L’UNIONE ECONOMICA EURASIATICA SI FA AVANTI

L’Eurasian Economic Forum ha dimostrato ancora una volta che questo treno ad alta velocità dell’integrazione economica ha già lasciato la stazione. È abbastanza illuminante notare il netto contrasto con il destino e l’oscurità senza fine che affliggono un Occidente collettivo incline all’inflazione, alla carenza di energia, alla carenza di cibo, alle “narrazioni” fittizie e alla difesa dei neonazisti sotto la bandiera della “democrazia” liberale.

di Pepe Escobar per Strategic Culture

L’Eurasian Economic Forum ha dimostrato ancora una volta che il treno ad alta velocità dell’integrazione economica ha già lasciato la stazione.

Il primo Forum economico eurasiatico , a Bishkek, in Kirghizistan, si è svolto questa settimana in un momento geopolitico molto delicato, come continua a sottolineare il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che “l’Occidente ha dichiarato guerra totale contro di noi, contro l’intero mondo russo. Nessuno lo nasconde nemmeno adesso”.

È sempre importante ricordare che prima di Maidan nel 2014, l’Ucraina aveva la possibilità di diventare un membro a pieno titolo dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) e persino di bilanciarla con una libera associazione con l’UE.

L’EAEU comprende cinque membri a pieno titolo – Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Bielorussia e Armenia – ma 14 nazioni hanno inviato delegazioni al forum, tra cui Cina, Vietnam e nazioni dell’America Latina.

C’era molto rumore sul fatto che il procedimento sarebbe stato messo a repentaglio dai pacchetti di sanzioni seriali imposti alla Russia dall’Occidente collettivo. Non c’è dubbio che alcuni membri dell’EAEU – come il Kazakistan – sembrino più preoccupati per gli effetti delle sanzioni che per la messa a punto degli affari con la Russia. Eppure non è questo il punto.

Il punto cruciale è che entro il 2025 devono armonizzare la loro legislazione sui mercati finanziari. E questo è direttamente collegato a ciò su cui sta lavorando estensivamente l’organo esecutivo dell’EAEU, guidato da Sergey Glazyev: progettare i lineamenti di un sistema finanziario/economico alternativo a quello che l’Occidente preferirebbe coniare come Bretton Woods 3.

Il Forum economico eurasiatico è stato istituito esplicitamente dal Consiglio economico eurasiatico supremo per approfondire ulteriormente la cooperazione economica tra i membri dell’EAEU. Non sorprende che il tema ufficiale del forum fosse l’integrazione economica eurasiatica nell’era dei cambiamenti globali: nuove opportunità di investimento , incentrato sullo sviluppo strategico nei settori industriale, energetico, dei trasporti, finanziario e digitale.

Tante strategie convergenti

Il discorso del presidente Putin alla sessione plenaria è stato piuttosto rivelatore. Per apprezzare davvero la portata di ciò che è implicito, è importante ricordare che il concetto di Greater Eurasian Partnership è stato presentato da Putin nel 2016 al Forum economico di San Pietroburgo, incentrato su un “partenariato eurasiatico più ampio che coinvolga l’Unione economica eurasiatica” e che includa la Cina , Pakistan, Iran e India.

Putin ha sottolineato come la spinta a sviluppare legami “nel quadro del Greater Eurasian Partnership” (…) “non sia stata la situazione politica ma le tendenze economiche globali, perché il centro dello sviluppo economico – ne siamo consapevoli, e i nostri uomini d’affari ne sono consapevoli – si sta gradualmente spostando, continua a spostarsi nella regione Asia-Pacifico”.

Ha aggiunto, “nelle attuali condizioni internazionali in cui, sfortunatamente, i tradizionali collegamenti economici ed economici e le catene di approvvigionamento vengono interrotti”, il Greater Eurasian Partnership “sta acquisendo un significato speciale”.

Putin ha stabilito un collegamento diretto non solo tra il Greater Eurasian Partnership e i membri dell’EAEU, ma anche tra “membri BRICS come Cina e India”, “l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, l’ASEAN e altre organizzazioni”.

E questo è il fulcro dell’intero processo multistrato in corso di integrazione dell’Eurasia, con le Nuove Vie della Seta guidate dalla Cina che si intersecano con l’Unione economica eurasiatica, la SCO, i BRICS+ e altre strategie convergenti.

Lavrov questa settimana ha affermato che l’Argentina e l’Arabia Saudita vogliono unirsi ai BRICS, il che viene meticolosamente preparato per la prossima estate in Cina. Non solo: Lavrov ha menzionato come alcune nazioni arabe vogliano entrare a far parte della SCO. È stato attento a descrivere questo processo di alleanze convergenti come “non antagonistico”.

Putin da parte sua è stato attento a definire la Greater Eurasian Partnership come “un grande progetto di civiltà. L’idea principale è quella di creare uno spazio comune per una cooperazione equa per le organizzazioni regionali”, cambiando “l’architettura politica ed economica dell’intero continente”.

Da qui la necessità di “elaborare una strategia globale per lo sviluppo di un partenariato eurasiatico su larga scala”, che includa “una tabella di marcia per l’industrializzazione”. Ciò si traduce in pratica nello sviluppo di “centri di ingegneria e centri di ricerca. Questo è inevitabile per qualsiasi paese che voglia aumentare la propria sovranità economica, finanziaria e, in definitiva, politica.».

Yaroslav Lissovolik del Valdai Club è uno dei principali analisti che tiene traccia di come questa convergenza possa avvantaggiare l’intero Sud del mondo. Sottolinea che tra la “variabilità e diversità nelle piattaforme che possono essere lanciate dalle economie del Sud del mondo, la più ampia e completa delle quali potrebbe includere l’aggregazione di CELAC (America Latina), Unione Africana (Africa)” e SCO in Eurasia.

E un insieme ancora più diversificato di “blocchi regionali che mirano a una maggiore integrazione potrebbe includere una piattaforma BRICS+ che comprende la Comunità di sviluppo sudafricana (SADC), MERCOSUR, BIMSTEC”, l’accordo di libero scambio Cina-ASEAN e l’EAEU.

L’Eurasian Economic Forum ha dimostrato ancora una volta che questo treno ad alta velocità dell’integrazione economica ha già lasciato la stazione. È abbastanza illuminante notare il netto contrasto con il destino e l’oscurità senza fine che affliggono un Occidente collettivo incline all’inflazione, alla carenza di energia, alla carenza di cibo, alle “narrazioni” fittizie e alla difesa dei neonazisti sotto la bandiera della “democrazia” liberale.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *