L’ANNO NERO DELLA LIRA TURCA

La lira turca chiude il peggior anno in due decenni.

Fonte: RT News


La lira turca ha chiuso il 2021 perdendo il 44% del suo valore nei confronti del dollaro USA, il 19% solo nell’ultima settimana dell’anno. Questa è stata la peggiore performance della lira turca da quando il presidente Recep Tayyip Erdogan è salito al potere quasi 20 anni fa. La lira è scesa da 18,4 a 10,25 contro il dollaro USA nelle ultime due settimane, recuperando leggermente per chiudere l’anno a 13,19 venerdì. La lira turca è stata anche la peggiore performance dell’anno tra le valute dei mercati emergenti, secondo i dati di Refinitiv.

Il crollo della valuta turca ha guadagnato velocità negli ultimi mesi a seguito del “nuovo programma economico” di Erdogan, che si è concentrato su esportazioni, credito e bassi tassi di interesse, affermano gli analisti. Nel tentativo di alleviare il calo, Erdogan a dicembre ha presentato un piano per proteggere i depositi locali convertiti dalle perdite contro le valute forti, che ha visto un brusco ma breve rally del 50% grazie al supporto della banca centrale.

Lottando per proteggere i propri risparmi, i turchi hanno convertito le loro riserve in lire in valute forti. I dati ufficiali citati da Reuters mostrano che le disponibilità locali di valute forti sono balzate alla cifra record di 238,97 miliardi di dollari solo la scorsa settimana. Venerdì, Erdogan ha esortato i cittadini ad attenersi alla lira per i propri risparmi, sostenendo che la volatilità del mercato era sotto controllo. “Finché non prendiamo i nostri soldi come punto di riferimento, siamo destinati ad affondare. La lira turca, i nostri soldi, questo è ciò con cui andremo avanti. Non con questa valuta estera o quella valuta estera”, ha detto, aggiungendo che il suo governo continuerà a perseguire una politica di tassi di interesse bassi, che vede come un mezzo per abbassare i prezzi, ma è molto criticata in tutto il mondo.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *