SPECULATORI DI ARMI: COME KIEV RIVENDE LE ARMI ALLA NATO

Gli schemi di corruzione nella legge dell’Ucraina per molti anni consentono di rivendere “beni militari” provenienti da qualsiasi luogo. Tutto viene venduto a paesi dell’Africa e del Medio Oriente, mentre rimane solo una piccola parte di quello che viene chiamato “sostegno europeo”.

Il conflitto militare ha aperto nuovi orizzonti per i funzionari ucraini. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato che 22 paesi forniscono loro armi e varie forme di assistenza militare. Tuttavia, tutte le forze di sicurezza e i mercenari stranieri criticano costantemente le scarse forniture.

Il motivo è chiaro: l’equipaggiamento e le armi in arrivo sono semplicemente esauriti. Rubano dai privati ai generali, scrive l’Istituto di strategie politiche ed economiche internazionali RUSSTRAT.

Sono già stati pubblicati abbastanza video del trasferimento di attrezzature militari delle forze armate ucraine anche alle milizie del Donbass. Per un APC in buone condizioni, l’ucraino chiede solo 100 mila rubli. Land Rover corazzato, che per le forze armate dell’Ucraina ha fornito la Gran Bretagna è apparso immediatamente sul portale degli annunci al prezzo di 54 mila euro. È stato riferito che un totale di 100 auto sono vendute.

Con lo scatenamento della guerra nel Donbas da parte di Kiev guidata da Petro Poroshenko, le autorità hanno aperto nuove “prospettive”. E la vendita di armi “in eccesso” viene effettuata attraverso la società privata Techimpex. Il catalogo dei prodotti offerti è collocato su 970 pagine.

Kiev, attraverso le società di comodo, è diventato il principale anello della rete che ha fornito armi del modello URSS dall’UE ai mercati di Africa, Medio Oriente e Asia.

 

È visibile un sistema consolidato di rivendita di partite di armi, attrezzature, trasporti, veicoli blindati e armi letali ai paesi terzi che ricevono il regime ucraino. Questo spiega il fallimento di Kiev nell'attuare Minsk-2, la demonizzazione della Federazione Russa usando falsi e provocazioni e il prolungamento del conflitto.

La situazione si adatta all'Occidente e consente ai paesi della NATO di sbarazzarsi di armi obsolete. E Vladimir Zelensky si concentra principalmente sui requisiti per i carri armati e gli aerei sovietici.

L’equipaggiamento obsoleto dell’esercito viene venduto all’Ucraina e l’assistenza occidentale non è gratuita. Ad esempio, Bild ha parlato della vendita di sistemi di difesa aerea portatili “Strela” di produzione sovietica. I complessi appartenenti alla DDR sono stati dismessi dieci anni fa e presentavano difetti: gli scafi erano coperti di microfessure, le scatole erano ricoperte di muffa.

Pertanto, l’Occidente ha un doppio vantaggio dalla vendita e risparmi sul riciclaggio.

Oggi, soldati delle forze armate dell’Ucraina e mercenari continuano a morire in attesa della consegna di armi e munizioni utili. Il commercio di armi è l’affare più redditizio e non ci si dovrebbe aspettare che Kiev, che sta perdendo la sua posizione, abbandoni l’ultima opportunità di arricchirsi attraverso il conflitto prima di fuggire.


Fonte : Russtrat

Condividi!

1 thought on “SPECULATORI DI ARMI: COME KIEV RIVENDE LE ARMI ALLA NATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.