Siria nell’arco di due settimane tra la fine di aprile e l’inizio di maggio, secondo i registri dei voli. Sempre ad aprile, i registri mostrano almeno due voli di un gigantesco aereo cargo Antonov An-124 dalla Russia meridionale alla Siria, per poi tornare nella regione del Mar Nero della Russia meridionale, vicino alla penisola di Crimea occupata dall’Ucraina. L’An-124 è abbastanza grande da trasportare veicoli e persino carri armati.

Le mosse di Turchia, Iraq e Giordania per bloccare alcuni voli russi aggiungono circa 2.000 miglia al viaggio, che passa attraverso il Mar Caspio, poi l’Iran, l’Arabia Saudita, l’Egitto e infine il Mar Mediterraneo per raggiungere le basi militari russe in Siria, secondo i registri di volo recensito dal Giornale. La nuova rotta impiega più di sei ore per volare dalla Russia meridionale alla Siria, rispetto a meno di due ore per i voli più brevi.

Il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi con il suo omologo russo, Vladimir Putin, nel 2018. FOTO: KREMLIN POOL/ZUMA PRESS

La Russia ha scorte di munizioni, veicoli di fanteria, difese aeree, pezzi di ricambio e personale in Siria che potrebbero essere utili nella guerra in Ucraina, secondo gli analisti militari.

“È un adattamento tattico”, ha detto Mathieu Boulègue, consulente presso il think tank Chatham House ed esperto di guerra russa e industria militare del paese. “Probabilmente stanno tirando fuori roba da tutte le parti. Abbiamo visto dispiegamenti simili e logiche simili nei distretti militari in Russia, dove utilizzano il database di ciò che hanno in un dato momento”.

La Russia è stata limitata nelle sue operazioni via mare nella regione. La Turchia ha invocato i suoi diritti in base a un trattato dello scorso anno per impedire alla Russia di portare ulteriori navi da guerra nel Mar Nero attraverso il Bosforo, impedendo a Mosca di alternare nuove navi e armi necessarie per l’assalto all’Ucraina.

L’anno scorso, i funzionari ucraini hanno accusato la Russia di usare una nave da carico commerciale per trasportare un sistema missilistico di difesa aerea S-300 dalla Siria alla Russia attraverso lo stretto turco, sfruttando una scappatoia nella Convenzione di Montreux, il trattato che regola l’uso del missile strategico corso d’acqua. Lo scorso anno la Turchia ha chiuso il punto di accesso strategico al Mar Nero alle navi da guerra russe.

“L’aumento del traffico aereo dimostra l’importanza della chiusura dello stretto turco. Sono costretti a trasportare tutto in aereo”, ha affermato Yoruk Isik, capo di Bosphorus Observer, una società di consulenza che monitora il traffico marittimo e aereo nella regione. “Dimostra che stanno trasportando qualcosa di prezioso che non vogliono venga visto nemmeno per sbaglio dai turchi.”

L’Egitto è il secondo più grande destinatario di aiuti militari statunitensi nel mondo, ricevendo circa 1,3 miliardi di dollari all’anno da Washington, ma il Cairo è stato spesso un alleato problematico. Il governo del presidente Abdel Fattah Al Sisi, un ex generale salito al potere con un micidiale colpo di stato militare nel 2013, ha incarcerato cittadini statunitensi e ha sostenuto un leader della milizia appoggiato dalla Russia che ha lanciato una guerra civile di 14 mesi in Libia nel 2019.

Telegram | Portale | Ultim'ora | Twitter | Instagram | Truth Social | Odysee

Condividi!

1 thought on “EGITTO IGNORA RICHIESTE USA, SPAZIO AEREO APERTO AI VOLI MILITARI RUSSI

  1. L’Egitto ha avuto sempre rapporti commerciali e militari con la Russia e fin dai tempi di Nasser non ha mai, giustamente amato gli angloamricani. Giusta coerenza. Indegna la Turchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *